F8 2016, SF: Trento sconfitta, Avellino in finale dopo 8 anni

F8 2016, SF: Trento sconfitta, Avellino in finale dopo 8 anni

Due liberi di Cervi a 4” dalla fine regalano la finale alla Scandone, l’Aquila cede 69-71

Una gara nervosa, ricca di errori, ma con una squadra che ha saputo azzannare il match nell’ultimo giro d’orologio. I due liberi a 4” dal termine di Cervi (19 punti per l’MVP di serata) si sono rivelati decisivi, siccome sull’altro lato del campo Trento è deragliata senza trovare nemmeno il tiro per rimandare il verdetto al supplementare. L’Aquila domina a rimbalzo, ne coglie 23 in attacco dimostrando un grande atletismo ma anche una pesante imprecisione in fase offensiva (40% da 2 e 26% da 3) che le sarà fatale. La Scandone, seppur con percentuali di poco migliori, ha dimostrato una maggior fame di successo che l’ha spinta fino alla finale sulle ali di Buva (19+6) e appunto Cervi (19+4), facendosi trovare pronta e con i nervi saldi nel momento decisivo. E allora 24 ore di riposo, per poi tentare di riscrivere nuovamente la storia dopo quel magico 2008.

CRONACA

1° TEMPO: Parte bene Avellino, con Cervi che firma 8 punti dei primi 11 della Scandone, mentre Trento risponde con Pascolo e Forray (13-11 al 7’). Dopo il -2 di fine primo quarto, 4 punti di fila di Berggen ridanno il vantaggio ai bianconeri, poi la zona di coach Buscaglia manda in tilt l’attacco irpino con Sutton che spinge a +6 i suoi (26-20 al 14’). In un secondo periodo da polveri bagnate, si vive sugli errori altrui e la persa di Flaccadori lancia il contropiede biancoverde, a cui segue il timeout chiamato da Buscaglia (28-24 al 17’). Trento però è piantata e Avellino ne approfitta, aiutata anche dalla sorte, con il canestro da metà campo di Green sulla sirena di fine primo tempo (30-34 al 20’).

2° TEMPO: La Sidigas trova subito il massimo vantagio il lay-up di Cervi, ma due bombe di fila di Forray ristabiliscono la parità (41-41 al 24’). Le due squadre si alternano al comando, ma ancora una volta è una bomba allo scadere a far felice Avellino con Nunnally che porta la Scandone a +2 (53-55 al 30’). Buva è on fire e il suo 15° punto vale il +3, la bomba di Flaccadori impatta nuovamente il match, ma è ancora l’ex Cantù ad azzannare il match (63-67 al 38’). Il timeout giova però all’Aquila, che al rientro sul parquet riacciuffa ancora la gara, ma due liberi di Cervi a 4’’ dal termine fanno volare la Sidigas in finale.

MVP Basketinside: Riccardo Cervi (19 punti e 22 di valutazione)

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – SIDIGAS AVELLINO 69-71 (16-18, 30-34, 53-55)

Trento: Poeta 2, Sanders 3, Pascolo 13, Forray 15, Flaccadori 5, Sutton 4, Lockett 4, Lechthaler ne, Wright 15, Berggren 8. All: Buscaglia

Avellino: Norcino ne, Ragland 3, Green 10, Veikalas 3, Acker, Leunen 7, Cervi 19, Severini, Nunnally 10, Pini, Buva 19, Parlato ne. All: Sacripanti.

Fotogallery a cura dei nostri inviati

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy