Fesenko versione Monstre: Avellino è più solida e sbanca Bologna

Fesenko versione Monstre: Avellino è più solida e sbanca Bologna

Il centro ucraino fa il bello e il cattivo tempo sotto le plance e la Scandone espugna il Paladozza, infliggendo alla Virtus la terza sconfitta sconfitta casalinga tra le mura amiche.

di Matteo Capelli

La Sidigas Avellino dimentica la sconfitta in Europa subita per mano della Reyer Venezia e sbanca il Paladozza, battendo la Segafredo Bologna con il punteggio finale di 64 a 70. Gli uomini di Sacripanti, trascinati da un immenso Kyrilo Fesenko (15 pt, 15 rim, 7 falli subiti e 34 di valutazione), hanno condotto per quasi tutta la partita (grazie anche ad un dominio per 41 a 31 a rimbalzo) senza mai riuscire a dare la spallata decisiva ad una Virtus stanca e sprecona ma mai arrendevole. Al termine di un match punto a punto, i canestri di Filloy (11 pt, 5 rim e 2 ass con 2/5 da 3). e Fesenko (ben servito da Rich) hanno indirizzato la contesa a favore degli ospiti biancoverdi. Nel primo tempo, Avellino era stata tenuta quasi sempre davanti grazie ad un solidissimo Rich (17 pt e 2 ass, ma anche 6 palle perse). Continua la maledizione del parquet rosso per la Virtus (da quando il nuovo suolo è stato montato 4 perse su 5 al Madison), che, priva di Umeh e con un Alessandro Gentile onestamente non in condizione di giocare, si è aggrappata ad Aradori (22 pt con 5/7 da 3) e Slaughter (11 pt e 4 rim) ed ha trovato in Wilson un insperato appoggio offensivo nel finale. Nonostante la sconfitta i bianconeri restano ampiamente in corsa per un posto nella post season.

Quintetti

Virtus: Lafayette, Aradori, A. Gentile, Baldi Rossi, Salughter.

Scandone: Filloy, D’Ercole, Rich, Leunen, Fesenko.

Davanti ai 5000 del Paladozza, Avellino parte con ottima lucidità sfruttando il talento di Rich (già 8 punti con anche un gioco da 4 siderale) e la fisicità di Fesenko, ma due triple di Aradori (una fortunosa di tabella) tengono la Virtus a contatto sul 10 a 12 del 5’. Il primo canestro bianconero di Wilson dà il pareggio a Bologna, che però continua a subire uno scatenato Rich (alleyoop delizioso per l’inchiodata di Lawal), che trascina i suoi sul 15 a 18 di fine primo quarto. L’ottimo impatto di Lawson porta le VNere in parità (20 pari al 12’), ma la solidità difensiva della Scandone tiene i padroni di casa lontano dall’area e i canestri di Scrubb le regalano 9 punti di margine (20 a 29 al 15’). Ndoja e Aradori danno un po’ di ossigeno ad una Virtus che difende bene e va al riposo a – 5, nonostante le grandi difficoltà a contenere lo strapotere fisico di Fesenko sui due lati del campo (già 11 pt, 9 rim e 4 falli subiti con 21 di valutazione): vantaggio Avellino 28 a 33 a metà, grazie al dominio 14 a 25 a rimbalzo (11 offensivi). Al rientro, i lupi vengono sorpresi dall’intensità di Bologna che va davanti trascinata da Aradori e Slaughter: 38 a 35 al 25’. Complici i continui sprechi offensivi di entrambe le squadre, il punteggio si trascina in equilibrio, finché 5 punti conescutivi di Filloy consentono ad Avellino di prendere 7 punti di vantaggio, prima del layup sulla terza sirena di Ndoja: 41 a 46 al 30’. Il copione del terzo quarto si ripete: Aradori e Stefano Gentile riportano subito in parità a Virtus, prima che due pesantissime triple di Fitipaldo e Rich ridiano il vantaggio agli ospiti (46 a 52 al 34’). Avellino sembra più fresca, ma Bologna reagisce subito e torna di nuovo in parità con il solito Aradori: 55 a 55 a 4’ e 30” dalla fine. Il Paladozza è una bolgia: Wilson, dopo aver buttato via un’incredibile contropiede, dà il vantaggio alla Virtus, ma Filloy gli risponde subito con la tripla del 62 a 64 a 1’ dal gong. Dopo la persa di Lafayette, Rich e Fesenko confezionano il gol vittoria. Wilson prova a crederci ma è troppo tardi: vince Avellino 64 a 70.

Segafredo Bologna – Sidigas Avellino 64 – 70 (15 – 18; 28 – 33; 41 – 46)

Bologna: A. Gentile, Pajola, Baldi Rossi 2, Ndoja 4, Lafayette 5, Aradori 22, S. Gentile 6, Lawson 7, Slaughter 11, Wilson 7. All. Ramagli.

Avellino: Zerini 4, Wells 4, Fitipaldo 3, Sabatino NE, Lawal 4, Leunen 5, Scrubb 7, Filloy 11, D’Ercole, Rich 17, Fesenko 15, Parlato. All. Sacripanti.

Fotogallery a cura di Giulia Pesino

Lafayette

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy