Il “marziano” Daye non basta a Pesaro, Milano esulta nel finale

Il “marziano” Daye non basta a Pesaro, Milano esulta nel finale

Al Forum di Assago va in scena una partita gradevole che vede il successo dell’Olimpia Milano nel finale. Pesaro cede con onore e rimpiange il non aver sfruttato pienamente un Austin Daye pressochè immarcabile ed autore di 32 punti al termine.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – CONSULTINVEST PESARO 82 – 78 (23-17, 16-27, 22-14, 21-20)

La partita di stasera tra Milano e Pesaro al Forum ha regalato tante emozioni e diversi spunti interessanti. La squadra di Repesa, dopo un momento non facile, si è trovata davanti una formazione che ha voluto giocarsela per tutti i 40 minuti. Il grande equilibrio visto in campo è stato spezzato nell’ultima frazione dai canestri di Sanders, mentre l’MVP della partita è Esteban Batista, autore di 20 punti, 11 rimbalzi e 26 di valutazione.

Milano parte con Kalnietis, Cerella, Simon, Macvan e Batista, mentre Pesaro risponde con Lacey, Christon, Sheperd, Daye e Lydeka. L’avvio della squadra di Repesa è fulminante, con una serie di canestri consecutivi che valgono il 10-0 dopo neanche 3 minuti di gioco: Paolini è costretto ad interrompere immediatamente il gioco con un time-out per provare a fermare il momento di difficoltà. La reazione degli ospiti è immediata, guidata da un Daye che convolge i compagni: il punteggio si muove rapidamente perché gli attacchi sono efficaci. Batista e lo stesso Daye soono rebus di difficile risoluzione per le difese in questi primi minuti: in campo c’è grande equilibrio e il tabellone recita 23-17 per i padroni di casa.

Un 5-0 di Pesaro in apertura di seconda frazione riporta Pesaro a contatto, sfruttando anche un momento di black out in attacco della squadra di Repesa, che decide di fermare il gioco per riordinare le idee e fermare il parziale. La staticità dell’attacco milanese, fatto di molti 1 contro 1 dal palleggio non porta a soluzioni efficaci: gli ospiti provano ad approfittarne ma la gara non vede nessuna delle due squadre riuscire a creare un break importante e al 15′ il punteggio è 28-32. La scarsa brillantezza dell’Olimpia continua, nonostante una serie di cambi scelti da Repesa provino a cambiare l’inerzia: Pesaro esegue bene nella metà campo offensiva, esprimendo un gioco corale gradevole e produttivo, con il solito Daye sugli scudi che chiude il primo tempo della gara con un canestro da fuori che vale il 44-39 per la sua squadra.

Il terzo fallo di Daye in apertura di terzo quarto potrebbe rappresentare un problema, con Milano che impatta a quota 48: gli ospiti riescono a rimanere in vantaggio nel punteggio grazie alle iniziative dei migliori giocatori. Le penetrazioni di Christon valgono il nuovo +6 a 4 minuti dalla fine del periodo e costringono Repesa a chiedere time-out, con la sua squadra incapace di segnare con continuità ed in difficoltà in difesa. La reazione dell’Olimpia è buona, con la tripla di Kalnietis che vale il 55-58: Paolini comprende che il momento può essere importante ed interrompe il gioco. Il canestro di Sanders corona il parziale di 6-0 dei padroni di casa degli ultimi minuti che chiude il terzo parziale con il tabellone che dice 61-58.

La sfida tra Batista e Daye continua anche nell’ultimo periodo, con i due, assoluti protagonisti della contesa, capaci di segnare a ripetizione. Un tecnico fischiato contro lo stesso centro di Milano e una serie di buoni attacchi della Consultinvest valgono la nuova parità a quota 68 a 6 minuti dal termine. Il punteggio continua a rimanere in grande equilibrio entrando negli ultimi 4 minuti di gioco: Sanders trova un paio di canestri di puro talento che dilatano il margine tra Olimpia e Consultinvest, mentre una stoppata di Cerella a 2 minuti dalla fine incendia il pubblico del Forum. Daye riporta la squadra di Paolini a -2, prima che 4 punti consecutivi di McLean valgano l’81-75 a 1 minuto dalla fine. Pesaro prova a riavvicinarsi, grazie a un 3/3 in lunetta di Austin Daye che vale il -4 a 16 secondi dalla fine e costringe Repesa al time-out. Simon perde la palla, Lacey anche e la partita finisce 82-78. Per Milano, oltre a Batista (20-11 rimbalzi), molto bene Simon (22) e Sanders (13): per la Consultinvest Daye (32) è il migliore, seguito da Shepherd (13) e Christon (12).

MILANO 82 PESARO 78

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO: McLean 7, Lafayette 5, Cerella 3, Kalnietis 5, Macvan 7, Vecerina n.e., Magro n.e., Calò n.e., Cinciarini n.e., Sanders 13, Simon 22, Batista 20+11 rimbalzi

CONSULTINVEST PESARO: Basile 3, Shepherd 13, Gazzotti, Lacey 10, Christon 12, Daye 32, Solazzi, Candussi 2, Lydeka 6, Ceron n.e.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy