Incredibile Sakota, regala la vittoria a Varese allo scadere, si va a gara 7

Incredibile Sakota, regala la vittoria a Varese allo scadere, si va a gara 7

Montepaschi Siena – Cimberio Varese 80–82 (15-27; 41-45; 63-65)

Vince Varese una gara 6 incredibile, con una prodezza di Sakota, a segno con 0.62’’ dal termine su rimessa. Partita che ha visto la Cimberio prendere, come ormai consuetudine, un importante vantaggio sopra la doppia cifra nei primi 15’, prima di venir lentamente recuperata con il passare dei minuti, fino al vantaggio di 6 punti per Siena a 3’ dal termine. Ultimi 3’ giocati però con troppa sufficienza dai ragazzi di Banchi, puniti, oltre che da Sakota, dall’mvp dell’incontro, Green, doppia doppia da 20 punti 10 rimbalzi e 5 assist. Fondamentale l’apporto nel primo quarto di Dunston (10 punti) ed i 16 di Banks. Per la Montepaschi 3 giocatori si sono assestati a 17 punti, Brown (poco preciso al tiro con 6/15), Ortner (decisivo per la rimonta) e Moss (clamoroso da 3pt con 5/7). Non bastano a garantire alla Montepaschi la vittoria che le avrebbe regalato la finale, tanti i rimbalzi offensivi concessi e gli errori ai liberi. Gara 7 venerdì a Varese, sarà un incontro imperdibile per tutti gli appassionati di pallacanestro!

Quintetto iniziale Siena: Brown Carraretto Moss Kangur Ortner

Quintetto iniziale Varese:  Green Banks Ere Sakota Dunston

CRONACA

DUNSTON IMMARCABILE, DOMINIO VARESE – Tensione tra le tifoserie ed inizio di gara già intensissimo tra le squadre; Varese, come di consueto ormai in questa serie, parte con il piede premuto sull’acceleratore, trovando ritmo in attacco con Dunston (5pt) e la tripla di Sakota per il +7 già al 3’ (4-11). L’ennesimo gioco offensivo per Dunston, eseguito alla perfezione dagli ospiti, obbliga coach Banchi a chiamare timeout per interrompere l’emorragia in attacco. I lombardi non sbagliano però un tiro, sia esso preso con costrutto, sia esso una forzatura al termine dei 24’’; raggiunge addirittura il massimo vantaggio 6-18 con il piazzato di Green, replicato poco dopo con il gioco da tre punti del solito Dunston, già a quota 10 punti. La tripla di Moss pare un segnale di ripresa per Siena, ma resta l’unico canestro dei toscani su azione degli ultimi 3’ del quarto: Varese in totale controllo del match, sia in attacco che in difesa, al 10’ avanti 15-27.

SIENA RIENTRA CON LE BOMBE DI MOSS – Pronti via, tre triple consecutive di Moss quantomeno rimettono in ritmo offensivamente la Montepaschi, comunque inefficace in difesa contro avversari che dominano a rimbalzo in attacco (7 catturati, quasi tutti tramutati in una seconda occasione a segno) e tirano con percentuali sopra il 50%, mentre Siena suda anche dalla linea della carità (4/9), 26-39 al 14’. Siena però, come un diesel, riscalda i suoi motori; nei successivi due giri d’orologio piazza un parziale di 10-0 con due triple di Kangur e Janning, oltre 4 liberi che rimettono in piedi la partita per i padroni di casa: 36-39, poi 41-45 al termine del primo tempo dopo i due liberi finali messi a segno da Green, ottavo e nono punto della sua partita.

PARTITA DAI CONTINUI PARZIALI – Al rientro in campo dopo la pausa lunga, Varese trova subito confidenza in attacco con Sakota e Banks, ma avrebbe tra le mani più e più volte la possibilità di allungare lo scarto di nuovo sulla doppia cifra, visto lo 0/6 al tiro di Siena, che impiega ben 4’ prima di segnare in contropiede con Moss (44-49). La Montepaschi non riesce però a trovare quelle extra-energie che le permettono di tornare a contatto con gli avversari, pagando la tremenda efficacia del duo Green-Banks, i quali portano a scuola la difesa a uomo di Siena e regalano il nuovo +10 ad un soddisfatto Vitucci (50-60 al 26’). Banchi ancora una volta è costretto al timeout per rimettere in carreggiata i propri ragazzi; le motivazioni del coach di Grosseto sembrano far breccia nella testa dei mensanini, i quali al rientro in campo, aiutati dalla preziosa presenza nello spot di centro di Ortner, aprono il campo trovando comodi tiri dalla lunga, a differenza del primo tempo messi a segno con continuità. La Montepaschi, azione dopo azione, rientra ed ha addirittura la palla del vantaggio con la tripla di Kangur sputata dal ferro all’ultimo secondo, Varese ancora avanti 63-65.

LOTTA PUNTO A PUNTO, SAKOTA LA VINCE ALLO SCADERE!!! – Il sorpasso, non trovato sul finire del terzo quarto, arriva quasi immediato con le prime azioni dell’ultimo periodo, piazzato di Janning e schiacciata di Ortner, prima volta che la Montepaschi conduce dall’inizio dell’incontro (67-65). Adesso la partita si infiamma e la lotta è punto a punto; gli arbitri non permettono più alcun contatto, la Montepaschi già al 3’ è in bonus mentre la Cimberio è a quota 3. I canestri di Brown ed Ortner tengono avanti Siena, mentre il destino di Varese sempre è tra le mani di Green & Banks. La tripla di Moss a 3’30’’ porta Siena a + 6 (79-73), massimo vantaggio, subito accorciato dal piazzato di Banks. Ultimo minuto di gioco, la Cimberio ci entra con un -3 che subito ricuce grazie al canestro più fallo di Talts (80-80). Palla alla Montepaschi che costruisce, con difficoltà, un tiro da tre preso da Moss ma, per i tifosi di Siena, beffardamente sputato dal ferro. Ultima azione da 24’’, Varese ha la palla della vittoria ma Green sbaglia la conclusione in isolamento contro Moss. A rimbalzo palla buttata fuori da Ortner, ancora 0.62’’ da giocare, palla a Sakota che tira la palla in aria e segna, incredibile vittoria di Varese che si regala gara 7! 80-82 il risultato finale.

MVP GREEN 20 punti 10 rimbalzi 6 falli subiti 5 assist 23 valutazione

TABELLINI

Siena: Brown 17, Eze, Carraretto, Rasic, Kangur 14, Sanikidze, Ress 3, Ortner 17, Lechthaler, Janning 7, Hackett 5, Moss 17. Coach: Banchi.
Varese: Sakota 9, Banks 16, Talts 7, De Nicolao 2, Green 20, Balanzoni, Bertoglio, Cerella 3, Ere 7, Polonara, Dunston 10, Ivanov 8. Coach: Vitucci.

Reportage fotografico dell’incontro a cura di Francesco Giacchini

Fotogallery a cura di Francesco Giacchini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy