La Cimberio degli europei distrugge Caserta sull’asse Helsinki-Tallinn

La Cimberio degli europei distrugge Caserta sull’asse Helsinki-Tallinn

Nella calda domenica del 3 aprile, in una sfida valida per la 24a giornata della Serie A1, si sfidano al PalaWhirlpool di Masnago la Cimberio Varese e la Pepsi Caserta, rivali nella lotta per un posto nelle prime otto. Le due squadre si trovano infatti in parità a quota 22 punti. La Pepsi si presenta a Masnago senza Tim Bowers, mentre Varese ha sostituito nelle rotazioni Simonas Serapinas con il centro estone Janar Talts.

Per l’inizio del match, Recalcati manda in campo Rannikko, Goss, Righetti, Kangur e Slay; Sacripanti risponde con Di Bella, Ere, Colussi, Jones e Williams. È Varese ad aprire la partita con una tripla dell’estone Kristjan Kangur. Righetti parte fortissimo in difesa e recupera subito due palloni, Eric Williams esce di scena dopo meno di 3’ causa secondo fallo commesso. Dopo qualche minuto di equilibrio, un’altra tripla di Kangur ridona il vantaggio a Varese (11-8). La prima mini-fuga varesina arriva con l’ingresso in campo del centro Janar Talts, che si butta contro Jones, sbaglia il tiro, ma recupera il rimbalzo e segna (17-12). La partita scorre senza grandi colpi fino al termine del primo quarto, quando Garri segna in gancio. 21-20 per i padroni di casa dopo i primi 10’ di gioco. Da segnalare il quintetto completamente europeo (Stipcevic-Rannikko-Kangur-Fajardo-Talts) con cui Varese gioca alcuni minuti del quarto.

Il secondo quarto vede il rientro di Slay al posto di Talts. L’asse Rok ‘n’ Ron (Stipcevic-Slay) si dimostra consolidata e il croato confeziona l’ennesimo assist stagionale per il centro biancorosso (25-22). Varese gioca molto meglio degli avversari e, con Stipcevic e Rannikko in campo, la palla gira in maniera meravigliosa; una tripla di Goss regala il +8 alla Cimberio (34-26). Eric Williams è completamente fuori dalla partita (e, d’altronde, quando non gli si concedono le giocate di fisico, è un giocatore molto limitato) e perde due palloni consecutivi, Varese torna sul +8 con un canestro incredibile dello stesso Goss. Un momentaneo blackout di Varese, condito da un antisportivo parecchio dubbio fischiato a Slay, riporta Caserta sotto, ma Talts segna dall’arco dei tre punti (41-34). Dopo un canestro di Ere, Fajardo con la mano in faccia non sbaglia la tripla sulla sirena e il risultato all’intervallo lungo è di 44-36.

Varese parte fortissimo e il parziale 11-2 con cui la Cimberio inizia il terzo quarto è di quelli che chiudono completamente le partite. Rannikko sforna tre assist per altrettante triple dei suoi compagni (Slay, Goss e l’ottimo Righetti), mentre Kangur va a segno dopo un rimbalzo offensivo (55-38). Può sembrare una battuta scontata, ma la realtà è che il Kangur(o) di Varese salta, e lo fa per davvero: Rannikko e Goss alzano due palloni che l’ala estone di Varese converte in due meravigliosi alley-hoop. Sia Ere sia Jones ci provano, ma le loro mani sono congelate e la squadra di Recalcati gioca troppo bene perché gli avversari, troppo individualisti, possano impensierirla. Varese tocca anche il +19 con 5 punti ravvicinati del solito Rok Stipcevic e, dopo 30’, il risultato è 69-52.

La Cimberio sembra in leggera difficoltà all’inizio dell’ultimo periodo, ma il canestro di Stipcevic interrompe il buon momento casertano; Williams commette il suo quinto fallo (71-57). Varese prova a riscappare, ma la tripla di Ere e il canestro di Martin ridanno a Caserta qualche speranza. Goss mette a segno due canestri consecutivi, ma la tripla di Colussi riporta la Pepsi in svantaggio di soli 12 punti (79-67). Dopo un 4/4 di Rannikko dalla lunetta, Caserta si riporta sul -12, ma Goss rialza la palla per Kangur e l’estone volante inchioda per il terzo alley-hoop della sua partita (85-71). I minuti finali di questa partita, seppur già chiusa, assumono una certa rilevanza a causa della differenza canestri negli scontri diretti: all’andata Caserta aveva sconfitto Varese di 12, 92-80. Recalcati chiama infatti un timeout sul +14: sugli sviluppi della rimessa Slay trova la tripla dall’angolo ed esulta in faccia a Sacripanti; Rannikko commette il suo quinto fallo, mentre la panchina di Caserta riceve un tecnico per proteste. 2/2 di Ere e 2/2 di Stipcevic, a poco serve il canestro in contropiede di Di Bella: Varese vince 92-77 e ribalta la differenza canestri. La squadra di Recalcati si trova ora al quinto posto in classifica. Da segnalare l’ottima prova di Janar Talts all’esordio (7 punti, 8 rimbalzi e 2 stoppate in 15‘).

Pagelle e tabellini:

Cimberio: Demartini s.v. (0p, 3’), Goss 7 (14p), Mian s.v. (0p, 1’), Rannikko 8 (8p, 9a), Talts 6,5 (7p), Righetti 7 (3p), Galanda n.e., Bernardi n.e., Kangur 9 (18p), Fajardo 7 (16p), Stipcevic 7 (9p), Slay 8 (17p).

Pepsi: Marzaioli n.e., Koszarek 5 (4p), Colussi 6,5 (15p), Di Bella 5,5 (12p), Garri 5,5 (6p), Doornekamp 4,5 (2p), Ere 6 (16p), Martin 6,5 (6p), Williams 3 (8p), Jones 4 (8p).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy