La Vanoli Cremona rompe il digiuno e fa saltare un Banco spento

La Vanoli Cremona rompe il digiuno e fa saltare un Banco spento

Commenta per primo!

Cremona ha troppa voglia di rifarsi e di cambiare il cammino di questo inizio di campionato e contro una irriconoscibile Sassari, priva di idee e gioco, ottiene il primo successo di campionato, sovvertendo un pronostico che, vedendosi sfidare il miglior attacco contro la peggior difesa, la dava decisamente spacciata. Ma le facce scese in campo, sul fronte lombardo, questa sera erano quelle giuste e per tutti i quaranta minuti si sono visti intensità, grinta e concentrazione su entrambi i lati del campo, che hanno permesso di portare a casa un risultato importantissimo, soprattutto per il morale. Prova finalmente di alto livello per il metronomo americano con passaporto georgiano Woodside, che mette a segno 6 punti ma soprattutto 7 assist in 38 minuti di tutta sostanza; Kelly è tornato ad essere protagonista sotto le plance e con tanto lavoro sporco in difesa, cerando di mettere sempre in mezzo ai passaggi avversari le sue lunghe leve; Rich, nonostante qualche azione ancora troppo in solitaria, riesce a mettere a frutto una prova di sostanza con 25 punti, miglior marcatore di giornata. Chase, che era destinato a guardare i compagni dalle tribune, è invece riuscito a dare 13 minuti di sostanza realizzando anche 10 punti e spronando, nei momenti in panchina, i suoi compagni a non mollare mai. Sul fronte Sassarese, sicuramente ottima prova di Omar Thomas, che con un terzo quarto importante è riuscito a non far sprofondare i suoi, , mentre per il resto poco o nulla si è potuto vedere, con la coppia di cugini Diener che non sono riusciti a dar ritmo ai loro compagni ma anche con Linton Johnson in serata decisamente negativa. Ora Cremona dovrà confermarsi nel prossimo impegno a Pistoia in uno scontro inedito per la Serie A, mentre per Sassari l’imperativo è dimenticare in fretta questa partita per concentrarsi sulla prossima sfida con Varese. I tabellini: Vanoli Cremona – Banco di Sardegna Sassari: 86-74 (21/20 – 46/33 – 69/60) Vanoli Cremona: Chase 10, Conti, Marchetti, Woodside 6, Jackson 16, Spralja 4, Ariazzi n.e., Kalve 11, Fiorentini n.e., Kelly 7, Rich 25, Ndoja 8. Allenatore: Gresta. Banco Di Sardegna Sassari: Green M., Fernandez, Green C. 11, Devecchi n.e., Diener T. 4, Johnson 15, Sacchetti 7, Diener D. 12, Vanuzzo 3, Tessitori n.e., Thomas 22. Allenatore: Sacchetti. Vanoli: T2 29/49 – T3 6/17 – TL 10/11 – RD 22 – RO 10 – PP 10 – PR 8 – AS 13. Sassari:  T2 22/36 – T3 7/25 – TL 4/5 – RD 21 – RO 10 – PP 17 – PR 4 – AS 16. LE PAGELLE MVP BasketInside.com: Omar Thomas: 22 punti, 5 rimbalzi, 22 di valutazione. Unico di Sassari a salvarsi in una sera da dimenticare.         Cronaca della partita: 1° Quarto: le due squadre si affrontano a viso aperto, lasciando a desiderare in difesa E’ di Jason Rich il primo canestro della partita, che si è avviata con lo stesso Rich, Woodside, Kalve, Kelly e Jackson per Cremona, mentre per la Dinamo Sassari si sono presentati sul parquet Green C., Diener T., Johnon, Diener D. e Thomas. Al terzo minuto di gara, il risultato è in sostanziale parità (6-5 per Cremona). Primo tentativo di allungo per i padroni di casa che con Kalve mettono la tripla del +5 sul 13-8, ma immediatamente Drake Diener mette la tripla del riavvicinamento e poi Johnson pareggia sul 13-13 del 6° minuto. Primo vantaggio isolano di Thomas sul 16-17. Fa il suo rientro in campo Brian Chase dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori gara nelle ultime due partite e si presenta immediatamente mettendo una tripla. Esordio in campionato anche per il capitano Conti che entra nel finale di primo quarto. La prima frazione si chiude con il risultato di Vanoli Cremona 21 – Banco di Sardegna 20, con Kalve miglior realizzatore con 9 punti, seguito a ruota da Drake Diener a quota 8. In sostanziale parità anche la percentuale di canestri realizzati dal campo. Sicuramente le difese, nei primi 10 minuti, non sono brillate al massimo. 2° Quarto: Cremona ha più grinta, mentre l’attacco del Banco è piuttosto statico Parte meglio Cremona nella seconda frazione, che mette un parziale di 6-0 costringendo coach Sacchetti a fermare il gioco per un time-out sul 27-20. Al rientro in campo Sassari rompe il digiuno con il canestro, ma è sempre Cremona a tenere 6 punti di vantaggio ed al 15° il tabellone recita 31-25. Riprende di nuovo il suo cammino Cremona che con Ndoja mette la tripla del +11 al 17° minuto e Sacchetti è di nuovo costretto a fermare il gioco per tentare di ridisegnare gli schemi sia in difesa che in attacco, visto che la sua squadra risulta piuttosto ferma su entrambe i lati del campo. Basket spettacolo per Cremona che dopo una stoppata di Kelly su Travis Diener lancia in contropiede Woodside che serve un alley-up a Rich per il momentaneo 42-29. Il primo tempo si chiude con la preghiera di Brian Sacchetti che si spegne sul primo ferro, sancendo il definitivo 46-33 con un parziale di 25-13 e con la sensazione di una ritrovata Cremona e con Sassari piuttosto spenta. 3° Quarto: il solo Thomas prova a tenere il ritmo dei lombardi Secondo tempo che si apre sulla falsariga della conclusione del primo, con Cremona sempre sul limite del +15 di vantaggio. Sassari è piuttosto statica in attacco ed il numero di palle perse al 22° è già di 12, contro le sole 2 recuperate. E’ il solo Omar Thomas e tentare di tenere in linea di galleggiamento Sassari, con 6 punti filati (una tripla e tre tiri liberi, mentre sul versante lombardo è Rich show. Time-out Vanoli  sul 59-50 del 25° minuto, con il pubblico del PalaRadi infastidito per una serie di fischi in fila dubbi nei confronti della formazione di casa. La cura Gresta ha il suo effetto, tanto è vero che all’uscita dai legni si ha un immediato parziale di 7-2 che riporta Cremona sul 66-52 (con un tiro libero ancora da eseguire per Kelly) e questa volta è Sacchetti a dover interrompere il gioco. Il terzo quarto si chiude con una stoppata di Linton Johnson su Andrea Conti, fissando il punteggio sul 69-60 e con una partita che diventa agonisticamente più accesa, con molti contatti al limite del regolamento sotto le plance. Mattatore del quarto è Omar Thomas che mette a referto 13 punti nella sola terza frazione, permettendo agli isolani di non sprofondare, mentre per Cremona Chase, Rich e Kalve di dividono il compito di tenere Cremona avanti. 4° Quarto: niente da fare per il Banco che deve inchinarsi ad una Vanoli in spolvero Niente da fare nemmeno ad inizio ultimo quarto: Sassari, per il momento, deve piegarsi alla prova di grinta ed orgoglio cremonese, che in un amen piazza un nuovo parziale di 6-0, con stopapta ad altissimi livelli di Kelly su Johnson per il nuovo +15 (75-60) che costringe nuovamente coach Sacchetti a giocare la carta del Time-Out. Troppo nervosismo però aleggia tra i giocatori di Sassari e neppure quest’ultimo time-out sortisce gli effetti sperati, con Cremona che  porta sul +16 con un nuovo alley-up di Woodside per Kelly e con coach Sacchetti che a 3.47 dal termine, sull’84-68, è costretto a giocarsi l’ultima possibilità di parlare con i suoi ragazzi, anche se gli occhi in campo dei giocatori in casacca blu non sono assolutamente rassicuranti. Prova Caleb Green, con un’azione da 3+1 a ridare fiato all’attacco del Banco, ma Cremona, questa sera, è troppo per Sassari e l’incontro si chiude con il risultato di 86-74.

Fotogallery a cura di Maura Tonghini ed Elisabetta Pes

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy