Mc Calebb immenso, Stonerook decisivo. Siena viola il Pianella e prepara la festa Scudetto

Mc Calebb immenso, Stonerook decisivo. Siena viola il Pianella e prepara la festa Scudetto

Cantù è in Eurolega. Al di la della sconfitta, la notizia più importante si attendeva dalla Turchia dove il Fenerbache era impegnato sul campo del Galatasaray. Alla fine gli ospiti non hanno deluso le aspettative, vincendo il campionato e regalando ai ragazzi di Trinchieri la qualificazione alla fase a gironi, indipendentemente da chi usufruirà la wild card (lotta a due tra Prokom e Milano?). Tornando all’incontro una Siena tenace e concreta, soprattutto nel primo tempo dove la squadra di coach Pianigiani ha disputato un secondo quarto straordinario, chiuso con un parziale di 23-11, trovando in Kaukenas e Mc Calebb i due trascinatori. La Bennet esce comunque a testa altissima, con i lombardi capaci nella ripresa di riaprire più volte una partita che la Menssana ha sempre controllato. La squadra di casa paga la stanchezza, riflessa soprattutto nel finale quando è mancata la giusta lucidità nel trovare le giuste scelte in attacco. Siena così sbanca il Pianella, ringraziando un Mc Calebb superlativo e a tratti davvero immarcabile. Serie che va quindi sul 3-1, con Siena che avrà a disposizione tre partite per chiudere i conti.

Quintetti:

Cantù: Green-Markoishvili-Micov- Leunen-Marconato

Siena: Mc Calebb- Kaukenas- Carraretto-Stonerook-Lavrinovic

E’un Pianella gremito all’invero simile quello che fa da cornice al campo da gioco. Questa volta c’è anche un buon seguito da Siena, con i toscani che riempiono il loro settore. Pianigiani fa turnover, fuori Jaric e Hairston e dentro Rakovic e Zisis. La Bennet parte bene, Micov e Scekic vanno subito a bersaglio dando il primo vantaggio alla propria squadra. A interrompere il digiuno senese sono quattro punti targati Lavrinovic mentre a impattare ci pensa Mc Calebb. Pianigiani intanto da spazio alla propria panchina, col neo entrato Moss a firmare il sorpasso che da il via al break del Montepaschi. Siena corre, Cantù è in affanno, Leunen prima e Markoishvili poi perdono due palloni da cui Siena trova l’allungo: sono Rakovic e Kaukenas a volare in contropiede depositando i canestri del più sei (8-14) che costringono Trinchieri al time out immediato. Leunen dai 6.75 riporta a galla Cantù, Scekic impatta a quota 15 ma il Montepaschi non sbaglia un colpo e grazie a Kaukenas torna a condurre sul 17 a 19.

La seconda frazione è tutta nel segno di Siena: Cantù fatica a trovare la retina e Siena non perdona. Kaukenas s’accende, buca la zona canturina, mandando a bersaglio due triple in rapida successione che ridanno ai ragazzi di Pianigiani otto punti di vantaggio (21-29). A non far scappare la Montepaschi ci pensa però Scekic, col centro canturino che trova quattro punti consecutivi.          A spezzare la rimonta brianzola ci pensa però Stonerook, abile a realizzare il più nove (25-34). La risposta canturina passa dalle mani di Scekic che realizza il meno sette ma gli ultimi tre minuti sono tutti nel segno di Mc Calebb: l’americano si scatena trovando otto punti che danno la fuga agli ospiti mandandoli al riposo avanti di ben quattordici punti (28-42), con i padroni di casa che chiudono con un 0/7 da tre punti a simboleggiare la sterilità offensiva incontrata.

I due punti di Lavrinovic aprono il terzo quarto, ma Cantù cambia volto. I decibel di tifo diventano assordanti, Green in contropiede sblocca il tabellino locale e quando Mazzarino da tre punti non fallisce, Pianigiani chiama subito minuto di sospensione. La musica però è sempre la stessa, Siena  non trova più la via del canestro, Cantù replica trovando tanti falli a proprio favore che danno diversi giri in lunetta. Markoishvili trova il 41-46, Kaukenas replica con un tiro piazzato ma è un incredibile bomba di Leunen sullo scadere dei ventiquattro a valere il meno quattro che rimette in partita i canturini (44-48). Green però fallisce il canestro che darebbe un singolo possesso tra le due formazioni e Siena punisce con il solito Mc Calebb, col play della Menssana a timbrare cinque punti sul finire di quarto che portano i bianco verdi sul 46-53.

A infiammare il clima sugli spalti è ancora una volta Mazzarino: sua infatti la bomba del meno quattro che da il via all’ultima frazione. Ancora una volta però, Cantù sbaglia il tiro che avrebbe riportato la squadra di Trinchieri sul meno uno e così Mc Calebb si scatena nuovamente, volando a velocità supersonica in contropiede interrompendo l’inerzia canturina. A ridare la doppia cifra di scarto è ancora Kaukenas, ma la Bennet non è ancora doma e grazie al canestro di Micov seguito dalla prima tripla di serata di Markoishvili, si rifà sotto (54-61). Sono proprio il georgiano e Mike Green a riaccendere le ultime speranze di Cantù (61-65) ma a chiudere i conti è una tripla pesantissima di Stonerook che gela letteralmente il Pianella. Cantù può solo accorciare il passivo ma a vincere è Siena, che con tutta probabilità potrà festeggiare il sesto scudetto consecutivo davanti ai propri tifosi.

Mvp Basketinside.com: Mc Calebb

BENNET CANTU’ – MONTEPASCHI SIENA 65 – 69 (17- 19, 28- 42, 46- 53)

BENNET CANTU’: Micov 5, Scekic 16, Markoishvili 11, Leunen 10, Marconato, Mazzarino 8, Mian 2, Diviach ne, Tabu, Maspero ne, Abass ne, Green 13. All. Trinchieri.

MONTEPASCHI SIENA: Mc Calebb 21, Zisis 2, Carraretto 2, Rakovic 2, Lavrinovic 6, Kaukenas 18, Ress, Michelori 2, Udom ne, Stonerook 9, Aradori, Moss 7. All Pianigiani.

Arbitri: Lamonica, Sahin, Chiari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy