Milano è troppo forte per Pistoia: 104-70

Milano è troppo forte per Pistoia: 104-70

Tutto facile per i milanesi, ancora imbattuti in campionato: la partita rimane in equilibrio solo nel primo quarto, poi Pistoia si scioglie progressivamente

Commenta per primo!

Nono successo in nove partite in campionato per l’Olimpia Milano, che si dimostra un ostacolo troppo duro per Pistoia. La squadra di Esposito ha provato a giocare con pazienza in attacco e a difendere con grinta, soprattutto sul perimetro, ma l’evidente superiorità milanese non ha dato scampo ai toscani. Milano ha sfruttato tutte le armi a propria dispisizione: dapprima l’evidente gap sotto canestro, e poi la vena di alcuni giocatori, tra i quali la sorpresa più lieta è stata rappresentata da Fontecchio: 15 punti e 17 di valutazione per l’ex Virtus Bologna, alla prima prestazione significativa in maglia Olimpia.

Il primo quarto era stato molto equilibrato, con gli ospiti che si erano anche trovati in vantaggio, ma alla lunga Pistoia non ha saputo reggere la forza d’urto della capolista, che ha semplicemente troppe risorse in più. Pian piano i milanesi hanno iniziato a navigare costantemente sulla doppia cifra di vantaggio e anche mentalmente per gli ospiti era difficile mantenere lucidità. Non sono certo queste le partite che possano dare indicazioni utili in relazione alle rispettive ambizioni delle due squadre.

Oltre all’ottima prova di Fontecchio, Milano ha usufruito del contributo di tanti altri giocatori: Raduljica e Macvan hanno segnato molto quando Pistoia era ancora in partita, Hickman ha fatto pochi canestri ma in momenti importanti, Gentile non è sempre stato concentrato in difesa, ma ha fatto alcune buone cose in attacco, soprattutto 8 assist. I giocatori di Pistoia sono stati tutti troppo discontinui: se proprio dobbiamo scegliere qualcuno che si sia distinto, andiamo con Moore e Boothe.

QUINTETTO MILANO: Kalnietis, Radulijca, Dragic, Macvan, Abass
QUINTETTO PISTOIA: Petteway, Lombardi, Roberts, Moore, Boothe

L’inizio della partita mette subito in mostra quanto fossero diversi i piani partita delle due squadre. Pistoia fa girare molto la palla, che passa sempre tra le mani di quasi tutti i giocatori in campo, mentre Milano prova subito ad andare al sodo in pochi passaggi. Inoltre, gli ospiti tirano da 3 quasi quanto lo fanno da 2, mentre i padroni di casa tirano quasi esclusivamente da dentro l’arco. Così, se l’Olimpia produce punti quasi solo on i lunghi (i primi 12 sono tutti di Radulijca e Macvan), Pistoia si mantiene in partita con le triple: prima due di Moore e poi una di Petteway che regala il +4 ai toscani. Milano, a questo punto, decide di provare a attaccare il ferro partendo da lontano, ma Kalnietis, Sanders due volte e soprattutto Dragic stoppato da Roberts rimediano brutte figure. Ci vuole una tripla di Hickman contro una difesa pistoiese particolarmente raccolta sotto canestro per portare l’Olimpia in parità, poi due liberi di Gentile e un altro canestro di Macvan danno ai milanesi il 21-18 a fine quarto.

L’inizio del secondo quarto vede protagonista Gentile, con risultati alterni: in attacco realizza 5 punti consecutivi e mi dimostra molto attivo, ma nella propria metacampo mostra, invece, molta meno voglia, prima quando si ritrova accoppiato a Boothe sotto canestro, poi quando non prova nemmeno a opporsi a un tiro da 3 di Roberts che va a segno. Milano, comunque, allunga ancora (+6) grazie a un canestro dopo palla rubata di Sanders. In questa fase della partita, Repesa dà molti minuti di campo a Fontecchio, anche quando commette il terzo fallo. La scelta alla lunga paga, perché più passano i minuti e più il ragazzo si sente in confidenza e a un certo punto inizia a produrre (5 punti e 3 rimbalzi all’intervallo). Il protagonista del primo vantaggio interno in doppia cifra è ancora Hickman, che con una tripla seguita da un layup porta la propria squadra a +10. Poi Gentile stavolta difende bene nel mismatch contro Crosariol sotto canestro e la tripla di Fontecchio porta Milano a +14. Arriva anche il +15 con un altro canestro da 3, stavolta di Abass, ma Pistoia inizia a giocare una difesa molto aggressiva sul perimetro, raddoppiando appena la palla si ferma e riuscendo a recuperare qualche punto. Milano, però, si ricompone in attacco e allunga ancora fino al +17, prima di un 5-0 finale per Pistoia che fissa il punteggio sul 52-40 all’intervallo. C’è anche tempo per 30 secondi di Cerella, il cui ingresso è salutato da grandi applausi del pubblico.

Visto lo svantaggio, Pistoia approccia l’inizio del secondo tempo in modo molti diverso rispetto all’inizio della partita, provando ad andare al tiro molto più velocemente. All’inizio recupera qualche punto, anche per colpa di un inopinato 1/3 di Gentile ai liberi, poi però i padroni di casa alzano il livello in difesa, facendosi trovare molto concentrati e nelle posizioni giuste per infastidire gli avversari. Raduljica e Macvan aumentano nuovamente il vantaggio interno, che potrebbe ampliarsi ancora, perché Pistoia si fa trovare costantemente scoperta sulle penetrazioni e sui giochi alto-basso. Milano commette un paio di errori, ma è solo questione di tempo e ci pensa Fontecchio a dare la spallata: tripla e layup e Milano arriva a +21. Poco dopo, lo stesso Fontecchio colpisce nuovamente da 3 e viene imitato da Dragic, così il parziale di fine terzo quarto è di 79-56.

Le prime 4 azioni di Pistoia nell’ultimo quarto sono altrettante bombe sparate senza costrutto e ovviamente sbagliate, e per Milano è fin troppo facile arrivare al +30 con Dragic, Fontecchio e Pascolo. Pistoia smette di giocare di squadra e ogni giocatore che si trova la palla in mano non guarda mai i propri compagni e gioca da solo, così il vantaggio aumenta ancora, grazie a Radujica. Giustamente, Repesa lascia in campo anche Cerella, per la gioia dei tifosi, ed è proprio una sua tripla a dare a Milano il +38. Gli ultimi 5 minuti sono assolutamente privi di contenuti tecnici rilevanti e la partita finisce sul 104-70.

BASKETINSIDE MVP: Fontecchio

TABELLINO MILANO: McLean 5, Fontecchio 15, Gentile 10, Hickman 10, Kalnietis 10, Raduljica 14, Dragic 7, Macvan 14, Pascolo 5, Sanders 4, Abass 5, Cerella 5

TABELLINO PISTOIA: Cournooh 7, Petteway 13, Antonutti 3, Solazzi, Lombardi 11, Di Pizzo, Crosariol 6, Magro 5, Roberts 3, Moore 12, Boothe 10

PARZIALI: 21-18, 31-22, 27-16, 25-14

PROGRESSIVI: 21-18, 52-40, 79-56, 104-70

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy