Milano pareggia la serie, si va a Sassari sull’1-1

Milano pareggia la serie, si va a Sassari sull’1-1

Milano lascia in borghese a bordo campo Petravicius, reintegrando Pecherov e facendo partire in quintetto Karl. Sassari ancora senza Travis Diener. Inizio con allungo fulmineo dei padroni di casa, che sfruttano le pessime percentuali dal campo degli ospiti capaci di segnare solo dalla lunetta. Il primo canestro dal campo gli ospiti lo trovano dopo 8 minuti abbondanti, così Milano si trova 22 a 8 alla fine del primo periodo. Il secondo quarto mette in luce le difficoltà di Milano a trovare fluidità in attacco, anche quando si trova in vantaggio e dovrebbe giocare sul velluto. Testimonianza le 5 palle perse di un Hawkins che prova ad innescare i compagni, con qualche incomprensione di troppo. Così Sassari, che aggiusta un minimo le percentuali, recupera parzialmente e si arriva alla pausa lunga con Milano in vantaggio di 8 lunghezze (36-28). Nel terzo quarto Milano non riesce ad azzannare definitivamente la partita: gli ospiti sui numerosi errori dei padroni di casa non riescono a loro volta a rientrare in modo concreto. La partita non è bella da vedere: nell’ultima frazione di gioco Milano riesce a mantenere a distanza gli avversari solo con giocate estemporanee dei singolo ed un Mancinelli che trova tre triple fondamentali, l’ultima di tabella, che ricaccia i sassaresi a -10, non lascando loro tempo a sufficienza per provare a pareggiare.

Sassari ha dato l’impressione di essere cliente difficilissimo per Milano. Era stanca e forse appagata per aver vinto gara 1. Milano ha giocato con più cattiveria avendo le spalle al muro. Ma i problemi dei meneghini sono sotto gli occhi di tutti. La difficoltà emersa nell’attaccare la zona che Meo Sacchetti ha proposto a tratti non lascia fare rosee previsioni per la trasferta sarda. Sassari ha avuto dalla panchina un rendimento ridotto rispetto alla scorsa gara. Forse in casa potrà contare oltre che sul contributo di White e Hunter, anche su Diener, se i problemi fisici daranno tregua al play. E soprattutto Sassari potrà contare su un ambiente veramente caldo. Già tutto esaurito per gara 3 di domenica sera.

I migliori 

Milano

Mancinelli: top scorer, manca di presenza sotto i tabelloni ed in difesa, ma metter le tre triple che non permettono a Sassari di rientrare..

 

Sassari

Hunter e White. White e Hunter. La coppia di americani continua a far male a Milano. White negativo dalla lunetta (6/12).

I peggiori

Milano

Hawkins: vero, mette in cooperazione con Mancinelli, le triple che uccidono la partita e prova ad innescare i compagni (9 assist non sono affatto pochi). Ma ci pare in debito di energie e 7 palle perse (a volte in modo svagato) ne sono la testimonianza.

 

Sassari

Pinton: se la serie è 1 a 1 è merito suo, come detto commentando gara 1. Ieri però assente nel tabellino in 27 minuti di gioco. Bene in assistenza con 6 servizi per i compagni.

 

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO 73 – DINAMO SASSARI 63.

Olimpia Armani Jeans Milano: Eze 4, Mancinelli 17, Pecherov 5, Mordente 4, Jaaber 7, Rocca 5, Greer 9, Ganeto 3, Piva n.e., Digianvittorio n..e., Karl 3, Hawkins 16. All. Peterson.

Dinamo Sassari: White 16, Hunter 11, Samoggia n.e., Devecchi 5, Cittadini 0, Diener n.e., Sacchetti 11, Plisnic 18, Tsaldaris 2, Vanuzzo, Pinton. All. Sacchetti.

Rimbalzi Milano 40 (Rocca 7 Jaaber 7) Sassari 37 (Plisnic 11)

Falli Milano 21 (5 falli Mordente) Sassari 17.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy