Milano sgranocchia la Grissin Bon, con un terzo quarto in “salsa-Efes”

Milano sgranocchia la Grissin Bon, con un terzo quarto in “salsa-Efes”

Commenta per primo!

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – GRISSIN BON REGGIO EMILIA 73 –52 (15-17, 33-29, 67-34) Con un terzo quarto da 34-5, l’EA7 Emporio Armani Milano batte la Grissin Bon Reggio Emilia per 73-52. Partita equilibrata per 20’ con gli uomini di Menetti in vantaggio per tutto il primo quarto ed a stretto contatto anche nel secondo, prima che le triple milanesi la condannino, appunto nella terza frazione. Langford ed Haynes sugli scudi per gli uomini di Banchi, mentre Reggio Emilia può apprezzare solo un buon Cervi (soprattutto nel finale di gara, però) con un apporto invece pressochè nullo da White e Bell. CRONACA: Prima dell’inizio, un minuto di silenzio come su tutti i campi sportivi per ricordare le vittime dell’alluvione che ha colpito la Sardegna nei giorni scorsi. Da segnalare, tra l’altro, una pregevole iniziativa dei tifosi milanesi, che a tal proposito hanno organizzato una raccolta-fondi. Primo quarto Reggio Emilia parte col classico quintetto base; Milano invece lascia fuori sia Moss sia Gentile: c’è Cerella in avvio. Mani fredde per l’EA7 in partenza, con appena 2 punti segnati in 3 minuti e mezzo. Reggio prova subito un mini-allungo (2-8) e, guidata da Cinciarini e White, tocca il + 10 sul 4-14 (al 6’): time-out obbligato per Banchi. Il coach grossetano si fa sentire e Milano torna in campo cominciando a difendere (anche grazie alla presenza di Lawal) ed a trovare punti in attacco: contro-break 11-2, con due triple di C.J. Wallace, e primo quarto che termina sul 15-17. Secondo quarto Si torna a giocare e si riprende da dove eravamo rimasti, con Wallace che trova un bel semi-gancio per la parità a quota 17. L’ex Barça esce e lascia il posto a Melli, che con una schiacciata, un rimbalzo a lanciare l’azione di Moss ed una stoppata su Antonutti prosegue l’opera del suo “predecessore”. La Reggiana però non molla un colpo e grazie ad un ottimo Brunner sotto entrambi i canestri si riporta avanti (21-26 al 17’). Sul 30-28 per l’EA7 Reggio può trovare la parità ed il contro-sorpasso con un fallo tecnico (il decimo, in 7 gare di campionato) fischiato contro Milano: Antonutti però fa 1/2 dalla lunetta, Gentile e Melli recuperano all’unisono il pallone nel possesso successivo e la tripla di Haynes chiude il primo tempo sul 33-29. Terzo quarto Pronti via ed è 6-0 Milano: Langford in appoggio e Samuels (con anche una rubata con successivo contropiede) obbligano Menetti a chiamare time-out dopo 1’37’’. Time-out che però non ha effetto, perché Reggio non trova il canestro (digiuno per 5’30’’) grazie ad una difesa meneghina strettissima: Langford, Jerrells e Gentile, poi, allungano il parziale fino al +21  (50-29). White trova 2 punti, ma sono una gocciolina d’acqua minuscola in un deserto arido per la Reggiana: tripla di Melli ed altrettanto da parte di Moss e l’Olimpia scappa sul +26 (58-32 a 2’ dalla fine della terza frazione). La Grissin Bon non c’è più con la testa ed al festival delle triple di iscrivono anche Wallace ed Haynes: il terzo quarto si chiude sul 67-34. Se contro l’Efes, venerdì scorso, era stato il  quarto periodo (26-11) ad emozionare i tifosi milanesi ed a decidere la partita, questa volta è la terza frazione a rischiare di essere decisiva, con un pazzesco 34-5 per gli uomini di coach Banchi. Quarto quarto Milano entra nell’ultimo periodo con un +33 che fa sentire la pancia piena: Cervi e Karl piazzano un 0-6 di break che induce Banchi a chiamare time-out, dopo 2’, per non abbassare la guardia. Se nel terzo periodo il digiuno reggiano era arrivato a toccare i 5’30’’, nell’ultimo periodo Milano ci mette 5’ tondi per risvegliarsi (con un appoggio di Lawal) dopo 12 punti filati della Grissin Bon, guidata da Cinciarini e Cervi. Ancora Cervi prova a giganteggiare sotto canestro, nonostante la presenza di Lawal, ed arricchisce la propria partita toccando la doppia e riducendo lo scarto per i suoi. Prima della fine, c’è tempo per vedere l’ingresso in campo di Frassineti per Reggio Emilia e di Tourè per Milano: finisce 73-52 per l’EA7 Emporio Armani Milano. BASKETINSIDE MVP: MarQuez Haynes. TABELLINI: MILANO: Gentile 10, Cerella 0, Melli 7, Tourè 0, Haynes 10, Langford 15, Samuels 10, Wallace 11, Lawal 2, Moss 5, Jerrells 3. Coach: Banchi. REGGIO EMILIA: White 8, Filloy 0, Karl 8, Brunner 12, Antonutti 3, Bell 1, Frassineti 0, Mussini n.e., Pini n.e., Cervi 10, Silins 2, Cinciarini 8. Coach: Menetti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy