Milano vince ancora a Sassari e va in semifinale

Milano vince ancora a Sassari e va in semifinale

Commenta per primo!

L’Armani Jeans Milano bissa il successo di 48 ore fa in quel di Sassari, supera i padroni di casa della Dinamo per 60-72 in gara quattro e raggiunge la Bennett Cantù in semifinale. Missione compiuta per gli uomini di coach Peterson, che hanno chiuso in questa gara quattro la serie dei quarti di finale, e potranno risparmiare preziose energie psicofisiche in vista del derby con Cantù che si prospetta veramente emozionante. Onore, comunque, anche alla sconfitta Sassari, che nel suo primo anno nel campionato di serie A, è stata la grandissima sorpresa della stagione centrando i play-off con il sesto posto in regular season e dando più di un grattacapo nella serie all’Armani finchè agli uomini di Sacchetti hanno avuto energie da spendere. Nella gara di stasera, oltre ad avere il serbatoio dell’energia in piena riserva, la Dinamo ha dovuto pagare anche un pesante dazio alla sfortuna. Infatti oltre a dover rinunciare in pratica a Travis Diener per i soliti problemi alla schiena, ha avuto un White a mezzo servizio per un infortunio ad un dito della mano sinistro e nel finale del primo tempo, in sostanza, ha perso anche Hunter per una brutta caduta sulla schiena. Anche a causa delle non perfette condizioni fisiche di molti giocatori sardi Milano ha dominato il match sin dalle prime battute, ma comunque i meneghini hanno avuto un ottimo approccio alla gara. Sin dalle prime battute di gioco l’Armani Jeans ha avuto un atteggiamento da squadra vincente, facendo intendere agli avversari di non voler mollare su alcun pallone e di non voler mdare nulla per scontato. Uomo partita per Milano un devastante dal punto di vista fisico David Hawkins , che sembrava viaggiare ad una velocità di crociera doppia rispetto gli avversari. Per il Falco 18 punti con 4 rimbalzi, 3 recuperi, 2 assist per un totale di 22 in valutazione. Tra le fila sassaresi da sottolineare la prova di capitan Vanuzzo autore di 11 punti (3/6 da tre) con 11 di valutazione finale.

Dinamo Sassari – Armani Jeans Milano 60-72

Dinamo Sassari: White 14, Tsaldaris 12, Vanuzzo 11, Pinton 7, Hunter 6, Plisnic 4, Sacchetti 3, Samoggia 3.

Armani Jeans Milano: Hawkins 18, Greer 12, Mancinelli 9, Eze 7, Carl 6, Mordente 6, Jaaber 6, Rocca 4 + 10r, Pecherov 4

Uomo partita: David Hawkins

Chiave della partita: La partenza con l’acceleratore schiacciato di Milano e la poca energia di Sassari.

Pagelle dell’incontro

Dinamo Sassari: White 6, Tsaldaris 6,5, Vanuzzo 7, Pinton 6, Hunter 5, Plisnic 5, Sacchetti 5,5, Diener sv.

Armani Jeans Milano: Hawkins 8, Greer 6,5, Mancinelli 6,5, Eze 6, Carl 6, Mordente 6,5, Jaaber 6, Rocca 7, Pecherov 6

Cronaca del match

Milano parte a testa bassa con due canestri dalla media distanza di Eze (0-4 al 2’), poi con una schiacciata di Hawkins ed un canestro in contropiede si porta sul 0-8 al 4’ costringendo al time-out Sachetti. Nonostante il time-out la musica non cambia, e Milano con due giochi da tre punti di Eze e Hawkins dilaga sul 0-14 al 5’. Dopo quasi cinque minuti di gioco Sassari si sblocca con un canestro da sotto di Hunter (2-14), ed opera a sua volta un parziale di 7-0 (7-14 al 7’). Hawkins con una tripla ricaccia indietro Sassari, che, comunque prova a rimanere in partita, e con una bomba di Vanuzzo chiude il primo quarto sul -6 (13-19 al 10’). Il secondo quarto si apre nel segno di Lynn Greer che con 5 punti in fila riporta l’Armani in doppia cifra di vantaggio (13-24 al 12’). Sassari prova a rimanere attaccata alla partita con le iniziative di White (17-24 al 14’), ma Milano ha una marcia superiore e con due canestri da fuori in fila di Mordente trova il massimo vantaggio sul +13 (20-33 al 17’).  Si va all’intervallo lungo con i milanesi che incrementano il loro vantaggio sul +15 (22-37 al 20’). Al rientro dagli spogliatoi, ben presto si capisce che la Dinamo dal punto di vista fisico è stremata, Milano, trascinata nel quarto da Mancinelli, non si fa pregare con canestro e fallo di Hawkins ed un canestro da due di Jaaber arriva a metà terzo quarto sul +21 (29-50 al 25’). I sardi provano a reagire, con due bombe in fila di capiatn Vanuzzo chiudono la terza frazione sul -14 (42-56 al 30’). Nei minuti iniziali dell’ultima frazione Milano sulle ali di un super Hawkins rimette le cose a posto, e ritocca le venti lunghezze di vantaggio (44-64 al 33’). Nonostante manchino così tanti minuti la partita si può dire già chiusa con gli allenatori che svuotano le panchine,danno le meritate standing ovation ai propri giocatori (White il più acclamato dal pubblico sassarese) e spazio ai giovanissimi. Proprio il giovaneMatteo Samoggia trova gloria con un tiro da tre che fissa il risultato finale sul 60-72 per l’Armani Jeans.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy