Pesaro da vergogna, Caserta ha vita facile

Pesaro da vergogna, Caserta ha vita facile

Commenta per primo!

Sesta sconfitta consecutiva per la Scavolini Banca Marche che al termine di una partita giocata in maniera vergognosa da parte dei giocatori locali viene sconfitta a domicilio da una tenace Juve Caserta, giunta a Pesaro senza due americani e con mille problemi ma capace di mettere a nudo ancora una volta tutta l’inadeguatezza del roster dei padroni di casa. Dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio ma di rara bruttezza, il break arriva nel terzo periodo, una volta accumulati dieci punti di svantaggio Pesaro( Cavaliero l’unico degno di portare la maglia biancorossa) si è squagliata come neve al sole collezionando una serie di errori da cineteca ( 12 liberi sbagliati, il 36% da due), mettendo in evidenza lacune in tutti i reparti, giocatori che faticherebbero a livello di DNA e con voglia di lottare pari a zero, complimenti a coach Sacripanti ed ai suoi uomini( particolare menzione per il trio di esterni italiani Gentile Mordente e Maresca) con rotazioni estremamente ridotte sono riusciti a portare a casa due punti d’oro nella corsa alla salvezza, tutti i giocatori hanno portato il loro contributo evidenziando grande spirito di gruppo e di sacrificio. Pesaro ha toccato il fondo, la gente che a fine partita ha solamente fischiato andrebbe lodata, ha avuto anche troppa pazienza a fronte di scelte estive di mercato assurde e all’indecenza dello spettacolo offerto dalla squadra sul campo, una vera e propria vergogna di cui società, staff tecnico e dirigenza  sarebbe ora rendesse conto, ora o si interviene in una qualsiasi maniera o l’ultimo posto del campionato è già palesemente assegnato.

MVP BASKETINSIDE:  SACRIPANTI e TUTTA CASERTA

TABELLINI

SCAVOLINI BANCA MARCHE PESARO   Cavaliero  18     Clemente 5  Barbour 9   Crosariol 5    Flamini  3   Mack  13   Bryan 0    Hamilton 10   All. Ticchi  

JUVE CASERTA  Maresca 17  Jonusas 7    Mordente 12   Marzaioli 0   Michelori 6   Akindele 10   Gentile 15   Jelovac 10

CRONACA

Parte bene Pesaro che fugge sul più sei( 11 a 5) grazie alle triple di Mack e Barbour, Caserta fatica e sbaglia tutte le conclusioni, Akindele è ben controllato da Crosariol, l’ ingresso di Mordente da energia alla Juve che rientra sul meno uno ed il primo quarto si chiude 14 a 13 per i padroni di casa.

Mack è il più attivo in casa biancorossa( 19 a 13) ma Akindele inizia ad essere efficace vicino al ferro e con un’azione da tre punti di Gentile Caserta si porta finalmente avanti(26 a 27), vantaggio che si dilata fino al più 4 ( 29 a 33) con il quale si chiude il primo tempo.

Barbour parte con il piede giusto ma è solamente un’illusione, Caserta riprende le redini del gioco e allunga con decisione( 39 a 53 al 27’) grazie a Maresca ed il solito Gentile, la bomba di Cavaliero in transizone ricuce un minimo lo svantaggio(48 a 57) al termine del terzo periodo.

Caserta resiste anche con Jonusas e Gentile gravati di quattro penalità ma Pesaro mostra il nulla in attacco ed in difesa, tre magie di Mordente una dietro l’altra segnano il match(50 a 63), ancora Akindele e Maresca infieriscono( 52 a 68 a quattro dalla fine) mentre per i biancorossi è il solo Cavaliero a mostrare almeno un minimo di orgoglio ed attaccamento. La partita si conclude con il punteggio di 63 a 77 per Caserta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy