Pistoia è devastante, Reggio Emilia schiacciata

Pistoia è devastante, Reggio Emilia schiacciata

Commenta per primo!

La Giorgio Tesi Group sfodera la miglior prestazione stagionale e batte con grande autorità la corazzata Reggio Emilia, reduce da tre vittorie nelle ultime quattro gare e, soprattutto, forte del secondo posto in classifica.

La partita dei ragazzi di coach Moretti (ancora privi di Cinciarini) è stata praticamente perfetta: Filloy e compagni, appoggiandosi a una grande difesa, a costruzioni di tiro intelligenti e a scelte azzeccate, hanno schiantato la Grissin Bon, apparsa per larghi tratti di gara semplicemente impotente.

Di fatto l’equilibrio è regnato solo nei primi cinque minuti, quando Reggio Emilia pareva in grado, grazie a un ottimo Lavrinovic, di rendere davvero difficili le cose alla Giorgio Tesi Group. E’ stato Milbourne (protagonista di un’eccellente partita) a reggere, quasi da solo, il buon impatto sul match da parte della squadra ospite: i 12 punti nei primi sette minuti del giocatore del Maryland hanno permesso infatti a Pistoia di non lasciare scappare Reggio Emilia; poi, però, in cattedra sono saliti un po’ tutti i giocatori di casa. Il primo strappo arriva sulla tripla di Amoroso all’ottavo minuto, ma è il capolavoro di Filloy, sulla sirena dello scadere del decimo, a infiammare il PalaCarrara, con Pistoia avanti 20-14.

Nel secondo periodo, l’8-2 iniziale firmato dai biancorossi di casa fa tanto male a Reggio Emilia, che ha un sussulto con Polonara, ma finisce presto sotto di 13 (36-23). Cinque punti di Silins permettono ai suoi di frenare l’allungo (anche emotivo) di Pistoia, ma all’intervallo lungo la Giorgio Tesi Group è comunque avanti 44-35.

Lavrinovic prova a rianimare i compagni in apertura di terzo quarto, ma Amoroso (grande gara la sua) e Williams bloccano sul nascere il tentativo di rientro ospite: Pistoia torna così ad allungare e, dopo poco più di tre minuti, raggiunge il massimo vantaggio sul 56-40. La Grissin Bon si scuote, almeno parzialmente, sempre grazie ai soliti Polonara e Lavrinovic, ma l’intensità dei ragazzi di coach Moretti è impressionante: al ventottesimo, Pistoia conduce 68-49 e sul match iniziano già a scorrere i titoli di coda. Quando Davide Moretti trova un gran bel canestro da sotto, il PalaCarrara esplode e per Reggio Emilia cala il sipario.

Nell’ultimo periodo Pistoia amministra (senza tuttavia perdere intensità), arrivando a toccare il massimo vantaggio a 7’45” dalla sirena finale (81-59 grazie al canestro da sotto di Easley, dopo una schiacciata pazzesca di Brown). Gli ospiti continuano a subire, ma si consolano con il rientro in campo di Cervi dopo una lunga assenza, mentre la Giorgio Tesi Group può concedersi addirittura il lusso di finire con i giovani in campo. Capitan Filloy, con un pregevole sottomano, firma l’ultimo canestro dei padroni di casa, poi negli ultimi due minuti gli emiliani riescono a rendere, quantomeno, meno pesante il passivo finale. Finisce così 92-78: Reggio Emilia perde momentaneamente il secondo posto, mentre Pistoia riscatta la doppia sconfitta con Brindisi e Avellino e continua a sognare un posto nei playoff.

Per tenere accesa la fiamma della speranza, tuttavia, occorrerà domenica superare Pesaro, tornata a sorpresa nei guai dopo i risultati di giornata e chiamata a vincere, fra sette giorni, al cospetto dei ragazzi di coach Moretti per non rischiare un’incredibile retrocessione.

Giorgio Tesi Group Pistoia – Grissin Bon Reggio Emilia 92-78 (20-14, 44-35, 72-54).

Pistoia: Brown 10, Cinciarini ne, Williams 10, Mastellari, Moretti 5, Millbourne 19, Filloy 14, Amoroso 15, Bianchi, Magro 2, Hall 8, Easley 9. All. Moretti.

Reggio Emilia: Mussini 2, Chikoko 4, Polonara 14, Lavrinovic 22, Della Valle 11, Pini, Kaukenas, Cervi, Silins 14, Diener 4, Cinciarini 7. All. Menetti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy