QF G3 – Pistoia ha ancora voglia di playoff. Batte Venezia e allunga la serie

QF G3 – Pistoia ha ancora voglia di playoff. Batte Venezia e allunga la serie

Netto cambio di musica al PalaCarrara. La The Flexx trova un Petteway da 26 punti e protrae la serie a Gara 4. Fra le pecche veneziane un inusuale 10/22 ai liberi.

Gara 3 di playoff arride alla squadra di casa. La The Flexx dopo il 2-0 subito in laguna, ritrova il pubblico casalingo e la vittoria in una serie playoff che mancava dal 2014. Grande intensità impressa dalla squadra di Esposito fin dalla palla a due. Petteway si mostra subito in gran serata trovando buona continuità relizzativa. Venezia subisce l’aggressività biancorossa in difesa non riuscendo a costruire attacchi proficui e dimostrandosi imprecisa dalla lunetta. Pistoia conquista meritatamente la vittoria ma la serata non è del tutto dolce. Okereafor nel tentativo di stoppare Batista cade malamente atterra. I primi accertamenti medici parlano di lussazione alla spalla per il play londinese. Una pessima notizia mitigata, in parte, dal 89-75 finale.

PRIMO TEMPO: Per Pistoia è la partita della stagione. “Win or go home” direbbero al di là della pozza. L’ambiente è carico, subodora la possibilità d’impresa dopo le ottime cose mostrate dalla squadra di Esposito in gara2. Molte novità già prima della palla a due. De Raffaele decide di far esordire Ortner nella serie tenendo a riposo un opaco Hagins insieme a McGee. Esposito invece di spedire in quintetto Lombardi incaricato di limitare Peric. Venezia parte forte. Un 4/4 da dietro l’arco scrive il primo parziale di 5-12 in favore degli ospiti. Ancora Haynes, il mattatore di gara 1, infila la tripla del +9  prima che si accenda Terran Petteway. L’ala da Galveston sprinta in contropiede trovando il pareggio. Antonutti e Crosariol servono il primo vantaggio biancorosso ma Viggiano, ancora da tre ed ancora da l’arco glissa il primo parziale sul 22-24 Reyer. Pistoia approccia il secondo quarto con piglio maggiormente ribaldo. Jenkins trova il +2 ma prima Batista e poi Stone riportano il vantaggio in laguna. Si risponde colpo sul colpo ma Pistoia sembra nettamente più presente in campo. La truppa di Esposito marcia unica verso un’unica direzione sporcando qualsiasi linea di passaggio a Venezia. La Reyer, complici anche i continui cambi di De Raffaele, perde sia i palloni (14 a fine secondo quarto) che la bussola della partita permettendo il primo allungo a Pistoia. Approfittando di un 4/13 al tiro di Venezia, la The Flexx balza sul  +7 con una tripla di Boothe. Se però il parziale di 41-34 di fine primo tempo arride alla The Flexx, la fortuna getta lo sguardo altrove. Okereafor, coraggiosamente, salta nel tentativo di stoppare Battista. Nel ricadere, dopo aver commesso fallo, il play londinese batte la spalla sul parquet. Portato immediatamente negli spogliatoi il referto medico parla di lussazione alla spalla. Una brutta tegola per Esposito soprattutto in chiave gara 4.

SECONDO TEMPO: Nell’intervallo lungo viene premiata la Gesam Lucca neocampione d’Italia femminile ed altra eccellenza del basket toscano. L’orgoglio dovuto al gonfalone sembra spirare provvido vento nelle vele biancorosse di Pistoia che, bivaccando sugli errori ai liberi dei veneziani, tenta un primo allungo portandosi sul +10 grazie alle scorribande di Moore. Gli animi si surriscaldano con Boothe e Batista che si agganciano in area e si fronteggiano a muso duro. Il signor Sabetta commina un doppio tecnico terapeutico che mentre risveglia gli istinti belligeranti di Boothe finisce invece per sedare il centro orogranata. Con Batista uscito mentalmente dalla partita, Pistoia si mantiene nelle chiare fresche e dolci acque della cifra di vantaggio per ampia parte del terzo quarto. Esposito spedisce in campo Solazzi incaricato di sopperire all’assenza di Okereafor. Crosariol spende rapidamente due falli e il coach casertano lo richiama in panchina piombato di 4 falli. De Raffaele spedisce in campo Ress che striglia i suoi e fa vedere come alla 129° presenza ai playoff ci si debba comportare quando la partita sta sfuggendo di mano. Stoppata, tripla a bersaglio e altra palla recuperata per l’ex Siena che riesce in tal modo a dare il buon esempio ai suoi e riportare Venezia a -7 (60-53) alla penultima sirena. L’ultimo quarto prosegue sul medesimo filo conduttore del precedente. Le consuetudini sono due: la grande aggressività di Pistoia in difesa e la pessima serata di Venezia ai liberi (10/22 alla fine il fatturato a cronometro fermo per la Reyer). Bramos e Tonut provano a tenere la gondola in linea di galleggiamento ma le soluzioni orogranata appaiono eccessivamente estemporanee. Pistoia si mostra più quadrata e riesce a rintuzzare i tentativi di rientro veneziani. Petteway cavalca la gran serata segnando da dietro l’arco e dalla lunetta. Magro ritocca le proprie cifre scrivendo a referto 11 punti. Pistoia, sulle ali dell’entusiasmo, vola fino al +17 con Venezia che comincia già a pensare a Gara 4 e Ress che scuote la testa in panchina. Alla fine il risultato recita 89-75 in favore di Pistoia con un Petteway da 26 punti e Boothe con 13 punti e un solo errore dal campo. Venezia paga le molte palle perse (24, un’enormità) e la pessima serata ai liberi. Ci vediamo fra quarantotto ore!

THE FLEXX PISTOIA – UMANA REYER VENEZIA 89-75

PISTOIA: Petteway 26, Boothe 13, Moore 11, Magro 11, Jenkins 10, Lombardi 8, Antonutti 6, Crosariol 4. Coach: Esposito

VENEZIA: Peric 15, Bramos 13, Batista 13, Haynes 8, Tonut 7, Ejim 5, Viggiano 5, Ortner 2, Stone 2, Filloy 2, Ress 3. Coach: De Raffaele.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy