QF G2 – Milano scappa con Gentile e Simon, rischia la beffa ma fa 2-0

Milano soccombe in avvio, rimonta ed allunga poi, prima del brivido finale: è 2-0 nella serie che ora va Trento

Commenta per primo!

 

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – DOLOMITI TRENTO 79 – 71 (13-21, 38-37, 62-52)

Milano conquista anche gara-2 dei quarti contro Trento ed andrà in trasferta, tra 48 ore, a giocarsi il primo match-point per approdare in semifinale. Finisce 79-71 per un’Olimpia che finisce sotto 0-15 dopo 6′, prima di rimontare e scappar via a +13 con Simon e Gentile. Due magie di Lockett nel finale riportano a -3 Trento, ma è troppo tardi: gli uomini di Repesa controllano dalla lunetta e fanno 2-0 nella serie.

QUINTETTO BASE MILANO: Lafayette, Cerella, Simon, Sanders, Batista
QUINTETTO BASE TRENTO: Forray, Lockett, Sutton, Pascolo, Wright

CRONACA – Fulminea partenza di Trento: 0-6 dopo 2′, con già 4 di Pascolo, contro una Milano imprecisissima al tiro (4 lay-up sbagliati). L’Olimpia non trova in nessun modo il bandolo della matassa: continui errori, difesa molle e Pascolo punisce dalla lunga per il 0-11 al 3′. La serie di errori non conosce fine: 0/7 da 2, 0/3 da 3, 4 perse e secondo time-out per Repesa sul 0-13 al 5′. La guida ospite è sempre Pascolo: 11 in 6′, prima del “gol” di Gentile che prova a scuotere tabellone e squadra milanesi. Scossa che arriva: altri 2 per lui, rubata e schiacciata di Sanders, Milano accorcia sul 6-17 al 7′. Buscaglia chiama time-out, ma l’EA7 è trasformata: 5-0 di Lafayette e 13-21 al 10′.

Gentile in palla come non si vedeva da tempo ed una difesa più arcigna confezionano il riavvicinamento biancorosso: 25-30 al 13′ ed 11 per il 5. Trento arriva alla terza persa di fila, prima di sbloccarsi con i primi punti nei playoff per Flaccadori, ma è un break estemporaneo: altra gran difesa, da manuale, dell’Olimpia, che arriva a -1 sul 36-37 al 19′ e ad inizio ultimo minuto trova il primo vantaggio con McLean. Al 20′ è 38-37 dopo una frazione con mani calde in avvio e pian piano più fredde da ambo le parti.

Partenza a razzo anche in apertura di ripresa, stavolta non di Trento ma di Simon e Macvan: assist e canestri a vicenda, 5-0 Milano. Wright ne mette 2, ma ancora Macvan e l’inchiodata di McLean fanno scappare l’EA7: +9, 48-39 al 23′ e time-out Buscaglia. Un time-out che produce l’effetto sperato: reazione ospite, 0-4 in 60″ e minuto chiamato da Repesa. Di reazione in reazione: si sveglia Simon, che piazza 2 triple in 30″ e spedisce a -11 Trento (54-43 al 26′). Dopo 2′ di brutta pallacanestro, con solo 2 liberi segnati da Cummings, l’Olimpia sfrutta un antisportivo di Lechthaler (fuori per 5 falli) ed arriva a +13 (60-47), con l’Aquila in evidente calo fisico. Sutton accorcia, ma al 30′ è 62-52.

La Dolomiti riparte senza più nulla da perdere ed aggredisce subito; di fronte però c’è una Milano che non segna, ma difende forte e sopperisce al digiuno offensivo di 3′ con appena 2 punti concessi. Nella morìa di punti segnati (4-4 in oltre 5′) a guadagnarci è chiaramente l’Olimpia, che può controllare ritmo e tempo. Sutton avrebbe modo di accorciare, ma dopo un lay-up fa 0/3 dalla lunetta e dal possibile -5 si torna al +12 per Milano a 2’46” dal termine (70-58, time-out Buscaglia). Si riscatta il 23 trentino, che riporta sotto la doppia cifra lo svantaggio dei suoi, prima che in 30″ arrivino 2 tripla di Lockett ed un 2+1 di Pascolo che portano la Dolomiti a -3 con 29″ da giocare. Simon e Gentile gestiscono dalla lunetta e l’Olimpia porta a casa la partita: 79-71 e 2-0 nella serie.

BASKETINSIDE MVP: KRUNOSLAV SIMON

TABELLINI
MILANO: McLean 6, Lafayette 12, Gentile 18, Cerella 0, Kalnietis 6, Macvan 10, Pena n.e., Magro n.e., Vecerina n.e., Sanders 3, Simon 16, Batista 9. Coach: Repesa.

TRENTO: Cummings 6, Poeta 0, Pascolo 22, Forray 0, Flaccadori 3, Bellan n.e., Sutton 15, Lockett 17, Lechthaler 2, Wright 4, Berggren 2. Coach: Buscaglia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy