QF G3 – Bologna è tutto cuore, ma Milano non fa sconti e vola in semifinale

QF G3 – Bologna è tutto cuore, ma Milano non fa sconti e vola in semifinale

Commenta per primo!

L’EA7 Emporio Armani Milano è la prima semifinalista della Beko Serie A 2014/2015, eliminando per 3 a 0 la Granarolo Bologna, in seguito alla vittoria in gara 3 con il punteggio di 65 a 92. Pronostico rispettato dunque in questo quarto di finale che vedeva la prima classificata opposta all’ottava. Ora l’Olimpia attende la vincente della serie tra Trento e Sassari (1 a 2 per i sardi dopo gara 3), da affrontare in una serie al meglio di 7 partite. I meneghini si sono dimostrati una formazione solidissima, in grado di macinare gli avversari grazie ad una combinazione di intensità e fisicità che non ha eguali in Italia (solito dominio a rimbalzo, 28 a 41). Giocatori come Gentile (18 pt e 8 rim), Hackett (11 pt, 2 rim e 4 falli subiti), Brooks (12 pt, 2 rim e 2 ass) e Samuels (10 pt, 7 rim e 6 falli subiti) si sono rivelati, come prevedibile, avversari troppo difficili da fronteggiare per una Virtus, che per altro è arrivata a questo appuntamento, con parecchi giocatori in precarie condizioni fisiche. In particolare, il figlio di Nando si è esibito in una performance straordinaria nel terzo quarto, anche stimolato da uno splendido duello con Fontecchio. Proprio il terzo periodo è stato ancora una volta fatale per Bologna, che ha incassato un 15-27 che di fatto ha chiuso il discorso. Per le Vunere si è trattato comunque di una serata di grande festa (splendido il saluto del pubblico bianconero a fine partita), che conclude una stagione davvero ogni oltre previsione, vista anche la penalizzazione di 2 punti. Come Coach Valli, confermato per la prossima stagione, aveva detto alla vigilia di gara 1, questi playoff dovevano essere intesi come un’occasione per arricchire l’esperienza dei giovani giocatori bolognesi. Uno di questi, Simone Fontecchio (14 pt, 4 rim e 1 ass), unico in doppia cifra assieme a Ray (17 pt, 2 rim e 4 falli subiti), ha disputato probabilmente la migliore partita in carriera per costanza ed intensità, e rappresenta sicuramente uno dei talenti su cui puntare nella prossima stagione.

MVP: Alessandro Gentile

Quintetti

Bologna: Gaddy, Ray, Hazell, White, Cuccarolo

Milano: Hackett, Gentile, Moss, Melli, Samuels

Dopo la splendida coreografia da parte dei Forever Boys ad accompagnare la presentazione delle squadre, è l’Olimpia ad uscire meglio dai blocchi, 0 a 7 dopo 3 minuti, sfruttando la fisicità di Melli e Samuels, ma è immediata la reazione di Bologna che torna subito in gara grazie a Ray (7-9 al 5′). Gli ospiti trovano l’area con facilità, capitalizzano dalla lunetta e vanno al primo riposo in vantaggio 18 a 24 , nonostante l’ottima intensità messa in campo dai padroni di casa. White è un fattore, ma l’impatto in uscita dalla panchina del solito Brooks e di Elegar tiene i campioni d’Italia a distanza di sicurezza, 26-34 al 15′. Ancora Brooks, Elegar ed un insospettabile Kleiza danno a Milano il primo vantaggio in doppia cifra (33-44 al 19′), ma la Virtus non ci sta e, trascinata dall’asse Gaddy-Reddic chiude il primo tempo sul -8, 3846, dopo l’ultimo lay-up di Ragland. Si ricomincia a giocare con le scarpette rosse che sono più pronte e volano via, capitalizzando al meglio un fallo antisportivo fischiato a Hazell e appoggiandosi alla fisicità del duo italiano Hackett-Gentile, 40-59 al 25′. Ray ed uno strepitoso Fontecchio provano a limitare i danni per le Vunere, ma Gentile segna un paio di canestri fantastici e alla terza sirena il tabellone dice 5373. Fontecchio è l’ultimo ad arrendersi, ma i bianconeri non ne hanno più e Milano gestisce con tranquillità l’ultimo periodo, imponendosi per 65 a 92, assicurandosi l’accesso alla semifinale scudetto.

Granarolo BolognaEA7 Emporio Armani Milano 65 – 92 (18-24; 38-46; 53-73)

Bologna: White 9, Cuccarolo, Gaddy 8, Imbrò, Fontecchio 14, Mazzola, Oxilia 3, Benetti, Vercellino, Hazell 8, Ray 17, Reddic 6

Milano: Ragland 10, Brooks 12, Gentile 18, Gigli NE, Cerella 5, Melli 6, Kleiza 10, Elegar 8, Hackett 11, Samuels 10, Tabu 2, Moss

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy