QF G4 – Milano concede il tris, l’Orlandina esce a testa altissima

QF G4 – Milano concede il tris, l’Orlandina esce a testa altissima

Si conclude la stagione di Capo d’Orlando con la sconfitta in Gara-4. Milano ora attende Trento

Commenta per primo!

A CURA DI MAURA SANSONE

BETALAND CAPO D’ORLANDO – OLIMPIA MILANO 62-77

Betaland Capo d’Orlando: Tepic 7, Iannuzzi 8, Laquintana 2, Nicevic 0, Kikowski 6, Delas 5, Diener 4, Ivanovic 6, Archie 15, Berzins 9.

Olimpia Milano: McLean 8, Fontecchio 0, Hickman 10, Kalnietis 4, Raduljica 8, Macvan 15, Pascolo 12, Cinciarini 6, Abass 3, Simon 11.

MVP BASKETINSIDE: Macvan con 15 punti, 6 rimbalzi e 21 di valutazione.

L’Orlandina cade in casa, Milano vince gara-4 e vola in semifinale.Prende subito il giusto margine la formazione di Jasmin Repesa, che stacca la Betaland già nella prima frazione di gara. È solo un’illusione il tentativo di rimonta Orlandina, che arriva sul -8 nelle battute conclusive, prima di cedere ancora alle scorribande offensive milanesi, 62-77 il finale.

CRONACA

1º quarto: Parte forte la compagine milanese, che va subito avanti grazie a Cinciarini. Appoggio facile di Tepic che sblocca la Betaland. Una serie di pasticci difensivi costringono Capo d’Orlando al timeout, dopo i canestri di Pascolo e Raduljica, 2-10. Esce bene dal timeout la squadra di coach Di Carlo, ancora Tepic prova a fare rientrare i suoi in gara. Bomba di Macvan, 4-17. Archie prima, Ivanovic poi, Orlandina che torna a tre possessi di svantaggio. Sulla sirena non sciupa Abass, 12-24 dopo i primi 10′.

2º quarto: Non cambia la musica nel secondo quarto, faticano in attacco i padroni di casa, Milano allunga, timeout forzato per Di Carlo. Diener colpisce in penetrazione, Hickman risponde da tre, 18-31 dopo 6′. Vola a canestro Raduljica, aumenta a 15 il gap tra le due squadre. Betaland confusa in questo frangente, Mclean la punisce ancora, 28-43. Tripla importante di Archie, -12 e timeout Repesa. È di Simon l’ultimo squillo del quarto, 31-45 a fine primo tempo.

3º quarto: Riparte in quinta l’Olimpia, Hickman e Raduljica la portano sul +19. Tecnico a Raduljica, schiacciata di Archie e PalaFantozzi che diventa una bolgia, il divario resta però larghissimo in favore degli ospiti. Massimo vantaggio milanese, il solito Hickman porta a 21 i punti di vantaggio. Tripla di Kikowski, piazzato di Mclean, la Betaland prova rientrare in partita. Ivanovic non sbaglia in penetrazione, Delas poco preciso in lunetta, 47-60. Quasi ci crede il pubblico di casa al -11 griffato Berzins, puntuale però la risposta di Pascolo a spezzare l’entusiasmo. Hickman manda le squadre all’ultimo riposo, 49-65.

4º quarto: Clamoroso tentativo di rimonta Orlandina, che inizia l’ultima frazione di gioco con un 8-0 di parziale, 57-65 e pubblico in delirio. Cambia tutto dopo il timeout, nuovo allungo milanese, che ringrazia Macvan e trova il +12 che spezza le gambe all’Orlandina. Berzins in penetrazione per il -10 a poco meno di 2′ dalla fine. Milano mette il punto esclamativo sul match, 62-77 e semifinali scudetto, il PalaFantozzi ringrazia comunque i propri beniamini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy