QF G5: Cantù vende cara la pelle, ma in semifinale ci vola la Reyer!

QF G5: Cantù vende cara la pelle, ma in semifinale ci vola la Reyer!

Commenta per primo!

MESTRE (VE) – La degna conclusione di una serie quanto mai intensa e giustamente terminata con una gara-5 più combattuta che mai. Un Ress stratosferico nell’ultimo periodo trascina la truppa di coach Recalcati in semifinale scudetto. Ma protagonisti della vittoria della Reyer sono stati anche Julyan Stone (MVP), il capitano Phil Goss e un determinante Jarrius Jackson, oltre al consueto apporto di Benjamin Ortner sotto le plance.
In casa canturina stecca gara 5 Metta World Peace, impreciso e quantomai nervoso: proprio la sua espulsione, giunta al 37′, ha determinato probabilmente l’esito dell’incontro. Ottimo Abass con 15 punti, ma non basta: Venezia vola in semifinale, Cantù deve dire addio al sogno Scudetto.

Clima rovente al PalaTaliercio già un’ora e mezza prima della partita: l’importanza della partita si percepisce anche nel riscaldamento, i tifosi lagunari sono in grande spolvero, non da meno il centinaio di supporters canturini giunti dalla Brianza.

Il primo quarto di gioco viaggia sul filo dell’equilibrio: Venezia è più reattiva in difesa ma non riesce a sfruttare a dovere questo vantaggio. Cantù, soprattutto con Feldeine, è brava e tenace a rispondere ad ogni canestro orogranata e la prima frazione si conclude in perfetta parità sul 17-17 (Viggiano e Goss 6, Feldeine 5).

Nel secondo quarto Recalcati prova a mescolare le carte: l’inserimento di Stone da “4 tattico” sembra dare i suoi frutti e Venezia con la schiacciata di Dulkys timbra il primo break della serata (25-20, timeout Sacripanti al 13’). La reazione dell’Acqua Vitasnella non si fa attendere: il layup di Johnson-Odom in contropiede permette a Cantù di capovolgere la situazione già al 15’ (27-28 al 15’). Gli ospiti proseguono il buon momento trascinati da Feldeine ed Abass (31-37 al 18’). Julyan Stone, nella inedita posizione di ala forte, sembra trovarsi a suo agio e ne mette cinque consecutivi: all’intervallo lungo Cantù è avanti 36-39 (Ortner 12, Johnson-Odom 10).

Recalcati lancia a sorpresa nella mischia Aradori (zero minuti nei primi 20’). E’ Cantù però a partire a razzo con un mini parziale di 5-0 (36-44 al 21’). Venezia, trascinata dal suo splendido pubblico, piazza un break di 10-2 (Goss e Stone in evidenza) ed impatta a quota 46: timeout Sacripanti al 24’. Il contributo di Aradori è fondamentale, così come quello di Ress, alla prima apparizione sul parquet al 26’. Le triple di Goss e Stone lanciano Venezia sul +5, con un libero di Aradori la Reyer tocca anche il +7 ma il terzo periodo si chiude sul 62-57 (Gentile 2/2).

Ultimi 10 minuti di gioco, la tensione è palpitante: Goss recupera due palloni in un batter d’occhio e permette alla Reyer di allungare il divario sul +9 (66-57 al 31’). Un gioco da 3 punti di Abass e una schiacciata di Williams ricuciono lievemente il gap (timeout Recalcati, 68-62 al 35’). Dopo un fallo su Johnson-Odom nasce una scaramuccia tra Stone e World Peace che prosegue anche a gioco fermo: durante il timeout MWP bisticcia con il pubblico lanciando due bottigliette e viene espulso (72-64 al 37’)! Il gioco riprende con i liberi per Johnson-Odom e Goss, poi la palla rimane in possesso della Reyer: Tomas Ress infila la tripla del +11 che fa esplodere il palazzetto (77-66 al 38’). Ancora l’ex senese letteralmente onfire: 2/2 dalla lunetta e un’altra bomba per il +13 dell’Umana a 90” dal termine. Abass risponde con la stessa moneta, ma dall’altra parte un immenso Julyan Stone piazza la quarta tripla personale della serata che chiude i giochi a 50” dal termine. Termina 88-73, la Reyer Venezia conquista la semifinale Scudetto.

UMANA REYER VENEZIA 88-73 ACQUA VITASNELLA CANTU’ (17-17, 36-39, 62-57)

Umana Reyer Venezia
Stone 17, Goss 24, Viggiano 6, Peric, Ortner 14- Starting Five
Ruzzier, Jackson 10, Dulkys 2, Ceron NE, Aradori 5, Nelson, Ress 10. All.: Recalcati

Acqua Vitasnella Cantù
Johnson-Odom 14, Feldeine 12, Abass 15, World Peace 10, Shermadini ­ 6- Starting Five
Gentile 4, Bloise NE, Jones 3, Bugatti NE, Maspero NE, Buva 4, Williams 5. All.: Sacripanti

Arbitri: Paternicò, Sabetta, Quarta

Note: 3509 spettatori

MVP BASKETINSIDE.COM: Julyan Stone (17 punti, 8 rimbalzi, 7 falli subiti, 6 assist, 33 di valutazione).

Fotogallery a cura di Giacomo Martines

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy