Quante emozioni al PalaSerradimigni! Sassari batte Roma nella sfida playoff

Quante emozioni al PalaSerradimigni! Sassari batte Roma nella sfida playoff

Commenta per primo!

Dinamo Sassari-Lottomatica Roma 86-85 (23-20, 38-41, 60-57, 86-85)

Dinamo Sassari: White 24, Hunter 12, Maninchedda ne, Samoggia ne, Cittadini, Diener 12, Sacchetti ne, Plisnic 11, Tsaldaris 13, Vanuzzo 3, Pinton 11. All.Sacchetti

Lotttomatica Roma: Giachetti ne, Gigli 4, Smith 5, Washington 17, Vitali 3, Crosariol ne, Traore 30, Datome 7, Di Pasquale ne, Gordic 9, Dasic 10. All.Filipovski

Nel mezzogiorno di SKY si incontrano in una importante sfida playoff la Dinamo Sassari e la Lottomatica Roma. Partita fatta di break nel primo tempo (19-10 all’8’ per Sassari, 27-39 al 18’ per Roma), ma emozionante ed equilibrata nel secondo tempo. A spuntarla è una grande Dinamo Sassari, glaciale nei momenti decisivi e brava ad approfittare della clamorosa ingenuità di Darius Washington all’ultimo secondo del match. La Dinamo vince grazie al cuore nella rimonta del primo quarto, grazie ai rimbalzi offensivi (16, di cui 10 nel primo tempo), grazie alla ottima percentuale nel tiro da fuori (11/25, 44%)e grazie al trio USA Diener-White-Hunter, capace di produrre 48 punti, 22 rimbalzi e 13 assist sommando le tre prestazioni. Roma, comunque, gioca benissimo e trova finalmente uno splendido Ali Traorè (30 punti, 12 rimbalzi, 44 di valutazione) e un’ottima percentuale nel tiro da 2 (28/38, 73.7%). La formazione capitolina viene però tradita dal Ragno Smith (5 punti, 2/10 dal campo, 5 perse), dalla percentuale dall’arco (5/22, 22.7%) e dall’ingenuo fallo di Washington a 2” dalla fine che ha permesso a Diener di segnare i due liberi della vittoria.

Partita: Sacchetti, senza Devecchi, schiera in quintetto: Diener-Tsaldaris-White-Plisnic-Hunter. Filipovski risponde con: Washington-Smith-Datome-Dasic-Traorè. L’inizio del match è targato Ali Traorè, che realizza 6 punti in fila. I  giocatori sardi, però, han da subito le mani calde e con Hunter, Plisnic e le bombe di Diener e Tsaldaris tentano il primo affondo (10-6 al 4’). Dasic e Hunter si rispondono schiacciando, poi si scalda James White che propizia da solo un parziale 7-0 (19-10 all’8’). La Lottomatica, però, si rimette in carreggiata già sul finire del quarto grazie alle triple di Smith (unica della sua partita su 8 tentativi) e Dasic e ai 4 punti di Traorè (23-20 al 10’). Sassari parte male nel secondo periodo con 4 conclusioni errate da Diener e Roma impatta e sorpassa con le triple di Gordic e Dasic (23-26 al 12’). La Dinamo continua a sbagliare tiri e perdere palloni, ma Roma segna solo un altro canestro con Gordic. Hunter e White sbloccano Sassari (27-28 al 15’), ma le palle perse (5 in fila) dei sardi permettono a Roma di volare fino al +11 coi canestri di Gigli, Dasic, Smith, Gordic e Vitali (27-39 al 18’). Proprio nel momento di maggior difficoltà esce il grande cuore di Sassari sia in attacco sia in difesa. Pinton da 3 scuote la formazione di casa, poi Plisnic, White e Hunter permettono alla Dinamo di chiudere il primo tempo sotto solo di 3 (38-41 al 20’). Washington e Traorè fan partire subito forte la Lottomatica (40-47 al 22’), ma a suonare la carica per la Dinamo è il solito Pinton con due bombe in rapida successione (48-49 al 24’). Washington segna col fallo, ma Roma non vede il canestro per 3’ e permette a Sassari di rimettere la testa avanti coi canestri di Diener, Hunter e Pinton (54-52 al 28’). Nel momento di maggior difficoltà offensiva Roma si affida a Traorè che risponde ai 4 punti consecutivi di Tsaldaris. A chiudere il terzo periodo ci pensano un canestro col fallo (con tiro libero, però, sbagliato) di James White e una tripla sbagliata da Washington (60-57 al 30’). Datome apre l’ultimo periodo con una bomba (l’unica di Roma nel secondo tempo), ma al 4/4 ai liberi di Washington e Gigli rispondono le bombe di Tsaldaris e di Capitan Vanuzzo (67-64 al 33’). Roma pasticcia in attacco e Sassari punisce con un’altra tripla di Tsaldaris, ma un 4/4 di Washington dai liberi e un canestro di Datome riportano l’equilibrio nel match (70-70 al 36’). Sassari continua a segnare da 3 (4° bomba del periodo) e stavolta a realizzare è Diener, ma Roma muove ancora il punteggio coi liberi di Washington. White e Traorè si rispondono da 2, poi Washington riporta i capitolini in vantaggio dopo una grandissima stoppata di Traorè su White (75-76 al 37’). Roma, dopo il canestro di Washington, si addormenta e Sassari dalla rimessa crea una facile schiacciata per Flight White. Datome, però, rende subito la stessa moneta a Sassari e inchioda dopo una splendida soluzione personale (77-78 al 38’). Sassari ha ancora la mano calda dall’arco e a segnare da 3 è Plisnic, poi, dopo l’errore di Traorè da sotto, è un 2/2 di White dalla lunetta a portare a +4 la Dinamo (82-78 al 39’). Traorè è ancora on fire e mette un 5-0 di parziale per riportare davanti Roma di 1 lunghezza. Sassari attacca per la vittoria e va in lunetta White che non trema e fa 2/2. Roma, però, con una manciata di secondi sul cronometro riesce a creare un buon tiro che Traorè non sbaglia a 2” dalla fine (84-85).  Sacchetti chiama timeout, Diener riceve palla dalla rimessa e subisce fallo da Washington. Le mani del play americano della Dinamo non tremano (2/2) e per Roma non c’è nemmeno il tempo di tentare il tiro della vittoria. Finisce, quindi, 86-85 per Sassari. La Dinamo, con questa vittoria, festeggia il raggiungimento della salvezza e, in questo momento, è all’ottavo posto in zona playoff. Roma, invece, rimane a quota 24 (pari a Sassari, Caserta e Pesaro) e deve ora concentrarsi sulla fondamentale sfida-playoff di settimana prossima in casa contro Caserta.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy