Reggio Emilia sbanca il Paltrento al fotofinish

Reggio Emilia sbanca il Paltrento al fotofinish

Aradori trascina i biancorossi ad un’importante vittoria contro una caparbia Dolomiti Energia

Commenta per primo!

Partita avvincente e piena d’intensità quella andata in scena al Palatrento tra due delle squadre più in forma del campionato che non si sono di certo risparmiate. In equilibrio per tutta la gara, nessuna delle due compagini è riuscita a prendere il largo, lasciando la resa dei conti ai secondi finali dove è stata la freddezza ai liberi ma soprattuto la prontezza di Cervi nel recuperare l’ultimo rimbalzo a decretare la vittoria di Reggio Emilia. Trento non ha molto da recriminare se non forse la mancanza di lucidità e di forze fisiche nell’affrontare l’ultima parte di match.

TRENTO: Craft, Flaccadori, Gomes, Lighty, Jefferson.

REGGIO EMILIA: Needham, Della Valle, Aradori, James, Cervi.

PRIMO QUARTO: Cervi segna i primi quattro punti della partita, prima con un’ottima giocata in post contro Baldi Rossi, poi con un piazzato dalla media (4-0). Jefferson non riesce a mettere dentro un canestro già fatto, ci pensa Flaccadori allora a mettere a referto i primi due punti per i padroni di casa. Craft e Baldi Rossi riportano l’Aquila in parità dopo cinque minuti di gioco (9-9). Match stupendo con gli attacchi di entrambe le squadre molto attivi e capaci di segnare da qualsiasi zona del campo (13-11). Riccardo Cervi si rende subito protagonista del match, cercatissimo dai suoi compagni di squadra trasforma in oro tutto quello che gli passa per le mani (8 punti per lui). Trento riesce a conquistare un possesso di vantaggio grazie ai liberi di Hogue, ma è il solito Cervi, con un altro piazzato a tenere in partita i suoi (18-17). Aradori sulla sirena segna una tripla tanto bella quanto importante che decreta il +4 per gli emiliani (18-22).

SECONDO QUARTO: Secondo quarto che si apre con il fadeaway di Moraschini (20-22). Polonara penetra indisturbato nell’area trentina ed inchioda al tabellone firmando il primo canestro della sua gara (24-24). Si infiamma il Palatrento quando Gomes decide di fare tutto da solo segnando e subendo fallo. La Dolomiti Energia va a +5 e Menetti è costretto a chiamare time-out. I biancorossi escono dall’interruzione di gioco frastornati. Forray e Baldi Rossi mettono a referto altri due canestri che proiettano i padroni di casa sul momentaneo +10 (35-25). Ci pensa Needham a fermare l’avanzata di Trento con una bomba dall’angolo che è puro ossigeno per Aradori e compagni (35-28). Incertezza difensiva dei bianconeri che vengono puniti da Della Valle (39-35). Dopo un’ottima difesa di Reggio, Aradori si smarca e si invola in contropiede segnando in testa a Craft (41-39). Quando mancano due minuti alla fine del quarto la Dolomiti Energia tenta un nuovo affondo per chiudere il parziale con un cospicuo vantaggio. E’ Aradori a smorzare gli entusiasmi dolomitici grazie ad una bomba in transizione che gela la squadra di Buscaglia (48-45). Squadre negli spogliatoi.

TERZO QUARTO: Trento parte bene, palla rubata e contropiede di Lighty che segna ai danni di Della Valle (50-46). Cervi tanto per cambiare, imbeccato sotto canestro ne segna altri due tenendo i suoi a due lunghezze di distanza dai padroni di casa (52-50). Partita davvero gradevole, Trento tenta l’allungo ma è Needham a tarpare nuovamente le ali ai bianconeri (56-52). Palla in mano alla Grissin Bon che non sfrutta i 24 secondi a disposizione. Partita che scorre punto a punto senza che nessuna delle due squadre sia in grado di prendere il largo (62-58). Ultimi trenta secondi del quarto e possesso in mano a Reggio che spreca e regala il possesso a Lighty, layup e canestro. Con 10 secondi da giocare anche gli ospiti trovano la via del canestro rimandando tutte le ostilità all’ultimo periodo di gioco (64-60).

QUARTO QUARTO: Forray si esalta in apertura di quarto con una giocata incredibile, +7 Dolomiti Energia e time-out Menetti (67-60). L’interruzione di gioco sembra aver fatto bene questa volta ai biancorossi che prima da tre punti con Lesic e poi dalla lunetta con Aradori segnano il momentaneo meno tre (69-66). Della Valle è letteralmente on fire, è abile a conquistare fallo prima e a rubare palla e ad involarsi in contropiede poi, regalando ai suoi il momentaneo vantaggio (69-70). Buscaglia decide di fermare il gioco cercando di parlare ai suoi giocatori che sembrano estremamente in difficoltà. Jefferson è scatenato, manda fuori giri Aradori e conquista sia i due punti che il fallo. Ora è la Dolomiti Energia ad avere l’inerzia del match dalla sua, spinta da 3300 spettatori (74-73). Aradori prende per mano i biancorossi e con la palla che pesa come un macigno segna una bomba importantissima (74-77). I bianconeri sono ad un possesso di svantaggio quando manca un minuto e mezzo alla fine della partita. E’ ancora Aradori a prendersi la responsabilità di concludere l’azione, subisce fallo e va in lunetta realizzando entrambi i liberi a disposizione (74-79). Jefferson dalla media ne mette altri due (76-79). Reggio non va a canestro, fallo su Lighty che fa due su due (78-79). Craft è obbligato a fare fallo sistematico su Aradori che in lunetta è freddo e non sbaglia (78-81). Gomes viene mandato nuovamente in lunetta da De Nicolao e non fallisce (80-81). 12 secondi da giocare ed è De Nicolao ad andare ai liberi sotto i fischi del Palatrento, sbaglia il secondo ma è Cervi a recuperare il rimbalzo, +4 Reggio e fine partita (80-84).

MVP BASKETINSIDE.COM: Aradori

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – GRISSIN BON REGGIO EMILIA: 80-84

Parziali: 18-22, 30-22, 16-16, 16-24

Trento: Craft 13, Jefferson 10, Baldi Rossi 10, Moraschini 4, Forray 6, Flaccadori 6, Gomes 7, Hogue 4, Lighty 20, Lechthaler 0, All. Buscaglia.

Reggio Emilia: Aradori 26, Needham 10, Polonara 5, James 0, Della Valle 12, De Nicolao 1, Bonacini 0, Strautins 0, Cervi 20, Lesic 10, Gentile 0, Vigori 0, All. Menetti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy