Roma è ancora viva! Rimonta compiuta contro Siena, è 1-1 nella serie

Roma è ancora viva! Rimonta compiuta contro Siena, è 1-1 nella serie

Commenta per primo!

Se si dovesse scegliere una caratteristica della Roma di quest’anno è sicuramente il fatto, ormai accertato, che questa Virtus non molla veramente mai. Anche stasera, dopo aver visto Siena provare a scappare lontano, i ragazzi di coach Calvani ancora una volta trovano dentro di loro e sul caldissimo pubblico sugli spalti risorse nascoste che li conducono alla fine ad una importante vittoria che pareggia la serie sull’1-1. Gigi Datome è tornato ad essere protagonista, cosi come Lawal che ha problemi in difesa ma che in attacco vola cosi in lato che è impossibile fermarlo…per non parlare delle bombe di Lollo D’Ercole, la solidità di Phil Goss, la Presenza di Jordan Taylor. Siena può poco contro questi ragazzi scatenati, e non basta la splendida partita di Ortner a bissare il successo di gara 2. Ora Roma va a Siena sulle ali dell’entusiasmo, consapevole che ora arriva la parte più difficile, ma consapevole anche della sua forza e di avere ancora molto da dire.

LA CRONACA

Parte forte la difesa romana nel primo quarto, e subito porta il primo canestro della partita per i padroni di casa; Siena risponde subito, ma Roma è aggressiva su entrambi i lati del campo: 5-2 dopo i primi due minuti di gioco. C’è equilibrio in questo primo quarto, per Roma Goss e Datome protagonisti, per Siena soprattutto Moss; alto il livello della difesa di entrambe le formazioni, che cercano di caricarsi di falli a vicenda, strategia che ferma ripetutamente il gioco. A 4:22 arriva la prima stoppata con recupero di Lawal, seguita da un canestro che porta Roma sull’11-8; bastano un paio di azioni a Ortner per ricucire lo strappo e provare a raggiungere la Virtus, che grazie ai tiri di Datome però si distanzia sempre di qualche punto. E’ Taylor che prova a scappare con un canestro più fallo a 1:25 che vale il più quattro romano; Moss risponde per Siena e il quarto si chiude sul 18-16 per i padroni di casa.

Il secondo quarto inizia all’insegna di una serie di palle perse per entrambe le formazioni, e il punteggio rimane bloccato fino al canestro di Lawal, a cui risponde Eze con un improbabile tiro dalla distanza che segna il 20 pari (sei minuti e mezzo ancora da giocare). E’ proprio del centro nigeriano il canestro del sorpasso, che porta gli ospiti al primo vantaggio, seguito subito da una tripla di Brown che manda un po’ in crisi Roma e la spedisce sotto di 5 punti (20-25), facendole perdere molta della lucidità avuta fino ad ora. Arriva il massimo vantaggio per Siena sul 20-27, mentre Roma entra in un momento difficile in cui non riesce più a trovare la via del canestro. Nonostante gli sforzi le percentuali della Virtus si sono abbassati di molto, e Siena riesce ad andare al riposo lungo avanti 24-33. 

Buoni segnali per Roma all’inizio del terzo quarto, inaugurato subito da un canestro di Lawal, a cui seguono i due consecutivi di un Ortner davvero scatenato. Roma prova a ricucire con Datome e Lawal, ma Ortner è veramente inarrestabile e segna l’ennesimo appoggio: è 30-39 a 6:05. Roma però è lontana dall’essere morta, e una bomba di Goss lo dimostra, infiammando il pubblico del Palazzetto; Ortner e Hackett non si fanno intimidire dall’alzata di testa romana, e velocemente si portano nuovamente su un sostanzioso vantaggio di dieci lunghezze (36-46 a 2:39). Una bomba di Bobby Jones e due possessi recuperata infiammano il clima e danno nuova vita alle speranze della Virtus: arriva anche la bomba del meno due di Lollo D’Ercole, ma è un canestro di Ress a chiudere il quarto 46-51 per gli ospiti.

Recupera subito un possesso la Virtus in apertura dell’ultimo quarto di questa gara 2, seguito da un bel canestro di Olek Czyz. Brown risponde per Siena, ma Roma è li e non molla niente: 51-53 con sette e mezzo da giocare. Arriva il pareggio per mano del capitano Gigi Datome, e ora la Virtus è tornata anche a difendere come sa fare, limitando nuovamente l’attacco senese. Torna in vantaggio Roma con la classica schiacciata volante di Lawal, che non contento ne mette una seconda e costringe coach Banchi all’immediato time out: è 57-53, con 5:19 ancora da giocare. Carraretto e Hackett non mollano però, e in un secondo riportano Siena avanti di uno, e ora è una lotta all’ultimo respiro su entrambi i lati del campo (60-60, 2:46). Una schiacciata davvero meravigliosa di Gigi Datome porta la Virtus avanti di tre lunghezze con meno di un minuto rimasto sul cronometro; Siena ci prova fino all’ultimo secondo, ma i liberi segnati da Taylor sanciscono la fine della partita, che vede Roma vincere 67-62.

Mvp Basketinside.com: Lawal, per la fisicità strabordante, e Datome, per essere tornato fondametale…e per aver toccato il cielo con una schiacciata!

Virtus Roma: Lawal 19, Datome 17, Taylor 10, Goss 8, Jones 5, Czyz 5, D’Ercole 3

Montepaschi Siena: Ortner 19, Hackett 12, Brown 8, Moss 8, Carraretto 5, Eze 4, Sanikidze 3, Ress 3

SALA STAMPA

Banchi: “Era prevedibile che questa partita fosse combattuta e più agonistica, anche se di un basso livello tecnico. C’è un può di rammarico per come abbiamo gestito il finale di partita, quei tiri liberi sbagliati che alla fine pesano…Torniamo comunque a casa avendo raggiunto l’obiettivo minimo di portare a casa almeno una delle due gare giocate in casa di Roma, fondamentale per il nostro cammino in questa serie finale.Peccato per stasera, ma sono comunque contento dei miei raqazzi.”

Calvani : “Stasera la squadra è partita con un atteggiamento diverso e si è visto…il cucchiaio di legno non lo meritavamo in questa finale, e ora abbiamo almeno la certezza di tornare qui da noi a giocare gara 5. Stasera posso dire che siamo stati bravi a reagire a tanti fattori che iniziano ad accumularsi, la tensione, la stanchezza fisica e mentale…è normale che a questo punto si fanno sentire, ma stasera abbiamo dimostrato che siamo in grado di reagire. Gigi è stato fantastico. Alla fine di Gara 1 aveva detto che doveva produrre di più, soprattutto nello scontro con Moss. Stasera le statistiche si sono quasi invertite: Datome è stato importantissimo stasera. Sono convinto che la nostra vittoria in regular season a Siena sarà fondamentale per questa serie. Queste due gare a Siena non sono impossibili, sul 2 a 0 sarebbe stato davvero difficile, ma ora come ora ogni partita fa storia a sé, andiamo li con la consapevolezza che anche noi possiamo dire la nostra.”

Lawal: “Sono orgoglioso dei miei compagni di squadra, abbiamo tutti affrontato la partita nel modo migliore, siamo scesi in campo con la voglia giusta e siamo stati uniti. Ora dobbiamo prepararci a una trasferta durissima, su un campo difficile e con un pubblico difficile. Stasera abbiamo concesso troppi rimbalzi offensivi, dobbiamo fare una grande partita offensiva per pensare di vincere a Siena. Il nostro grido alla fine della partita è 1-2-3 Champions…noi ci crediamo in questa vittoria e vogliamo portare lo scudetto a Roma.”

Jones: “Questa era una partita da vincere per forza. Le ultime quattro gare che abbiamo giocato sono state tutte partite da vincere assolutamente, tutte gare da dentro o fuori, e a questo punto la pressione inizia a farsi sentire. Ora andiamo a Siena, uno dei tre campi più difficili in cui giocare in Italia. Vogliamo tornare da Siena con almeno una gara vinta, e siamo pronti a lottare per ottenerla.”

PER LE PAGELLE DELL’INCONTRO CLICCARE QUI

Fotogallery a cura di Gennaro Masi

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy