Sassari strapazza Pesaro: è tripudio biancoblù al PalaSerradimigni

Sassari strapazza Pesaro: è tripudio biancoblù al PalaSerradimigni

Sassari strapazza Pesaro nel boxing day di Santo Stefano con un perentorio 114-73

di Alessandro Sanna

La Dinamo Banco di Sardegna Sassari ritrova vittoria, punti, sorriso e gioco contro la malcapitata Pesaro nel boxing day di Santo Stefano. Gli uomini di Coach Esposito strapazzano i marchigiani di 41 lunghezze con il roboante risultato di 114-73. Una partita senza storia, dominata dal primo all’ultimo quarto dagli isolani che trovano un ottimo 18/36 da 3 trascinati da Smith (18), Cooley (15) e Thomas (16) trascinatori in una serata che ha visto l’intero roster mettersi in mostra.
Dopo le sconfitte contro Trento, Milano e Varese (Fiba Europe Cup) la classifica dei sassaresi si era fatta preoccupante, ma la vittoria odierna ridà ossigeno ad una squadra che sembrava smarrita dopo un ottimo inizio di campionato.
Per i marchigiani una serata da dimenticare con i soli Artis, Murray e Mccree capaci di andare in doppia cifra.

Coach Esposito manda in campo Smith, Bamforth, Pierre, Thomas e Cooley, Pesaro risponde con Blackmon, McCree, Artis, Monaldi e Mockevicius. I primi punti portano la firma di Jaime Smith dai 6,75, Pesaro apre le danze con due canestri di Blackmon. Sassari bombarda con Bamforth e un Pierre tuttofare: il giocatore canadese conduce i suoi con tanta energia a rimbalzo. Il Banco chiude un break di 6-0, Pesaro si sblocca con il 3+1 di McCree. Break di 4 lunghezze firmato Thomas, Cooley e Bamforth allungano e la prima frazione si chiude 28-14. Nella seconda frazione Pierre conduce il Banco sul +17 ma Pesaro non ci sta e firma un break da 8-1 che riporta la VL sotto la doppia cifra di svantaggio. Reazione sassarese con Thomas, Pierre e Magro: il Banco chiude il primo tempo 47-30. Al rientro dalla pausa lunga Sassari dilaga siglando un terzo quarto da 33-16: a condurre i sassaresi sono le prestazioni balistiche di Smith, Polonara, Spissu e Bamforth. I biancoblu si portano a +37, Pesaro prova ad accorciare ma il Banco scappa via (80-46). Gli uomini di coach Esposito continuano la loro corsa e scrivono il +46, la Vuelle prova a fermare l’emorragia e accorciare il divario. Il capitano che si butta per recuperare il pallone sul +41 è la fotografia di un Banco rabbioso e agguerrito, intenzionato a vendere cara la pelle nelle ultime giornate del girone di andata. Al PalaSerradimigni finisce 114-73.

TABELLINI:

Dinamo Banco di Sardegna 114 – VL Pesaro 73

Dinamo Banco di Sardegna:
Spissu 13, Chessa, Smith 18, Bamforth 11, Devecchi 3, Magro 2, Pierre 14, Gentile 11, Thomas 16, Polonara 11, Diop, Cooley 15.
Coach Vincenzo Esposito.

VL Pesaro:
Blackmon 15, McCree 16, Artis 18, Murray 11, Conti, Giunta, Tognacci, Ancellotti, Monaldi 3, Shashkov, Zanotti, Mockevicius 10.
Coach Massimo Galli

Parziali: 28-14; 19-16; 33-16; 34-27.
Progressivi:  28-14; 47-30; 80-46; 114-73

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy