SF, G1: terzo quarto shock per Milano, Green fa volare Venezia

La prima semifinale tra Milano e Venezia ha regalato grande spettacolo ed un risultato inaspettato alla vigilia.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – UMANA REYER VENEZIA  77 – 84 (21-21, 22-17, 10-28, 24-18)

La prima gara di semifinale tra Milano e Venezia vede grande spettacolo in campo, con due squadre pronte a lottare su ogni pallone e con un grande equilibrio durante la gara. Sorpassi e controsorpassi caratterizzano la sfida nella prima metà di gara, prima che Venezia provia a creare un break importante nel terzo periodo. I tentativi di rimonta dell’Olimpia vengono sempre fermati da Ortner e da un Mike Green imprendibile nella ripresa, MVP della partita ed autore di 16 punti alla fine.

L’Olimpia Milano inizia con Kalnietis, Gentile, Simon, Sanders e Batista, mentre Venezia risponde con Green, Tonut, Bramos, Ejim e Ortner. La squadra di Repesa parte fortissima, grazie a un Batista già dominante e con una grande intensità difensiva che costringe Venezia ad una serie di tiri forzati. Gli ospiti reagiscono all’avvio difficile e riescono a portarsi in vantaggio già a metà frazione: è un Rakim Sanders già in doppia cifra a caricarsi la squadra sulle spalle e a riportarla in vantaggio con un paio di giochi da 3 punti mandati a segno, ma nessuna delle due squadre riesce a prendere il largo. La schiacciata di Batista in testa a Krubally chiude il primo periodo con le due squadre in perfetta parità a quota 21.

Ora la partita è molto gradevole, le due contendenti si affidano al gioco corale per produrre buone conclusioni ed il punteggio cresce rapidamente: i due falli di Batista ad inizio parziale tolgono dalla gara uno dei grandi protagonisti dell’avvio, con Milano che scegli l’assetto con quattro esterni, subito imitato anche da De Raffaele. Sono numerosi gli attori capaci di portare un buon contri buto alla causa di Olimpia e Reyer, con gli ospiti che mantengono sempre il vantaggio. Un paio di passaggi a vuoto sono poco graditi a Repesa, ma Milano chiude il primo tempo con un 6-0 che la manda all’intervallo avanti 43-38.

Il 5-0 con cui l’Umana apre il terzo periodo riporta le due squadre in parità, con Repesa costretto ad interrompere il gioco viste le difficoltà dei suoi giocatori. Il parziale ospite non si ferma e il lay-up con cui Mike Green segna il 47-43 obbliga la squadra di casa a fermare nuovamente il gioco con il secondo time-out in rapida successione visto il momento di grande difficoltà. La tripla di un Green incontenibile (10 punti nel quarto) vale il primo vantaggio in doppia cifra per gli ospiti che insistono e provare a dilatare il margine. L’Olimpia non riesce a reagire in alcun modo contro l’ondata ospite, che tocca il +15 a un minuto e 30 secondi dalla fine della frazione: Repesa è costretto a giocarsi anche l’ultimo minuto a sua disposizione per provare a scuotere la squadra, ora completamente in balia dell’avversario. I liberi di Sanders e il canestro di Jackson chiudono i primi 30 minuti con l’Umana che conduce per 66-53.

Milano prova una reazione in apertura di quarto parziale per cercare di riavvicinarsi a Venezia: De Raffaele chiama time-out dopo poco più di due minuti per riordinare le idee dei suoi giocatori ed impedire cali di tensione. Ejim e Ortner, pedine chiave degli ospiti, sono in campo con quattro falli: la squadra di Repesa ora alza l’intensità difensiva ma in attacco fatica a trovare buone soluzioni. Il canestro dello stesso Ortner allo scadere dei 24 secondi, dopo la tripla di Simon, affossa la rimonta di Milano: la successiva penetrazione di Green vale il 79-62 ospite a poco più di 4 minuti dalla fine. Un mini-break di 4-0 dei padroni di casa accorcia le distanze e suggerisce a De Raffaele di interrompere il gioco, dopo due brutti attacchi della sua squadra. L’appoggio di Sanders vale il -9, Cerella a 1 minuto dalla fine sigla il -6: Ejim fa 2/2, non basta un’altra tripla di Sanders perché il punteggio finale è 84-77 per Venezia. Per Venezia, oltre a Green (16), molto bene Ortner (14) e Bramos (12), mentre per Milano non bastano Sanders (28) e Macvan (12).

 

TABELLINI:

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO: Lafayette, Gentile 8, Cerella 2, Kalnietis 4, Macvan 12, Calò n.e., Magro, Sovera n.e., Sanders 28, Jenkins 4, Simon 9, Batista 10

UMANA REYER VENEZIA: Pargo 4, Ejim 12, Bramos 12, Tonut 10, Jackson 3, Krubally 6, Green 16, Ruzzier n.e., Criconia n.e., Ress 4, Ortner 14, Viggiano 3

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy