Siena è una macchina, una generosa Cantù si deve arrendere: 2-0 nella serie

Siena è una macchina, una generosa Cantù si deve arrendere: 2-0 nella serie

Commenta per primo!

La Montepaschi Siena vince anche gara due della finale scudetto tra le mura amiche del PalaEstra sulla Bennett Cantù per 81-69. Cantù per tre quarti di gara ha tentato in ogni maniera di opporre resistenza alla corazzata senese, ma ha pagato lo sforzo negli ultimi undici minuti di gara e Siena ha potuto dilatare il suo vantaggio. Trincheri ha provato ad incrinare le certezze dell’attacco senese, praticamente una macchina perfetta in gara uno, attuando in questa seconda gara di finale una zona-press a tutto campo, ma quando i campioni d’Italia hanno trovato l’antidoto giusto per la difesa orchestrata dai canturini per quest’ultimi la partita è diventata in salita. Una salita che è divenuta insormontabile quando i senesi hanno incominciato a stringere le loro maglie difensive concedendo solo 22 punti agli avversari, che nel primo tempo avevano realizzato ben 47 punti. La partita è stata molto equilibrato per i primi 29’ di gioco; Siena ha tentato di dare una prima spallata alla partita nel primo quarto, la Bennett ha reagito ed ha tentato a sua volta l’allungo nel secondo quarto, poi dall’inizio del terzo quarto la Montepaschi lentamente ha tentato la fuga. Allungo vincente che è arrivato proprio allo scadere del terzo quarto hanno una bomba di Zisis ha dato ai toscani il vantaggio in doppia cifra. Uomo partita come in gara uno un devastante per la difesa canturina Lavrinovic, che però si è fatto notare anche nella sua metà campo difensiva. Sugli scudi anche un ottimo McCalebb anima senese nella prima metà di gara, per il resto solita ottimo prova di gruppo per la squadra di Pianigiani con tutti i giocatori scesi in campo che hanno portato il proprio mattoncino alla causa senese. In queste prime due partite oggettivamente grande differenza la sta facendo il poter ruotare 11 uomini per Pianigiani, a dispetto degli otto di Trincheri (stasera 9, ma Mian ha prodotto un -2 di valutazione in 8’). Differenza che viene evidenziata nella maggiore freschezza e fisicità dei senesi dalla seconda metà del terzo quarto in avanti.  Per gara tre della finale al meglio delle sette partite ci si trasferisce sul legno del Pianella tra 48 ore, con la grande voglia della Bennett di allungare la serie e di regalare l’ennesima gioia stagionale ai propri tifosi.

Cronaca della partita

Pianigiani come in gara uno decide di lasciare fuori la coppia serba Jaric-Rakovic e manda per la palla a due in campo il seguente quintetto: McCalebb, Kaukenas, Hairston, Stonerook, Michelori. Trincheri dal canto suo, lascia fuori Ortner per Scekic e sceglie il suo quintetto tradizionale per iniziare la gara: Green, Markoishvili, Micov, Leunen, Marconato. L’inizio partita è in grande equilibrio (5-5 al 3’), Cantù prova un primo mini allungo e si porta a condurre sul 7-11 al 5’. Cantù esaurisce presto il bonus così Siena con una lunga serie di tiri liberi ed un gioco da 4 punti dello scatenato Lavrinovic si porta sul +6 (19-13 al 8’). Cantù reagisce con due bombe in fila di Mazzarino e Leunen: prima impatta sul 21-21 al 9’, poi chiude il primo quarto avanti sul 23-25. L’inizio della seconda frazione è pirotecnico, ma vi è sempre grande equilibrio (33-33 al 13’). Cantù prova ad allungare, con cinque punti in fila di Leunen ed una bomba di Tabù si porta al massimo vantaggio sul +6 (35-41 al 16’). La Montepaschi però in questo momento di difficoltà trova cose importanti dagli italiani Michelori ed Aradori (5 punti in fila per il milanese) e con un break di 8-0 rimette subito la testa avanti (43-41 al 18’). Si va negli spogliatoi con i padroni di casa avanti di due lunghezze sul 49-47. Nel terzo quarto Siena cambia registro in difesa, e con una spettacolare schiacciata in alley-oop di Hairston va sul + 5 (55-50 al 25′). Cantù fa una fatica bestiale a perforare la retina del canestro senese, Siena ne approfitta e con 5 punti in fila di Kaukenas ed un canestro da sotto di Lavrinovic trova il primo vantaggio in doppia cifra (62-52 al 27’). Il terzo quarto si chiude con i senesi, che hanno preso il pieno controllo del ritmo del match, in vantaggio sul 67-56. Nell’ultima frazione non c’è più partita; la Bennett ha esaurito le energie e la Montepaschi con due liberi di Ress dilaga sul 76-59 al 37’. Negli ultimi minuti Cantù riesce a rimontare qualche punticino e chiudere sul -12 finale (81-69 al 40’).

Montepaschi Siena-Bennett Cantù 81-69

Siena:Lavrinovic 16, Kaukenas 10 , Zisis 5, Carraretto 5, Aradori 5, Michelori 6, Hairston 10, Stonerook 3, Moss  5, NcCalebb 12, Ress 4

Cantù: Leunen 10, Markoishvili 9, Mazzarino 8, Marconato 9, Green 4, Tabu 10, Scekic 12, Micov 7

Rimbalzi totali:Siena 33 Cantù 28  Assist Totali:Siena 13 Cantù 18   Palle perse:Siena 11  Cantù 16 Palle recuperate: Siena 16 Cantù 12

Percentuali al tiro:Siena da due 16/31 52%   da tre 8/19 42%  ai liberi 25/31 81%

Cantù da due 16/38 42%  da tre 7/16 44%  ai liberi 16/19 84%

Uomo partita: K. Lavrinovic

Chiave della partita: La difesa della Montepaschi nei secondi venti minuti di gioco

Prossima gara: Mercoledi 15 Giugno Pianella di Cantù ore 20:30

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy