Tarczewski è un gigante: Milano sbanca Bologna

Tarczewski è un gigante: Milano sbanca Bologna

L’Olimpia offre una prova di grande solidità difensiva e si impone su una Virtus dal grande cuore ma con scarsa lucidità.

di Matteo Capelli

L’EA7 Emporio Armani Milano sbanca il Paladozza, imponendosi sulla Segafredo Bologna col punteggio finale di 67 a 73. L’Olimpia si è resa protagonista di una prestazione di estrema solidità come squadra ed ha condotto con grande autorità sin dalle primissime battute dell’incontro. Tra le fila meneghine, è difficile trovare un giocatore che abbia fatto più di altri, ma di certo gran parte del successo della formazione di Pianigiani passa dall’apporto del reparto lunghi: Tarczewski (10 pt, 8 rim e 2 stoppate) e Gudaitis (12 pt, 3 rim e 3 stoppate) sono due giganti e, a livello di campionato italiano, hanno già dimostrato di poter dominare contro qualunque avversario, incluso un eccellente Slaughter (17 pt, 7 rim e 5 falli subiti). Nel finale, invece, quando la Virtus era tornata sotto con grande voglia e determinazione, ci ha pensato Micov (10 pt e 5 rim) a chiudere i conti. Come detto, ben poco da recriminare per le Vnere, se non un inizio di partita un po’ troppo soft. Tra le fila bianconere, si sono distinti, oltre al già citato Slaughter, Aradori (13 pt, 7 rim, 4 ass e 7 falli subiti) e Lafayette (12 pt, 6 ass, ma anche 5 palle perse), nonostante quest’ultimo non abbia brillato in alcune scelte offensive. In grande difficoltà fisica Alessandro Gentile (8 pt e 4 ass comunque), ancora non recuperato a pieno dopo lo stiramento subito in Coppa Italia.

Quintetti

Virtus: Lafayette, Aradori, A. Gentile, Baldi Rossi, Slaughter.

Olimpia: Cinciarini, Goudelock, Micov, Kuzminskas, Tarczewski. 

Sul nuovissimo (e rossissimo) parquet del Paladozza, la Virtus parte con troppa frenesia (tiri affrettati e palle perse), finendo punita da Kuzminskas e Cinciarini (2 a 8 al 4’); l’asse Lafayette – Slaughter produce qualche punto facile per i padroni di casa, ma Milano non cede e con Micov e Tarczewski si porta sul 9 a 19 al 8’. La difesa meneghina riesce facilmente a bloccare le iniziative bianconere, e l’Olimpia può chiudere il primo quarto in vantaggio 11 a 22. Le Vnere proprio non riescono a trovare una soluzione in attacco e Milano può correre in contropiede: i canestri di Abass e Jerrells valgono il + 17, sull’11 a 28 del 12’. L’Olimpia continua a dominare con Gudaitis e Bertans (anche + 21 sul 13 a 34), poi due liberi di Gentile sbloccano la Virtus che grazie anche alle triple di Lafayette torna improvvisamente a – 10 (26 a 36 al 19’). Il canestro di Jerrels permette agli ospiti di guadagnare un altro piccolo margine subito prima del riposo: 28 a 40 all’intervallo (Bologna al 36% dal campo e sotto 9 a 19 a rimbalzo). Al rientro, l’atmosfera la Paladozza diventa bollente: Kuzminskas e Goudelock trovano alcuni punti facili, ma ora la Virtus gioca con maggiore agonismo e, trascinata da Aradori e Lawson torna a – 7, sul 42 a 49 del 27’. Tarczewski è un gigante e domina nel nuovo pitturato del Madison, ma Milano commette qualche disattenzione di troppo e va alla terza sirena ancora a + 7, 47 a 54. La Virtus pare esausta: Bertans e Jerrels la puniscono con facili lay up; Ndoja prova a tenere i suoi a contatto (51 a 58 al 34’), prima che 5 punti da campione di Micov riallarghino il gap a 12 punti: 51 a 63 al 35’. Nonostante la solidità milanese, Bologna non molla e rimane aggrappata alla partita grazie ai canestri di Aradori e Gentile (60 a 67 a 2’ 30” dalla fine). La Virtus non molla e torna anche a – 4, ma Milano non le da mai la possibilità di tornare davvero in partita: vince l’Olimpia 67 a 73.

Segafredo Bologna – EA7 Emporio Armani Milano 67 – 73 (11 – 22; 28 – 40; 47 – 54)

Bologna: A. Gentile 8, Jurkatamm NE, Umeh 7, Pajola, Baldi Rossi, Ndoja 6, Lafayette 12, Aradori 13, Lawson 4, Slaughter 17. All. Ramagli.

Milano: Goudelock 4, Micov 10, Bordolani NE, Pascolo 2, Tarczewski 10, Kuzminskas 7, Cinciarini 8, Cusin NE, Abass 2, Bertans 9, Jerrells 9, Gudaitis 12. All. Pianigiani.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy