Tonut decisivo, Venezia stende Reggio Emilia

Tonut decisivo, Venezia stende Reggio Emilia

Commenta per primo!

MESTRE (VE) – L’ha spuntata Venezia dopo 40 minuti febbricitanti, vissuti sul filo dell’equilibrio e dell’alta intensità dentro e fuori dal campo. Decisivo il solco creato dalla panchina orogranata nell’ultimo quarto con in evidenza Tonut – autore di 9 punti consecutivi – e Jackson, determinante in entrambe le fasi del gioco. Bene anche Ruzzier, importante pure l’apporto di Owens e Ress sotto le plance. In casa reggiana (out Veremeenko) delusione per la sconfitta ma anche la consapevolezza di poter continuare a recitare un ruolo da grande protagonista anche in questa stagione. Ottimo Lavrinovic dalla panca con i suoi 20 punti, in ombra Della Valle, a fasi alterne Aradori, grande ex della serata.

Venezia con Goss si porta sul 5-3 al 2’. Della Valle segna la sua prima tripla in uscita dai blocchi, pronta la replica di Bramos e Reyer che si porta sul 9-6 al 5’. La Grissin Bon, con l’ingresso in campo di Kaukenas, acquisisce maggiore solidità: sfruttando un fallo antisportivo sanzionato a Ortner, gli ospiti costruiscono un mini-break di 4-0 (13-16 all’8’). Goss – già in doppia cifra – pareggia i conti sul finire di frazione con un clamoroso gioco da 4 punti: al 10’ VE 20-20 RE.

Tonut apre le danze nel secondo periodo con una tripla. Silins e Kaukenas permettono alla Reggiana di rimettere la freccia al 12’ (23-25). Nuova contro-replica orogranata: entrata vincente di Ruzzier, poi Goss con un 2/2: Menetti ci vuole vedere chiaro e chiama timeout (27-25 al 13’). Bomba di De Nicolao, risponde nell’altra metà campo Ress di tabella: Venezia ancora sul +2 (30-28 al 14’). Reggio torna in vantaggio con due liberi di Aradori (32-34, primi punti per l’ex della partita), mentre al 18’ la terna arbitrale commina a Lavrinovic – grande fattore  in questo 2° quarto – un tecnico per simulazione che Venezia però sfrutta parzialmente (Green 1/1, 33-34). Kaukenas infila la sua seconda bomba della serata e la Grissin Bon torna ad un rassicurante +4 (35-39 al 19’). Sull’asse Green-Owens l’Umana impatta a quota 39, ma sono i biancorossi a chiudere il secondo quarto in vantaggio: al 20’ VE 39-41 RE.

Gli attacchi continuano a produrre anche ad inizio terzo periodo: Owens, ben assistito da Peric, sigla il vantaggio orogranata (47-46 al 23’). Poi Reggio trova la quadra difensiva e con un ispiratissimo Aradori vola sul +7 (50-57 al 25’). Venezia regge grazie alla consueta precisione di Bramos dalla distanza e ad un Owens dominante sotto le plance. Non è un caso che con l’ex Trento in panca a rifiatare, Reggio trovi in Lavrinovic il suo terminale preferito. E’ Jarrius Jackson, con un recupero e conseguente contropiede in solitaria, a fissare il -3 alla fine del 3° parziale di gioco: al 30’ VE 62-65 RE.

La Reyer inizia subito forte nel quarto periodo: tripla dall’angolo di Viggiano, schiacciata imperiosa di Owens e Menetti è costretto a chiamare timeout poco dopo 60” (67-65). Lavrinovic con un 4/4 ai liberi ridà il vantaggio ai suoi (67-69 al 33’). Si erge a protagonista Stefano Tonut: cinque punti consecutivi del talento triestino e la Reyer torna in vantaggio sul +3 (72-69 al 34’). Polonara risponde a Ress, poi altri 4 punti di Tonut, letteralmente ‘on fire’ consentono all’Umana di allungare fino al +5 (78-73, timeout Menetti a 4’37” dalla conclusione). Dopo un attacco concitato, tripla di Gentile e Reggio torna pericolosamente a contatto (78-76 al 37’). Jackson subisce fallo dai 6,75: 3/3 per l’ex Vanoli e la Reyer si riporta sul +5 (81-76 al 38’). Aradori fa 0/2 ai liberi, poi seguono fasi molto confuse e Recalcati, dopo un semigancio di Lavrinovic, decide di chiamare timeout e far riordinare le idee ai suoi (82-79 a 1’22”). Jackson in penetrazione firma il +5, poi Aradori dalla lunetta sbaglia il primo ma non il secondo (84-81). Nell’altra metà campo Green subisce fallo da Lavrinovic: il play di Philadelphia non sente la pressione e fa centro in entrambe le occasioni (86-81 a 12”, Menetti vuole il timeout per disegnare uno schema veloce d’attacco). Gentile ne mette due in layup ma è ancora Green a 5” dalla fine a sigillare a doppia mandata l’esito dell’incontro con un ½ ai liberi. Termina 87-83, Taliercio in estasi.

UMANA REYER VENEZIA 87–83 GRISSIN BON REGGIO EMILIA (20-20, 39-41, 62-65)

Umana Reyer Venezia
Green 8, Goss 14, Bramos 11, Peric 4, Owens 16
Ruzzier 4, Tonut 12, Jackson 7, Ambrosin ne, Viggiano 3, Ress 6, Ortner 2. All.: Recalcati

Grissin Bon Reggio Emilia
Gentile 12, Della Valle 9, Aradori 12, Polonara 4, Pechacek 4
De Nicolao 5, Kaukenas 8, Strautins ne, Silins 10, Lever ne, Lavrinovic 20. All.: Menetti

MVP BASKETINSIDE.COM: Stefano Tonut (Umana Reyer Venezia)

Arbitri: Sahin, Mazzoni , Baldini

Note: 3353 spettatori.
Prima della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime della strage di Parigi.
La Reyer, per l’occasione, ha giocato con il lutto sulla canotta per ricordare la scomparsa della 28enne veneziana Valeria Solesin.

Fotogallery a cura di Giacomo Martines

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy