Torino, colpo salvezza! Cantù va al tappeto

Torino, colpo salvezza! Cantù va al tappeto

Cinque uomini in doppia cifra e un Ebi da 19 punti spingono al successo la Manital su Cantù. Per Torino due punti fondamentali in chiave salvezza.

Commenta per primo!

Palazzetto al completo per le grandi occasioni per questa Torino Cantù e tifosi scatenati. Torino e Cantù danno vita a una partita combattuta fino all’ultimo, degna dei tempi migliori. Si decide tutto su un’entrata di Rosselli a meno di un minuto dalla fine che porta il vantaggio di Torino a 5 punti. La politica delle porte girevoli, con l’arrivo di Fesenko e Ukic a Cantù e di Eyenga e Kloof a Torino, dà ragione a una Torino che solo nel secondo quarto è in difficoltà contro una Cantù che ha sofferto la dinamicità dei lunghi subalpini. Ottimo Fesenko per Cnatù, che però non ha ancora un minutaggio che gli permetta di reggere nell’ultimo quarto. Torino con ottimi Eyenga, Rosselli, Ebi e una difesa di squadra che ha sicuramente soddisfatto Frank Vitucci.

1° QUARTO: Torino in campo con Ebi Rosselli Dawkins White e Kloof. Cantù inizia con Tessitori, Abass, Hodge Ukic e Johnson. Rosselli e White portano avanti Torino. Difesa molto stretta della Manital, tanto che Bazarevich manda subito in campo Fesenko, che esordisce con una schiacciata. Per il resto attacco sterile di Cantù, che si innervosisce e subisce un tecnico al 6’ con Ukic. Cantù non riesce a servire le sue bocche da fuoco e i lunghi di Torino sono molto attivi sotto le plance. Torino attacca con calma, fa girare bene il pallone. Rosselli prende un fallo in entrata fa un gioco da tre punti, Ebi segna un canestro al trentesimo. Sotto di 11 a Bazarevich non resta che chiamare un time out. Fondamentali gli assist e il gioco di Rosselli in questo primo quarto. Abass si sveglia al settimo, quando Torino fa esordire Eyenga, il nuovo arrivato da Sassari, che si esibisce immediatamente in un salto olimpico, che provoca il fallo di Fesenko. Sull’attacco opposto Cantù perde un altro pallone e Kloof segna il +12. Le spallate e i rimbalzi di Fesenko tengono a galla Cantù, che però perde troppi palloni non provocati. Abass sbaglia uno dei pochi palloni che gli capitano e commette fallo su Kloof, che porta Torino a +14. 26 a 12 il primo quarto, per una Manital che ha saputo far girare bene il pallone in attacco, dimostrando di aver già integrato Eyenga. Cantù abulica, in attacco non punge e in difesa soffre la dinamicità dei lunghi di Torino.

2° QUARTO: All’inizio del secondo quarto Mancinelli dentro per Torino. Primi attacchi a vuoto per Torino, mentre Cantù si affida alla solidità di Wojciechovski e Fesenko sotto le plance per segnare nelle prime due azioni d’attacco. Difesa Press di Cantù che Eyenga batte ma sbaglia la schiacciata. Canestro da tre di Wojciechoski e tiro sbagliato di White. Cantù ha chiuso sotto canestro e rimonta punto su punto. Ukic batte Mancinelli nell1vs1. Dopo tre minuti Mancinelli segna il primo canestro del quarto per Torino. Esce Giachetti e entra Kloof. Cantù impone la sua difesa e Wojciechoscki permette di aggiungere la dimensione del tiro da fuori, che costringe un lungo a uscire e lasciare più spazio per Fesenko. A fine quarto Abass segna una tripla che porta Cantù a meno 3. Fesenko segna il meno 2 su tiro libero e sull’ultimo possesso, a due secondi dalla fine, Mancinelli sbaglia un difficile tiro da tre.

3° QUARTO: Johnson e White si scambiano canestri in inizio terzo quarto. Cantù punta a rifornire Fesenko sotto canestro per caricare di falli gli avversari. La brutta notizia per Torino è il terzo di Rosselli commesso sul russo. Un gioco da tre punti di Ebi riporta Torino a + 5 sul 39 a 34. Ancora Ebi segna una tripla per il +8 e una difesa energizzata toglie spazio a Fesenko. La tripla di Ebi poi costringe Bazarevich a chiamare il time out. Sulla stessa tripla, Ebi commette un’ingenuità e prende un tecnico. Hodge segna il libero, Johnson ribadisce da due una tripla non riuscita di Abass. Fesenko stoppa, ma Ebi sul ribaltamento recupera e va a canestro per il 44-39. È una Torino energizzata sospinta dal pubblico. Fesenko deve uscire per rifiatare ma Wojciechoski non lo fa rimpiangere. Anzi, Heslip approfitta dell’area svuotata per entrare in modo inatteso e portare Cantù al 44-43. Il sorpasso di Cantù avviene al 5’ con un’entrata di Hodge dopo una sciagurata persa su rimessa in attacco per Torino. 44-45 per Cantù. Al rientro dal time out Cantù pressa, ma Rosselli riesce a servire White sullo scarico e sul canestro il fallo che porta un +2. Gli ultimi due minuti Torino riesce a stringere la difesa. Sul 51-47 errore di Hodge e rimbalzo di Torino, Kloof in attacco ci crede e dopo un errore banale schiaccia sul tap in. Cantù segna con Johnson il 53-49. Rosselli prende un fallo e va’ in lunetta, sbagliando il primo, ma sul tentativo di togliere il pallone Johnson segna un autocanestro. 55-49 con Cantù in attacco e Tessitori che segna due liberi per portare Cantù al meno 4, che tale rimane fino alla fine del quarto. 55-49 per Torino. Dopo essersi lasciate un quarto a testa, le due squadre hanno battagliato sullo stesso piano e si preparano a un ultimo quarto ancora più duro.

4° QUARTO: L’ultimo quarto inizia con un canestro di Kloof da due e una persa di Cantù nel tentativo di servire Fesenko. Due liberi di Ukic riportano Cantù a meno 4 sul 57-53. Torino segna da due, poi spreca e una tripla di Johnson riporta Cantù a meno 3. Fesenko stoppa anche le mosche sotto canestro e toglie alla Manital una certezza di gioco. Torino sbaglia molto e una tripla di Wojciechoski porta Cantù avanti sul 59-60. Giachetti sbaglia un tiro da tre, sull’attacco di Cantù Eyenga toglie palla a Fesenko e viene fermato dal fallo. White riporta Torino sul 61 a 60 e un recupero Ebi con fallo antisportivo sul 63 a 60. Poi grande circolazione di palla che libera Kloof sul tiro da tre per il 66-60. È un quarto combattutissimo. Hodge raccoglie un pallone da terra e segna da tre, 66-63. A 4 dalla fine i migliori quintetti in campo per un vero duello rusticano. Errore di Kloof e di Ukic in sequenza, poi canestro di Ebi. Eyenga da due e Abass si getta in area prendendo un fallo e segna entrambi i liberi. 70-66. A 1’39 dalla dfine errore da tre di Eyenga, Cantù dà palla a Fesenko che si gira e prende il fallo, l’ennesimo, inevitabile. Il russo segna un canestro, poi palla fuori per Torino. Sulla rimessa Rosselli prende palla e vola dall’altro lato servendo White per il 72-67. Time out di Cantù con rimessa seguente in attacco intercettata da Ebi. Rosselli perde palla in attacco e Hodge riesce a segnare in traffico per il 72-69 con un libero che segna a 72-70. Dopo il time out, rimessa di Torino e palla a Rosselli che, contro Ukic segna un canestro con fallo, e Torino a 75-70. Time out di Cantù a 33 secondi dalla fine. Rimessa in attacco. Cantù prende due rimbalzi in attacco ma non segna canestri, sul secondo Johnson subisce fallo e segna entrambi dalla lunetta 75-72. Ultimo time out di Torino. Sulla rimessa fallo su Mancinelli che segna entrambi, 77-72. Errore da tre di Cantù con rimbalzo di Eyenga e fallo subito, il finale recita 79-72.

MANITAL TORINO – ACQUA VITASNELLA CANTU’ 79-72

Manital Torino: White 15, Giachetti, Mancinelli 4, Rosselli 12, Fantoni, Kloof 11, Mascolo , Dawkins, Eyenga 16, Miller 2, Ebi 19

Acqua Vitasnella Cantù: Ukic 7, Abass 12, Heslip, Zugno, Wojciechovski 10, Cesana, Johnson 15, Tessitri 2, Fesenko 12, Hodge 14

Fotogallery a cura di Marco Magosso – Alessandro Vezzoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy