Trento stellare in casa, anche Roma si arrende

Trento stellare in casa, anche Roma si arrende

Commenta per primo!

Partita bellissima, soprattutto nel finale, quella che è andata in scena questa sera al Palatrento. Trento cercava un riscatto dopo la sconfitta a Venezia mentre Roma aveva bisogno di punti importanti per agganciare Bologna all’ottavo posto. Le due squadre hanno dimostrato grandi cose in attacco trascurando leggermente la fase difensiva. I bianconeri sono stati certamente più cinici nel finale, confermandosi un’armata soprattutto nelle partite in casa. Roma dal canto suo si conferma una squadra di spessore capace di mettere in difficoltà qualsiasi compagine anche fuori dalle mura amiche. Il prossimo turno vedrà i giallorossi sfidare Bologna in quella che sarà una vera battaglia per l’ottavo posto finale mentre Trento se la vedrà con Capo D’Orlando.

Trento:  Forray, Sanders, Baldi Rossi, Mitchell, Owens.

Roma:  Stipcevic, Curry, Ejim, De Zeeuw, Ebi.

PRIMO TEMPO:

La partita incomincia con Ejim autore del primo canestro che porta la squadra capitolina sullo 0-3. Nelle prime battute Trento fa un po’ di fatica in attacco ma fa sentire il suo peso in difesa. E’ Baldi Rossi ad aprire le marcature per i bianconeri con un bellissimo layup innescato da capitan Forray. L’Aquila fatica in attacco e Roma ne approfitta. Prima Freeman e poi Stipcevic portano la partita sul 4-7. Successivamente saranno Ebi e lo stesso Freeman a tentare l’allungo per i giallorossi realizzando due triple costruite davvero bene dall’attacco capitolino (4-13). Coach Buscaglia è costretto a chiamare time-out per dare una scossa ai suoi. La ripresa del gioco premia la scelta del coach di Trento, è Mitchell, infatti, ad infilare la bomba decisiva per il momentaneo 7-15. Trento comincia finalmente a macinare bel gioco in attacco. Alley-oop di Forray per Mitchell e meno 4 in favore della squadra ospite (11-15). I giallorossi sembrano non subire particolarmente l’iniziativa dei padroni di casa. Sfruttando una duplice infrazione di passi si portano sul 13-19. A meno di un minuto dalla fine del primo parziale, il solito Mitchell si fa notare per una stoppata che manda letteralmente in visibilio i 3240 spettatori del Palatrento. Con appena 30 secondi sul cronometro, Spanghero viene chiamato a condurre l’ultimo attacco per i bianconeri. Pascolo è abile a procurarsi fallo ed a realizzare i due rispettivi liberi. Il quarto si conclude sul 15-21 per gli ospiti.

Il secondo parziale di gioco inizia con la palla in mano alla Dolomiti Energia. Pascolo s’impossessa di un rimbalzo in attacco importantissimo dopo un errore al tiro di Mitchell, realizzando il momentaneo -4. Roma pasticcia in attacco regalando nuovamente il possesso ai bianconeri.  Spanghero punisce la leggerezza dei giallorossi, realizzando la tripla del 20-21. Ancora errore in attacco di De Zeeuw e ancora palla a Trento che però non realizza. Momento difficile per la squadra della capitale. Molto macchinosa in attacco e troppo fallosa in difesa regala il meritato vantaggio a Trento che si porta sul 22-21. Spangherò è particolarmente ispirato, disorienta Stipcevic con un micidiale step-back e mette a segno il canestro del 26-23. A questo punto è coach Dalmonte costretto a fermare il gioco. Roma sembra aver ritrovato fiducia in attacco. Sandri si procura due liberi importantissimi che proiettano le squadre sul 28-29. La partita arriva al 33-34 senza particolari emozioni. Da segnalare solamente il fallo tecnico chiamato a coach Buscaglia per proteste. Il primo tempo regolamentare si chiude quindi sul 34-37 per la squadra ospite.

SECONDO TEMPO:

Dopo la pausa riprendono le ostilità fra le due compagini. Dopo il primo minuto di gioco è Roma a trovare la prima realizzazione con Curry (34-39). Freeman e Stipcevic completano l’allungo giallorosso con due tiri dal perimetro che portano Roma sul 37-45. Mitchell non ci sta e con una micidiale penetrazione trova il canestro del -6. Sul ribaltamento di gioco è l’Acea a non riuscire a trovare la conclusione prima dei 24 secondi complice una buonissima difesa di Trento. La Dolomiti Energia torna in attacco per tentare il canestro del possibile -4. Tony Mitchell conquista fallo ma come molto spesso in questa stagione non riesce a realizzare entrambi i liberi assegnatigli. Roma riprende ritmo in attacco e si porta sul 40-47. Stipcevic con l’ennesima conclusione della serata dai 6,75 lancia i suoi sul +10. E’ il massimo vantaggio per i capitolini che costringono coach Buscaglia a chiamare a raccolta i suoi. I bianconeri continuano a non trovare continuità in attacco mentre Roma persiste nel trovare buoni tiri (46-52). La formazione trentina non ci sta a sfigurare davanti al suo pubblico. E’ show-time quando Owens prima e Grant dopo inchiodano al tabellone per il momentaneo 50-54. Roma subisce psicologicamente il ritorno di Trento. Ancora palla persa dei giallorossi e ancora attacco affidato ai padroni di casa. Pascolo si conquista l’ennesimo fallo della partita e va in lunetta realizzando un libero su due (51-54).

L’ultimo quarto inizia con una buona iniziativa personale di Marco Spanghero, che penetra e regala ai suoi il -2 (54-56). La partita si incendia quando i padroni di casa trovano il pareggio complice una bellissima schiacciata di Josh Owens. Momento bellissimo della partita grazie anche ad un Palatrento davvero caldo. Il solito Spanghero non ci pensa due volte e sull’ennesimo ribaltamento di campo dei bianconeri spara la bomba del 61-58. Roma decide di fermare l’incontro per parlarci su. I ragazzi di coach Dalmonte sembrano aver subito il colpo inferto dalla Dolomiti Energia. Già in bonus a -6 sul cronometro Roma spedisce molto ingenuamente Pascolo in lunetta che realizza entrambi i liberi (63-58). Con 4 minuti di gioco rimanenti sul cronometro, la Dolomiti Energia sembra avere una marcia in più rispetto agli avversari nell’affrontare il rush finale. Il numero 53 giallorosso Ebi prova a tenere a galla i suoi con la schiacciata del momentaneo -3. La partita a questo punto è davvero incandescente, Forray ruba ancora una volta palla ed imbecca il contropiede per Pascolo che realizza e sancisce il 71-64. Trento dimostra una maggiore voglia di portare a casa il risultato riuscendo a trovare il canestro del +10. A mancano meno di 2 minuti alla fine dell’incontro è letteralemente una doccia fredda per gli avversari. Roma tenta una reazione con Ebi ma ormai anche il cronometro gioca a sfavore degli ospiti. Con un minuto da giocare e 10 punti da recuperare i giallorossi si arrendono sancendo la vittoria per la Dolomiti Energia Trentino con il punteggio finale di 82-68.

MVP: Marco Spanghero

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – ACEA ROMA (15-21,19-16,17-17,31-14)

TRENTO: Mitchell 8, Sanders 13, Pascolo 13, Grant 4, Forray 4, Flaccadori 2, Owens 12, Baldi Rossi 6, Armwood 0, Spanghero 20.

ROMA: Freeman 13, Ejim 11, Curry 4, Vukona 0, D’Ercole 2, Sandri 7, De Zeeuw 0, Kushchev 0, Stipcevic 13, Ebi 18.

Fotogallery a cura di Nicola Marchesini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy