Treviso mette la terza, a Biella non riesce la rimonta!

Treviso mette la terza, a Biella non riesce la rimonta!

 

Entrambe le squadre cominciano il match con diversi errori al tiro: è così Chessa a sbloccare il risultato quando sono già passati due minuti. Biella chiude le maglie della difesa e Treviso non riesce più a trovare la via del canestro: in 4′ la coppia Chessa-Viggiano confeziona un parziale di 12-0 portando i padroni di casa sul 14-2. Motiejunas con 5 punti consecutivi prova a scuotere i suoi ma Slaughter dall’arco e Moraschini con 2/2 dalla lunetta chiudono il primo quarto sul 18-7.

Il secondo quarto si apre con due punti di Bulleri a cui risponde Soragna con 1/2 ai liberi. Motiejunas si fa fischiare fallo tecnico ma Biella non capitalizza a pieno, realizzando ½ dalla lunetta e commettendo infrazione di 24” subito dopo. Viggiano rifiata in panchina e l’assenza si fa sentire: Salyers non vede il canestro, mentre dall’altra parte Gentile si carica sulle spalle la squadra e propizia il rientro dei suoi con un gioco da tre punti. La partita diventa confusionaria con parecchi errori da ambo le parti, così che al 16′ il punteggio è ancora 20-16. Cinque punti filati di Peric rompono l’equilibrio e Smith dalla linea della carità impatta il risultato sul 24-24 con due minuti da giocare. Skinner fa 0/2 a gioco fermo ma subito dopo scarica su Peric – 8 punti per lui nel periodo – per la tripla del primo vantaggio ospite (25-27). Viggiano torna in campo e firma cinque punti per il controsorpasso rossoblu, ma Gentile si dimostra una scheggia inarrestabile per la retroguardia dei biancoverdi: la sua schiacciata con fallo vale i 3 punti che chiudono il primo tempo in perfetta parità, 30-30.

Smith inaugura il quarto con 2/2 dalla lunetta, seguito da Nicevic che trova per due volte il canestro dall’area. Biella si affida alle conclusioni dall’arco di Viggiano e Chessa per rimanere aggrappata nel punteggio, ma Gentile prima e Smith poi ripagano con la stessa moneta, raggiungendo così alla doppia cifra di vantaggio al 26′ (36-46); Cancellieri ferma tutto e chiama il minuto. Al rientro l’Angelico accorcia le distanze con la bomba siderale di Sosa e il 2+1 di Suton portandosi a -5. Bulleri riporta il vantaggio in doppia cifra, prima del break rossoblu 7-0 chiuso dalla bomba di Slaughter. Il periodo si chiude con l’errore di Bulleri sulla sirena che cristallizza il 51-55.

L’avvio dell’ultima frazione vede Smith piazzare due triple che sembrano mettere in ghiaccio la partita, ma non è così: Slaughter e Sosa si alternano dall’arco e Biella torna a -6 (59-65) con 5′ da giocare. La Benetton guidata dagli esperti Bulleri e Smith non trema e Gentile, con la consueta spavalderia, insacca dai 6,75 per chiudere definitivamente la partita (61-72). E invece no: Biella getta il cuore oltre l’ostacolo e, sfruttando anche alcune indecisioni degli ospiti, si riporta a -5. Viggiano arpiona un rimbalzo e subisce fallo, salvo poi mettere a segno un sanguinoso 0/2 dalla lunetta. Slaughter e Suton riportano i padroni di casa a -3 a 1′ 06” dalla sirena col pubblico del Lauretana Forum che crede nell’impresa. Si arriva al fallo sistematico: Bulleri fa 1/2, Sosa risponde con 2/2 e a 57” Treviso è ancora sopra di due (73-75). La mano di Bulleri però non trema più e il canestro finale di Suton serve solo a ricucire il passivo: la Benetton passa a Biella 77-79.

Biella: Viggiano 20, Slaughter 13, Sosa 12
Treviso: Gentile 16, Smith 15, Bulleri 14

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy