Ultimo quarto ancora fatale alla Betaland, la Vanoli passa 65-69

Ultimo quarto ancora fatale alla Betaland, la Vanoli passa 65-69

Commenta per primo!

Betaland Capo d’Orlando – Vanoli Cremona 65-69 (14-12, 33-29, 54-48)

Dopo il toccante pre-partita, con inno francese e minuto di silenzio per la strage di Parigi, comincia il match. La Betaland gioca la gara fotocopia di Caserta. Non basta stare avanti per una partita intera per battere la Vanoli, crollo negli ultimi minuti e gli ospiti non perdonano. Ai padroni di casa è probabilmente mancato il solito Jasaitis, protagonista di qualche fiammata ma niente più. La statistica chiave non può che essere quella relativa alle palle perse, 18 contro 3 recuperate dalla Betaland, che costano caro agli uomini di Griccioli. MVP del match Washington, con 16 punti, 11 rimbalzi e 5 palle recuperate.

Betaland Capo d’Orlando: Ihring 0, Basile 6, Laquintana 12, Perl 9, Nicevic 7, Jasaitis 8, Bowers 11, Metreveli 8, Oriakhi 4.

Vanoli Cremona: Southerland 6, Ogo 9, Vitali 4, Mian 7, Gaspardo 2, Cusin 9, Washington 16, Biligha 4, McGee 8, Turner 4.

1º quarto: Primo possesso orlandino, con Bowers che trasforma nei primi 2 punti del match. 0-7 di parziale cremonese, interrotto dalla tripla di Bowers, 5-7. Tiro ben costruito da Capo d’Orlando, Laquintana non perdona dai 6,75, timeout Vanoli. L’ex McGee risponde dall’angolo a Jasaitis, 10-10. L’ultimo sigillo del primo quarto è di Metreveli, 14-12 dopo i primi 10′.

2º quarto: Mian apre il quarto da tre, Metreveli risponde con un mini-parziale di 4-0, 18-15 dopo 11′. Quattro in fila anche per Mian, 20-20 il risultato. La bomba di Southerland rende vano il 2/2 in lunetta di Perl, vantaggio Cremona. Oriakhi dalla lunga, Laquintana dall’arco, +4 Betaland. McGee forza nel finale e trova due punti, in 6″ l’Orlandina non riesce a costruirsi il tiro ed all’intervallo è 33-29.

3º quarto: Ad aprire il secondo tempo è Jasaitis, che corregge da sotto un errore di Laquintana. Washington risponde da tre punti, -3 Cremona. Bowers inizia a farsi sentire nel pitturato, ma due facili penetrazioni di Ogooluwa mantengono in scia la Vanoli. Miracolo di Jasaitis, che completa uno straordinario gioco da 4 punti, per l’incredulità di Griccioli, 45-39. Alla correzione di Bowers risponde un’altra bomba dall’arco di Washington, nuovo -4 Cremona. Si addormenta la Betaland, ed a svegliarla ci pensa il Baso, con una tripla dagli 8 metri. Improbabile tiro da metà campo di Oriakhi sulla sirena che non va, 54-48 dopo 30′.

4º quarto: A sbloccare il risultato nell’ultimo periodo ci pensa il solito Washington, timeout per Griccioli dopo una serie di attacchi confusi dei suoi. Ci pensa Perl a dare una scossa alla Betaland, 56-50 dopo 3′. Tiro forzato di Vitali che trova la retina per il -2 Vanoli. Turner agguanta il pareggio, McGee il sorpasso, 56-58 a 2’42” dall’ultima sirena. Senza idee l’Orlandina, Washington e Cusin la puniscono. Nel finale Basile e Nicevic provano ad accorciare le distanze, -2 a 8″ dalla fine con palla in mano a Cremona. Ancora Washington in lunetta per il +4, Cremona espugna il PalaFantozzi 65-69 e supera i siciliani in classifica.

Fotogallery a cura di Calogero Germanà – Janira Galipò

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy