Ceron trascina Pesaro alla vittoria, Venezia deve arrendersi

Ceron trascina Pesaro alla vittoria, Venezia deve arrendersi

Il numero 17 biancorosso regala ai suoi la seconda vittoria in campionato, dopo una partita sempre combattuta, con Venezia che non si è mai data per vinta.

Commenta per primo!

Una Consultinvest da favola torna alla vittoria trascinata dai 23 punti del natìo di Venezia, Marco Ceron; partita che si prospetta equilibrata fin dall’inizio con la squadra di casa che nel primo tempo rimane in vantaggio per tutti i 20 minuti, mentre nella seconda metà, la squadra della laguna si aggrappa alla prestazione di McGee, che segna 10 punti di fila per i suoi; per i casalinghi, bene Zavackas che punisce pesantemente la zona reyerina con un ottimo 4 su 5 da dietro l’arco.

Reyer: Haynes, Hagins, Ejim, Bramos, Mcgee

Consultinvest: Fields, Jasaitis, Jones, Zavackas, Harrow

 

1° TEMPO: La partita tra Pesaro e Venezia si sblocca con due triple: una di Fields e una di Bramos; nonostante ciò, il match parte comunque molto contratto. Bramos con la prodezza allo scadere dei 24 secondi, segna il primo vantaggio per i veneziani, ma ci pensa Harrow, con un canestro facile in entrata, a riportare davanti i suoi. Gli ospiti in difesa sono molto aggressivi ma Pesaro riesce comunque a rimanere in vantaggio. Il punteggio recita 11-8 dopo 7 minuti, ma nei minuti successivi, la squadra in maglia bianca riesce a trovare canestri in transizione che li conduce fino al 17-10 a 9 secondi dalla fine. Venezia esegue alla perfezione il time out chiamato da De Raffaele, che comporta 2 liberi e un canestro di Tonut allo scadere scaturito dalla palla persa di Gazzotti, per il -3. Il secondo quarto vede la Consultivest segnare un paio di canestri, subito ribattuti da Bramos, e Tonut. Questa frazione prosegue sul sostanziale equilibrio, prima che le iniziative personali di Ceron ed i contropiedi biancorossi, facciano esaltare l’Adriatic Arena per il 38-25 casalingo. Gli ultimi minuti sono un botta e risposta da dietro l’arco, con Bramos ed Ejim che puniscono la difesa pesarese per il 38-31, ma è ancora Ceron, a ripagare con la stessa moneta i lagunari, prima che McGee, riporti i suoi sotto di 5 punti all’intervallo, grazie ad un fortunoso canestro di tabella da 8 metri.

 

2° TEMPO: Tre rapidi canestri di Venezia, permettono agli ospiti di trovare il secondo vantaggio della partita, prontamente interrotto dalla tripla di Zavackas. Con la stessa aggressività del primo tempo, Venezia continua ad essere aggressiva, e questo porta gli ospiti ad ottenere diverse palle recuperate che si concretizzano in punti facili. L’unico a segnare dal campo per la Vuelle è Zavackas con due triple, ma questi punti non bastano a contrastare i 17 della Reyer in 6 minuti, i quali permettono agli ospiti di andare in vantaggio sul 48-53. I locali cominciano a litigare col ferro (dal campo con Nnoko, e dalla lunetta con Jones), complice anche la ottima difesa reyerina, prima di sbloccarsi negli ultimi due giri di lancette del terzo periodo con un canestro di Thornton che vale il 55 pari. 3 punti di McGee e 2 dalla lunetta di Ceron chiudono la penultima frazione, che vede in vantaggio gli ospiti di una unità. L’ultimo periodo di gioco, parte sull’entusiasmo dei tifosi di casa trascinati da altre due triple di Marco Ceron in 50 secondi, che riporta i suoi in vantaggio, costringendo De Raffaele ad una sospensione di gioco sul 63-58. Pesaro prova ad aumentare la pressione difensiva, che consente ai padroni di casa di allungare sul 69-62 andando però ad esaurire il bonus di falli in appena 5 minuti. Jones segna 4 punti di fila per i suoi, ma McGee non è d’accordo e segna 8 punti di fila. A poco più di 3 minuti dal termine, Thornton conclude la pericolosa serie di punti, portando i suoi in vantaggio sul 73 a 72; nei successivi minuti, Pesaro è in vantaggio di due lunghezze e la tripla di Zavackas vale il 79-74 a 30 secondi dal termine. Un fischio discutibile consente, a Tonut di accorciare di una lunghezza con 22 secondi sul cronometro; Ceron arriva a 23 punti grazie a due viaggi in lunetta, mentre il canestro di Peric, rappresenta l’ultimo per la sua squadra, che vale l’84 a 78 finale

MVP Basketinside: Marco Ceron (22 punti con 5/7 da 3)

CONSULTINVEST PESARO – UMANA REYER VENEZIA 84 – 78 (17 – 14, 24 – 22, 16 – 22, 27 – 30)

Pesaro: Fields 10, Gazzotti, Cassese , Thornton 13, Jasaitis 4, Ceron 23, Bocconcelli n.e, Jones 6, Serpilli n.e, Nnoko, Zavackas 16, Harrow 12. All. Bucchi Piero

Venezia: Haynes 6, Hangins 7, Ejim 6, Peric 15, Bramos 9, Tonut 13, Visconti n.e, Filloy, Ress n.e, Ortner 3, Viggiano, McGee 19. All. De Raffaele Walter

Arbitri: Sabetta, Martolini, Paglialunga

Fotogallery a cura di Michael Ciaramicoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy