Un’ottima Bologna spaventa l’EA7, un super-Simon “salva” i suoi

Un’ottima Bologna spaventa l’EA7, un super-Simon “salva” i suoi

Commenta per primo!

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – OBIETTIVO LAVORO BOLOGNA 87 – 72 (22-19, 46-37, 62-57)

Milano soffre molto più del previsto contro un’ottima e valorosa Virtus, che a 8’ dalla fine era a -1, ma porta ugualmente a casa i 2 punti e prosegue la sua striscia di vittorie in campionato. Finisce 87-72 per gli uomini di Repesa, che vengono letteralmente trascinati da un super-Simon, autore di 25 punti, e dalle buone prove di Gentile, Hummel e McLean. Il sogno bolognese di espugnare il Forum, invece, viene alimentato dalle doppie-cifre di Pittman, Vitali, Williams ed Odom, ma resta, per l’appunto, solo un sogno.

QUINTETTO BASE MILANO: Lafayette, Cerella, Gentile, Macvan, Barac
QUINTETTO BASE BOLOGNA: Gaddy, Williams, Fontecchio, Mazzola, Pittman

CRONACA – Partenza lenta e soporifera al Forum: 2-3 dopo 2’, con già 2 perse a testa per le squadre ed attacchi francamente inguardabili. A svegliare tutti ci pensa un ottimo Williams: 2 triple in 20” a guidare Bologna sul +7 (2-9 al 3’). L’EA7 accorcia a -5, ma Williams è implacabile: 3/3 dalla lunga e già 11 punti in 5’ e mezzo (6-17). Chi di tripla ferisce, di tripla perisce però: “bombe” per Simon e Macvan, 14-17 al 7’. La rincorsa milanese prosegue e porta al primo vantaggio sul 18-17, prima di un mini-allungo degli ultimi istanti di primo quarto: al 10’ è 22-19.

L’allungo arriva invece nel secondo quarto, sul +8 (30-22) costruito da un ottimo Simon. Ancora il croato in attacco, insieme ad un’ottima difesa e ad un canestro anche di Hummel, creano il +16 di Milano in un amen: 40-24 al 16’. Bologna, dal canto suo, si schianta contro il muro biancorosso (2 punti segnati in 6’) e, contemporaneamente, attacca molto male, con sole iniziative personali (sbagliate). Simon, sempre lui, è una sicurezza dall’angolo, ma Mazzola e uno step-back di Cuccarolo dalla media, allo scadere, “riaprono” la gara e fissano il punteggio sul 46-37 al 20’.

Una buona presenza di Gentile prova a far scappare Milano, ma Bologna reagisce ben con un paio di buoni spunti di Vitali e di Odom e si tiene attaccatissima alla partita: è ancora -9 al 6’ del terzo quarto, con una buona prova di carattere ed orgoglio (57-48 al 26’). L’EA7 avanza con i tiri liberi e fatica enormemente a segnare; problema inesistente per la Virtus che in un batter d’occhio pizza un parziale 2-9 ed accorcia fino al -5: è 62-57 Milano al 30’, con gli uomini di Valli assolutamente in partita.

Poco cambia in avvio di ultimo quarto, con le “V nere” che arrivano a -3 prima e a -1 poi con i liberi di Odom: per Milano una difesa totalmente addormentata e tanti errori anche solo in appoggio, da sotto canestro. Repesa si fa sentire nel time-out e l’Olimpia si risveglia: è la difesa biancorossa a scacciare gli spettri di un Cedevita 2.0 sul Forum, insieme a due magie di Gentile: inchiodata in penetrazione ed assist no-look al volo per la schiacciata di McLean, Olimpia a +10 (73-63 al 35’). Ancora il capitano biancorosso e Simon si mettono a gestire il vantaggio, aiutati dall’agonismo di Hummel. La Virtus prova un’ultima riscossa, per rientrare in partita, ma stavolta non ci riesce: Milano si impone 87-72.

BASKETINSIDE MVP: KRUNO SIMON

TABELLINI:
MILANO: McLean 15, Lafayette 2, Gentile 17, Amato 2, Cerella 0, Macvan 12, Magro 0, Cinciarini 2, Jenkins 1, Hummel 9, Barac 2, Simon 25. Coach: Repesa.

BOLOGNA: Pittman 16, Fabiani n.e., Vitali 12, Cuccarolo 2, Gaddy 9, Williams 13, Fontecchio 5, Mazzola 5, Oxilia 0, Odom 10. Coach: Valli.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy