V for…Virtus e Vittoria! Bologna riparte travolgendo la Sutor Montegranaro

V for…Virtus e Vittoria! Bologna riparte travolgendo la Sutor Montegranaro

QUI LE PAGELLE!

Commento

Il “Brunamonti day” (pensato sin dall’estate dalla società e rilanciato dai Forever Boys nelle ultime settimane) arride alla Virtus, che, sotto gli occhi dello storico capitano, vince agevolmente contro una fragilissima Montegranaro, al termine di un match che non è mai parso in discussione.

Gli uomini di Bechi fanno prevalere il proprio maggior talento, specie sul versante offensivo, dove scollinano comodamente quota 90 per la seconda volta su due gare casalinghe. Quando poi alzano la pressione difensiva prendono il largo, potendosi distendere in contropiede o quantomeno in transizione e nascondendo così il vistoso calo di tensione a cavallo del terzo e quarto periodo. Sugli scudi stasera Matt Walsh, coadiuvato da Motum, solido e costante sui 40 minuti e da Gaddefors nel primo e Ware nel secondo tempo.

Per la Sutor giornata da dimenticare, figlia di percentuali da due punti (36%) e ai liberi (64%) con le quali non si vince mai. Recalcati però può portarsi a casa di positivo il sussulto d’orgoglio nella seconda frazione e la buona prova a rimbalzo d’attacco. Sperando di recuperare in fretta il miglio Collins (oggi dannoso) e di avere giornate migliori da Cinciarini e Mayo.

Nota finale sull’arbitraggio: i tre in arancione stasera sono incappati in una serata decisamente storta, rendendosi protagonisti di alcune chiamate, per così dire, fantasiose, che hanno innervosito tutti, in campo e sugli spalti. E quando gli arbitri si notano non è mai un fatto positivo.

Cronaca

Il primo quarto parte all’insegna dell’equilibrio per i primi minuti, fino al 9 pari.Si accende però Gaddefors che con 6 punti di fila apre il break di 8-0 dei suoi. A quel punto, canestro dopo canestro Bologna prende il largo e Montegranaro si trova  rapidamente sotto. Alla prima sirena il punteggio è 27-13 per i bianconeri.

Il secondo periodo vede in apertura tantissimi errori da ambo le parti, con la Sutor che prova a rientrare. Ma è un fuoco di paglia: la Virtus chiude le porte in difesa e in attacco un sontuoso Gaddefors, in inedita versione di leader offensivo, guida Bologna a un ampio divario. Il quarto si chiude sul 45-29.

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia: senza fare nulla di particolare la Virtus dilaga, toccando anche il +21. Ma sul più bello i bolognesi allentano la tensione e si disuniscono, consentendo a Montegranaro di provare il rientro e alla terza sirena il tabellone recita 66-53.

L’ultima frazione sembra poter segnare il rientro ospite definitivo, ma dopo i primi tre minuti il talento bolognese prende agevolmente il sopravvento e il margine torna ampio, sulle ali dei canestri di Walsh e Ware, fino al 96-73 finale suggellato dalla tripla di Hardy da 8 metri a fil di sirena.

MVP Basketinside: Matt Walsh

La chiave:  il maggior talento offensivo di Bologna e le pessime percentuali di Montegranaro

Tabellini

Granarolo Virtus Bologna – Sutor Montegranaro 96-73 (27-13; 45-29; 66-53)

BOLOGNA: Gaddefors 15, Hardy 12, Motum 15, Imbrò (c) 5, Fontecchio NE, Guazzaloca NE, Landi 2, Negri NE, Ware 13, Jordan 2, King 11, Walsh 21

MONTEGRANARO: Cinciarini 11, Sakic 15, Mayo 7, Tessitore 6, Rossi 0,  Lauwers 0,  Campani 0,  Mazzola 8, Mitrovic 9, Quaglia 1, Collins 4, Skeen 13

Fotogallery a cura di Giorgia Riberto

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy