Varese, la salvezza più sofferta. Caserta è ad un passo dalla retrocessione

Varese, la salvezza più sofferta. Caserta è ad un passo dalla retrocessione

Finisce fra gli applausi del PalaWhirlpool che salutano una salvezza conquistata ma quanto mai sofferta. Anche oggi, anche quando Eyenga schiacciava un tranquillo +14, Varese ha rivisto i soliti fantasmi incarnati questa sera nello spirito di Scott (17 punti nel quarto periodo). Caserta è rientrata a suon di triple sul -1, per poi piegarsi a Maynor, crollando in un baratro dal quale solo un miracolo la può tirare fuori. La Pasta Reggia perde l’ennesima gara decisa da un finale punto a punto, sarà anche sfortuna ma, alla lunga, un problema di fondo dovrà pur esserci. Varese parte piano, anzi non parte (-7 a fine primo quarto), poi si rianima e mette la freccia, controllando il match nel secondo tempo. Ma come un ciclista, alza le mani dal manubrio troppo presto e in un paio di giri d’orologio, Caserta è di nuovo lì. Non è però l’anno di Caserta (non che lo sia nemmeno quello di Varese) e Mordente e soci, soccombono ancora, forse in quella che era l’ultima vera chiamata per tentare l’impresa. CRONACA PRIMO TEMPO: Terzultima contro ultima e l’inizio di gara rispecchia completamente la classifica delle due squadre in campo. Dalla valanga di errori, da una parte e dall’altra del campo, nessuno ne esce vincitore e a metà primo periodo regna la parità (8-8 al 5’). Alla lunga però, le pessime percentuali al tiro di Varese (32% dal campo) hanno la “meglio” e Caserta può allungare sul finire di quarto grazie a Ivanov e Moore (14-21 al 10’). Panchinato un disastroso Rautins, Varese si riaccende ad inizio secondo periodo e piazza un 10-0 mortifero che la riporta avanti (24-21 al 14’). L’OJM prova la fuga con Okoye, ma Ivanov blocca l’emorragia e riporta la Pasta Reggia sul -1, costringendo coach Caja al timeout (28-27 al 17’). I biancorossi reagiscono bene e negli ultimi tre minuti riescono a scavare un solco che li manda all’intervallo sul +8 (39-31 al 20’). SECONDO TEMPO: Varese parte bene, trovando il massimo vantaggio sul 2+1 di Jefferson (42-31 al 31’), ma un paio di amnesie difensive rimettono in partita i bianconeri (42-36 al 23’). Quando però si accende la premiata ditta Maynor-Eyenga, la Pasta Reggia sprofonda nuovamente (50-36 al 25’), zoppicando fino alla sirena del terzo quarto (61-51 al 30’). Eyenga allunga di nuovo firmando il suo nono punto nel quarto, ma Caserta è dura a morire e, dopo un tira e molla lungo metà periodo, la Pasta Reggia è ancora lì a -7 (76-69 al 37’). Scott ormai è un cecchino e dalla lunga distanza vede solo il fondo della retina, portando Caserta fino ad un insperato -1 (76-75 al 38’) con Varese che ora trema. Ad essere freddo è però Maynor che prima serve l’assist a Callahan, poi la chiude in penetrazione mandando i titoli di coda. MVP del match: Christian Eyenga (24 punti + 9 rimbalzi) SALA STAMPA: Coach Esposito: Ancora una volta abbiamo dimostrato che la nostra squadra è più che viva. Una squadra che lotta, che ci crede. Abbiamo avuto qualche passaggio a vuoto, come nel secondo quarto ma non dobbiamo scoraggiarci e smettere di cercarci. È facile dirlo , ma il fardello psicologico ti ritorna e vedi sempre tutto più nero. Quando riusciamo a recuperare la tranquillità siamo un’ottima squadra che gioca a pallacanestro e che lotta. Stiamo lavorando in allenamento, ma abbiamo difficoltà a giocare la nostra pallacanestro per 40’. Fallo sull’ultimo tiro di Scott? Non parlo di arbitri, sorvoliamo. Io cerco solo di pensare a lavorare e sono contento per la reazione della squadra. Coach Caja: Siamo molto felici. Dovevamo fare questo risultato, lo dovevamo alla società che ci ha sempre sostenuto. Abbiamo avuto fiducia, ci hanno dato fiducia e con oggi l’abbiamo ripagata. Abbiamo fatto un’ottima partita, gli ultimi 4’ sono stati un po’ in apnea per lo sforzo sostenuto durante la gara. Abbiamo fatto una grande difesa, qualche passaggio a vuoto, ma i ragazzi sono stati bravi, compresi quelli dalla panchina che ci hanno dato un ottimo apporto. Abbiamo avuto una settimana complicata e questo è proprio un grande risultato di squadra, un risultato di tutti. OPENJOBMETIS VARESE – PASTA REGGIA CASERTA 84-80 (14-21, 39-31, 61-51) Openjobmetis Varese: Rautins, Lehto, Maynor 20, Casella 2, Jefferson 8, Lepri, Pietrini, Okoye 10, Callahan 11, Kangur 8, Balanzoni, Eyenga 25. Coach: Attilio Caja. Pasta Reggia Caserta: Mordente 10, Domercant 2, Antonutti 11, Vitali 9, Tommasini 2, Michelori 2, Moore 7, Tessitori, Scott 19, Ivanov 18. Coach: Vincenzo Esposito. Arbitri: Martolini, Rossi, Morelli

Fotogallery a cura di Gianluca Bertoni

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy