Venezia è letale: Sassari crolla al PalaSerradimigni

Venezia è letale: Sassari crolla al PalaSerradimigni

Commenta per primo!

Nel posticipo domenicale della 5° giornata L’Umana Reyer Venezia espugna d’autorità il campo dei campioni d’Italia di Sassari che dopo la sconfitta di Tel Aviv in Eurolega inciampano anche in campionato. Dopo due quarti equilibrati Venezia tira fuori un Goss sublime autore di 16 punti e un Peric implacabile sotto le plance, col risultato che Sassari non riesce più a rientrare in partita sostanzialmente già dal terzo periodo. Il solito Alexander non è bastato per i sardi complice una prova sottotono di tutta la squadra in primis di David Logan fermo a 0 punti. Dopo Brindisi i sassaresi crollano in casa anche stasera privi di cattiveria e quel gioco di squadra, caratteristiche che Venezia ha messo in campo meritando ampiamente la vittoria. Con questi due punti i lagunari volano in testa alla classifica in concomitanza con Pistoia, Reggio Emilia e Milano. Per Sassari ora servirà un pronto riscatto nella doppia trasfera di Malaga e Avellino.

1° QUARTO:

Primi minuti di gioco all’insegna dell’equilibrio: apre Owens, Alexander e Stipcevic rispondono, ancora l’americano di Venezia fissa il 5-4. I sardi si svegliano e mettono in campo un sontuoso Eyenga che in un Amen regala alla dinamo il +9 e costringono Recalcati al timeout. Il finale di tempo non regala sorprese con Venezia volenterosa sotto canestro grazie a Peric, ma Sassari letale grazie alla bomba di Haynes e l’antisportivo di Ortner ben concretizzato da Alexander che impatta il 20-13 finale.

2° QUARTO:

Nel secondo periodo Venezia si ritrova grazie a Peric e Owens che riavvicinano i lagunari prepotentemente sul -3, ma Sassari mette in campo un finalmente decisivo Petway che trova 8 punti personali che tengono lontana la squadra oro granata. La Reyer non molla e con Viggiano e Tonut trova il primo vantaggio sul 33-34, allo scadere della sirena è Alexander a fissare il risultato sul 35-34.

3° QUARTO:

Varnado apre le danze del terzo quarto con un bel canestro da sotto, Peric risponde, Haynes colpisce in contropiede, ma è Goss con due tiri dai 6.75 a concludere 2 di minuti di grande basket con le bombe che valgno il 39-42 ospite e chd costringono Sacchetti al timeout. Al rientro sul parquet la musica non cambia, Venezia pare trasformata e con solito Goss impatta la terza bomba del quarto e con Owens e Green i lagunari trovano il massimo vantaggio sul 39-49. I campioni d’Italia, mai domi al PalaSerradimigni, si riscattano immediatamente con controparziale di 6-0 messo a segno da Varnado ed Eyenga infallibili sotto canestro con Recalcati che richiama i suoi per un timeouot. Dopo il minuto di pausa Stipcevic illude i sassaresi con la bomba del momentaneo -1, ma il finale è tutto di marca ospite con lo scatenato Peric e Bramos che con un controparziale di 14-2 chiudono il tempo 54-64.

4° QUARTO:

L’ultimo periodo è tutto di marca lagunare con gli ospiti capaci di mantenere agevolmente il vantaggio accumulato nel terzo periodo rispedendo al mittente i tentativi di Alexander e compagni apparsi troppo remissivi. Goss e Owens coronano una grande partita fissando il risultato finale sul 70-82.

Dinamo Banco di Sardegna Sassari: Haynes 5, Petway 8, Logan 0, Formenti n.e., Devecchi 0, Alexander 17, D’Ercole 3, Marconato n.e., Sacchetti 0, Stipcevic 9, Eyenga 14, Varnado 14. Coach Romeo Sacchetti

Umana Reyer Venezia: Peric 15, Goss 16, Bramos 5, Tonut 5, Jackson 2, Green 8, Ruzzier 0, Owens 13, Ress 2, Simioni n.ne, Ortner 8, Viggiano 8. Coach Carlo Recalcati

MVP: Goss autore di 16 punti con

Fotogallery a cura di Claudio Atzori

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy