White esalta Torino, Cremona deve piegarsi al supplementare

White esalta Torino, Cremona deve piegarsi al supplementare

Torino vince con il cuore contro la miglior Cremona dell’anno

Commenta per primo!

Torino vince una partita combattutissima grazie alla determinazione dei suoi uomini di maggior esperienza.

Al PalaRuffini si affrontano due squadre in cerca di risposte, Cremona reduce da due sconfitte consecutive e con una difesa ancora lontana dal potersi considerare blindata e una scarsa continuità di gioco nel corso della partita, e Torino che cerca di confermare le cose buone viste nella prima partita in casa anche grazie alla grossa spinta del suo pubblico in attesa che Harvey e soprattutto Wilson diano il contributo atteso. Ex di turno Washington arrivato in estate proprio da Cremona con la quale ha disputato un’eccellente stagione e Wojciechowski che ha giocato sotto la Mole quando ancora c’era la PMS Torino.

Ancora una volta palazzetto quasi completamente gremito per un primo tempo nel quale Fiat Torino ha fatto vedere notevoli progressi in difesa con Wright e Poeta che hanno guidato la squadra con il solito White, ma soprattutto buone indicazioni da Harvey e Wilson. Vanoli Cremona in affanno chiude il primo tempo con Biligha lucido sotto canestro e un contributo dalla panchina che è stato inferiore di quello torinese.

Nella seconda parte Cremona entra in campo con tutt’altra convinzione e costringe Torino a perdere gran parte del vantaggio nei primi minuti del terzo tempo. Fiat sembra reggere, ma Cremona gioca come non aveva ancora fatto in questa stagione e costringe la squadra di casa all’over time.

Tempo supplementare sconsigliato per i deboli di cuore con la Vanoli che vuole vincere e Torino che si aggrappa ai suoi giocatori di carattere per mantenere l’imbattibilità in casa. E alla fine i gialloblu riescono in quella che, nel corso della partita è diventato una vera e propria impresa.

QUINTETTI INIZIALI:

TORINO: Wilson, Harvey, Wright, White, Washinghton

CREMONA: Biligha, Thurner, O. Thomas, T. Thomas, Holloway

LA CRONACA:

PRIMO QUARTO: White modifica per primo il risultato con una schiacciata che scalda subito i tifosi torinesi subito replicato da Paul Biligha, ma l’inizio sembra condizionato soprattutto dall’imprecisione in attacco e da difese che tentano di invertire la tendenza di inizio stagione. A 5 minuti dalla fine Harvey infila una tripla con una esecuzione velocissima, ma Cremona per nulla intimorita imbastisce le sue giocate con maggior calma dei primi minuti anche se la frenesia e l’imprecisione continuano a dominare le sue azioni con un Turner ispirato che trova una preziosa tripla subito replicata da Tyler Harvey che insacca dall’arco con un tiro elegante. E sarà ancora lui a fissare il primo tempo sul risultato di 22-18 con un’altra tripla . 6 pt Biligha, 9 Harvey e 3 rimbalzi di O. Thomas

SECONDO QUARTO: Secondo tempo con in campo Poeta, Alibegovic e Mazzola al cospetto di Amato, Gaspardo e Wojciechowski, e Torino tenta di prendere il largo incrementando fino a 10 punti il vantaggio sui lombardi che forse non hanno delle seconde linee al livello di quelle torinesi. A metà del tempo time out chiesto da Vitucci per dare respiro ai giocatori e si rientra con il più classico dei canestri di DJ White. Cremona continua a difettare di precisione in attacco mentre Mazzola trova una tripla che fa applaudire anche i tifosi più tiepidi. A due minuti dalla fine time out richiesto da Pancotto sul 41-38 per la squadra di casa, ma nulla sembra poter arrestare la voglia di Torino che trova subito un canestro e fallo di Wright che completa l’azione da tre punti. Cremona, troppo confusa e in affanno, non riesce a sfruttare i rari tiri facili lasciati dall’attenta difesa di Fiat Auxilium e non raggiung a fatica i 30 punti.

Si va al riposo lungo con Fiat Torino 48 Vanoli Cremona 30

TERZO QUARTO: Pancotto deve aver fatto sentire la sua voce negli spogliato i perché Biligha e compagni infilano subito un parziale di 7-0 giocando con più tranquillità e determinazione infiammando i tifosi ospiti. White stenta a contenere Biligha, ma è lui insieme a Wrgight a suonar la carica. Una bella tripla di Amato certifica la resurrezione di Cremona che al 6’ è comunque ancora sotto di 13 punti. A 3’30’’ White compie una schiacciata da manuale che pochi istanti dopo Bilihga tenta di nuovo di imitare, ma la difesa di Torino non si fa più trovare impreparata. In piena sicurezza Mazzola tenta un canestro tre, ma è meno fortunato di quanto sia stato nel secondo tempo, mentre nell’azione successiva Mian riesce nella stessa impresa. Time Out Vanoli a 2 minuti dalla fine e 10 punti sotto. Cremona inizia a trovare i punti da tre che le erano mancati e riapre la partita. Holloway spende il quarto fallo a 30 secondi dalla fine del terzo, ma Torino ha dilapidato gran parte del vantaggio nei primi minuti del terzo tempo, ultimi due minuti di riposo che vedono Fiat Torino 59 e Vanoli Cremona 50, i tifosi di Cremona ora ci credono. White 7 rimbalzi e 3 stoppate, 17 punti Biligha.

RUSH FINALE: Una tripla di York materializza il sogno di rimonta per i bianco e blu conditi da un antisportivo per White dopo un canestro e fallo per il numero 3 torinese. Gaspardo completa la rincorsa fino al meno due, ma Torino, con Poeta che infiamma compagni e palazzetto, dimostra di non voler mollare l’osso. A sei minuti dalla fine Washington scrive la sua firma con un rimbalzo in attacco che trasforma in una schiacciata. Entrambe le squadre vogliono vincere e Mian trova un’altra tripla che tiene vicina Cremona costringendo White a tornare in campo. Inizia un testa a testa con la schiacciata di T. Thomas e i ripetuti errori da tre di Harvey. Si arriva agli ultimi 4 minuti con un solo punto di vantaggio per i piemontesi che sembrano aver perso molto dello smalto della prima parte e a 100 secondi dalla fine la Vanoli si porta avanti grazie al solito Biligha. Ma dove difetta la lucidità subentra il cuore e chi meglio di Poeta può segnare i punti e prendere i falli per riportare in vantaggio i gialloblu?

Il finale non è per deboli di cuore con Washington che ruba un pallone che poteva significare la vittoria salvo scivolare pochi metri più avanti. Ma non basta il time out di Torino per evitare l’Over Time 74 pari. Biligha e White 19 punti

OVER TIME: Continua la sfida tra Biligha e White, ma la stanchezza si fa sentire su squadre che ora corrono molto meno e una tripla di Mian a meno di tre minuti sembra indirizzare le sorti della partita, ma proprio Biligha spreca una schiacciata che poteva sigillare il risultato e il tandem Wright Poeta ne approfitta per portare Torino negli ultimi secondi in vantaggio di quattro punti, ma le coronarie del pubblico devono sopportare ancora la tripla di Turner a 23 secondi dalla fine. Mentre trenta tifosi lombardi ancora sperano quattromila torinesi palpitano mentre inizia la roulette dei tiri liberi. A otto secondi dalla fine una decisione arbitrale non condivisa dal pubblico di casa regala la palla a Vanoli la palla del pareggio, ma non riesce a sfruttare l’occasione e la partita finisce 85 – 82 per Torino

FIAT Torino – Vanoli Cremona 85-82

PARZIALI:  22-18 / 26-12 / 11-22 / 15-22 / 11-8

MVP Basketinside: DJ White, 19 punti, 28di valutazione, 64% da 2, 11 rimbalzi, 1 assist e 3 schiacciate

TABELLINO:

TORINO: Wilson 8, Harvey 9, Wright 16 (7 ass), White 19 (11 rimbalzi), Parente ne, Alibegovic 6, Poeta 6, Washington 6, Okeke ne, Fall, Mazzola 5, Crespi ne. – All. Francesco Vitucci

CREMONA : Amato 5, Mian 10, Gaspardo 7, Wojciechowski 5, Biligha 21, Turner 6, York 9, O. Thomas 6, T.Thomas , 6 Holloway 7. – All. Cesare Pancotto

Fotogallery a cura di Marco Magosso

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy