A1 UFFICIALE – GEAS, Giulia Arturi rinnova: “Stavolta per restare in massima serie”

A1 UFFICIALE – GEAS, Giulia Arturi rinnova: “Stavolta per restare in massima serie”

Il rinnovo del contratto di Giulia Arturi sta al Geas come la leonessa alla savana.

di La Redazione

Sembrerebbe una non notizia: in realtà siamo all’interno del territorio dei primati. Il rinnovo del contratto di Giulia Arturi sta al Geas come la leonessa alla savana. Nell’habitat naturale della società sestese, la capitana per antonomasia comincerà la sedicesima stagione consecutiva in prima squadra, cui vanno aggiunte le prime due spese nelle giovanili. Un record di fedeltà all’interno del club rossonero (lo stesso della madre Rosi Bozzolo, protagonista dell’epopea degli anni 70) che ha pochi precedenti a questi livelli in Italia. Una corsa che ha avuto naturalmente momenti di gloria ed altri di grande frustrazione, ma che conserva il fascino delle “classiche”. La contabilità di questa bandiera umana si perde fra le migliaia di punti, le centinaia di partite e di assist, ma soprattutto conserva il senso di una continuità di rendimento che si salda all’aspetto emozionale per consegnare il ritratto di una giocatrice-sicurezza nel ruolo più delicato del basket.

E lo sottolinea coach Zanotti: “Giulia è la nostra capitana, la più esperta tra le nostre giocatrici italiane. Sono molto felice che lei possa riconfrontarsi con la serie A1: era il suo sogno. È la figura-simbolo del Geas, in un ruolo fondamentale per la squadra: la sua maturità, acquisita anche in diverse stagioni di assenza dalla massima serie, sarà per noi un punto fermo. Speriamo di riuscire a compiere assieme un buon campionato”.

E ora sentiamola, la capitana.

-Quarta promozione con il Geas negli ultimi dieci anni, di cui tre dalla A2 alla A1: che differenze fra di loro?

Dalla prima è nato tutto. Era il 2008. In due settimane siamo passato dalla tragedia della perdita improvvisa del nostro presidente, Natalino Carzaniga, all’esplosione di entusiasmo inatteso. La ricordo con gioia e dolore insieme. Lui e Roberto Belotti, mio allenatore alle giovanili prematuramente scomparso, li ho sempre portati con me. Poi tanti anni di buona A1. La risalita dall’A3 è stata speciale: io e una banda di teenager siamo ripartite dal gradino più basso fino a festeggiare la serie A1, con le nostre sole forze. L’ultima di poche settimane fa arriva dopo il fallimento della stagione precedente ed è caratterizzata dalla nostra la volontà di riprovarci nonostante tutto. Ho imparato tanto da tutti i salti in alto.

-Sarà la tua sesta stagione in A1: puoi fare un bilancio?

Per me si è trattato di una conquista graduale, con tantissimo divertimento, numerosi sacrifici. Ora la gioia di avere un’altra occasione. Non vedo l’ora di ripartire!

-Geas come seconda famiglia: nel tuo caso è una pura realtà, non certo un luogo comune. Che senso dai al record assoluto di sedici stagioni consecutive in prima squadra? Non hai mai pensato di cercare nuovi stimoli?

Le circostanze della vita mi hanno portato ad avere quella che penso essere una grande fortuna: poter giocare tanti anni con la stessa maglia. Questa è diventata negli anni casa mia. In certo senso lo era da prima che nascessi. Il Geas è un club unico, per storia, tradizione e ambiente: chi ci arriva ne rimane sempre catturato. Non ci si stanca mai di cantare insieme le canzoni degli 883: ogni volta sono diverse perché accompagnano una nuova serata, persone diverse, un’altra nuova gita. Così ogni stagione, quando rimetto piede in Falck, mi trovo davanti a sfide inedite, un altro campionato, gente da conoscere. Solo Carletto è rimasto sempre lo stesso (risata, ndr). Qua non ci si annoia mai.

-Che campionato ti aspetti?

Difficile. Abbiamo l’esperienza negativa della retrocessione di due anni fa: alla fine una grande delusione dopo un campionato combattuto ma sempre in salita. Ora ripartiamo con l’obiettivo di essere in A1 per restarci. Vorrei festeggiare una salvezza quest’anno!

FONTE: Ufficio Stampa GEAS Basket

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy