A1, F G5: Schio insegue, ma poi trionfa. Il Famila campione d’Italia con una magia di Macchi

A1, F G5: Schio insegue, ma poi trionfa. Il Famila campione d’Italia con una magia di Macchi

E’ successo di tutto. Una gara meravigliosa, in cui Ragusa ha condotto praticamente per tutta partita portando Schio a inseguire fin dalle prime battute di gioco. Nella serata in cui Pierson disputa la peggior gara stagionale, sono Cinili (16 pt, trascinatrice del gruppo) e Walker a far sognare per trentanove minuti la formazione di Molino. Proprio la numero undici passa da mvp con 24 punti, 8 rimbalzi e 6 assist a un finale da incubo con il possesso a quaranta secondi dal termine sul più uno che si trasforma nella palla persa che consente a Yacoubou di firmare il sorpasso obbligando sé stessa al rientro in panchina per cinque falli. Una scelta folle, con Pierson che perde le staffe e non le manda a dire alla compagna. Molino prova a riordinare le idee, ma il finale drammatico si concretizza poco dopo: Pierson dalla lunetta trova solo l’1/2, lasciando il match point scudetto alle orange. L’ultima azione mette in mostra tutta l’esperienza della compagine di Mendez, che con una magia di Macchi vince il settimo scudetto della propria storia. Una serie pazzesca, che ha avuto il degno epilogo con una gara cinque del genere. SCHIO: Honti-Anderson-Zandalasini-Macchi-Yacoubou RAGUSA: Gorini- Cinili-Ivezic-Walker-Pierson WALKER & CINILI, RAGUSA AVANTI- E’ un monologo nel segno di Yacoubou il primo giro di lancette, con il pivot del Famila a segno due volte di fila. Cinili dall’arco firma i primi punti delle ospiti, strappando il primo urlo di gioia ai tanti tifosi ragusani. Le siciliane attaccano bene, Gorini piazza il sorpasso, Nadalin e i primi punti di Ivezic valgono il primo break dell’incontro, con Mendez che non ci pensa due volte a chiamare minuto di sospensione sul 9-14. Neanche la pausa però cambia il copione, Ragusa continua a trovare ottime soluzioni sia da sotto con Nadalin sia dalla lunga distanza con Gonzalez, autrice della bomba che fissa la prima frazione sull’11-20. E’ Walker in avvio di secondo quarto a realizzare il più undici, ma Anderson prova subito a rosicchiare punti, prima trovando da sola la via del canestro, poi grazie ad una magia di Sottana che permette alla numero dieci il comodo appoggio. La reazione della compagine di Molino è immediata: è la solita Walker a banchettare nella difesa delle orange, piazzando quattro punti che valgono il 17-28 dopo quindici minuti. Nadalin prima e Gorini poi ricacciano indietro le padrone di casa, che però restano costantemente incollate con Macchi e Honti a firmare il meno sei. Botta e risposta tra Galbiati e Macchi, ma sono i liberi di Cinili a mettere otto punti di margine all’intervallo (28-36), con Ress già a quota 4 falli. FINALE AL CARDIOPALMA, SCHIO CAMPIONE D’ITALIA– Gatti apre le marcature ad inizio ripresa, ma Gorini replica con la stessa moneta. Ivezic prova ad allungare nuovamente il vantaggio ospite, ma Gatti sale in cattedra col 2+1 che vale il 35-40. E’ però solamente un fuoco di paglia, perché Walker offensivamente non sbaglia un colpo e con quattro punti in un amen, è più nove Passalacqua. Nel momento migliore però, arriva il quarto fallo personale di Pierson a riaprire completamente i giochi, con Schio che punto dopo punto rientra fino al 39-44. Cinili va ancora a segno dall’arco, ma il finale di quarto è tutto del Famila: la forte difesa delle ospiti manda più volte in lunetta la squadra di casa, con Masciadri, Anderson, Macchi e Ress che rosicchiano punto dopo punto ricucendo fino al meno due a 1’15” dalla chiusura della terza frazione. Cinili va ancora a segno per il più quattro, firmando il 45-49 che archivia i primi trenta minuti. L’ultimo periodo di gioco inzia col canestro di Nadalin, subito replicato da Macchi. La partita diventa stupenda, con gli errori che rispecchiano la tensione. Honti trova il meno due e il PalaCampagnola torna a farsi sentire. Molino ordina timeout, Cinili al rientro non sbaglia la bomba del più sette obbligando così Mendez a chiamare minuto di pausa sul 49-56. Il finale è vietato ai deboli di cuore, Schio si affida alle veterane, sono Yacoubou e Masciadri a riaprire completamente i giochi con i punti che valgono un solo possesso di scarto (56-58), col frastuono del pubblico di casa che si alza di decibel. Torna a segnare Walker, gli risponde Honti in lunetta ma è il doppio errore di Masciadri dalla lunga distanza a negare il pareggio alle venete. Walker scrive più cinque dalla lunetta, mandando a segno entrambi i liberi a disposizione. Yacoubou si conferma anch’essa precisa dalla linea della carità, andando a bersaglio con il 2/2 del 59-62. Un nuovo allungo arriva col canestro di Walker e i due punti di Gorini, che piazzano due possessi di scarto sul punteggio. Partita finita? No, perché Honti s’inventa la tripla di tabella che vale tre lunghezze da recuperare a meno di un minuto dal termine. A ravvivare la sfida arriva prima il fallo in attacco di Ivezic, poi ci pensa Macchi col 2/2 che vale il meno uno (64-65) a quaranta secondi dalla sirena. Ragusa trema, Walker con una follia clamorosa consegna prima la palla nelle mani di Yacoubou, poi commette il quinto fallo che manda in lunetta il pivot di Schio che si conferma glaciale col 2/2 del sorpasso. Molino chiama timeout, al rientro arriva il fallo su Pierson, ma la numero trentatre trova solo un libero su due, impattando a quota 66. L’ultima azione è così per Schio, che conferma di sapere vincere quando conta: Honti affida la palla a Macchi, che con una grande azione personale realizza il canestro che vale lo scudetto a tre secondi dalla sirena. Esplode il delirio sugli spalti, la preghiera di Ivezic è corta e Masciadri chiude ogni capitolo firmando il 69-66 che regala a Schio lo scudetto.

Masciadri taglia la retina
  MVP BASKETINSIDE.COM: Macchi Famila Wuber Schio – Passalacqua Ragusa 69 – 66 (11-20, 28-36, 45-49) FAMILA WUBER SCHIO: Yacoubou I. 15 (4/7), Gatti G. 7 (3/5, 0/1), Sottana G. 2 (1/5, 0/3), Honti K. 10 (3/3, 1/1), Spreafico L. , Anderson J. 10 (3/11, 0/1), Masciadri R. 7 (1/5), Zandalasini C. (0/4), Ress K. 2 , Macchi L. 16 (3/11, 1/2), All. Martinez Mendez Miguel PASSALACQUA RAGUSA: Ivezic J. 4 (2/5), Gorini M. 7 (1/3), Cinili S. 16 (2/4, 3/4), Mauriello P. , Galbiati V. 2 (1/2, 0/1), Walker A. 24 (11/15), Gonzalez D. 5 (1/2, 1/2), Nadalin J. 7 (3/8), Valerio L. NE , Pierson P. 1 (0/5), All. Molino Antonio ARBITRI:Daniele Caruso, Marco Rudellat, Martino Galasso NOTE: uscite per 5 falli Cinili Sabrina, Walker Ashley Janeen Famila Wuber Schio tiri da due 17/46 (37%), tiri da tre 3/13 (23,1%), tiri liberi 26/32 (81,3%), rimbalzi dif. 20, off 12, palle perse 11, rec. 20. Passalacqua Ragusa tiri da due 21/44 (47,7%), tiri da tre 4/7 (57,1%), tiri liberi 12/18 (66,7%), rimbalzi dif. 31, off 9, palle perse 19, rec. 11.

Fotogallery a cura di Marco Brioschi&Massimiliano Biffi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy