A1- Famila, il derby e la vetta sono tuoi. Yacoubou stende la Reyer

A1- Famila, il derby e la vetta sono tuoi. Yacoubou stende la Reyer

Commenta per primo!

Famila Wuber Schio – Umana Reyer Venezia 82-80 (dopo 1t.s.)

Parziali: 18-12; 33-31; 48-47; 73-73)

Famila Wuber Schio: Yacobou 17, Gatti 5, Sottana 6, Battisodo 2, Anderson 23, Masciadri 2, Walker 11, Zandalasini 6, Ress 2, Macchi 8, Bestagno,
Umana Reyer Venezia: Carangelo 9, Christmas 27, Pan 3, Bagnara 4, Sandri, Formica 9, Ruzickova 13 , Dotto 2, Cubaj n.e., Fontenette 13

Totali di squadra:
Famila Wuber Schio: tiri da 2 26/56, tiri da 3 3/19, t.l. 21/25, rimb. dif. 41, rimb. off. 17, p.p. 17, p.r. 12, assist 19
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 21/60, tiri da 3 7/20, t.l. 17/21, rimb. dif. 31, rimb. off. 12, p.p. 12, p.r. 18 , assist 15
Schio deve far valere tutta la sua classe e la sua esperienza per imporsi in un match dove non sono stati sufficienti i 40 minuti regolamentari ma si è dovuto ricorrere ad un over time per designare la vincitrice.

Sulla tribuna degli ultras orange campeggiava un enorme striscione che riportava “grinta, cuore e p…e”. Questi tre attributi non sono mancati ad entrambe le formazioni che hanno dato luogo ad una sfida davvero avvincente.
Venendo alla cronaca, Fontenette apre le danze ma Anderson dai 6,75 e Battisodo lasciano subito intendere di non voler concedere “regali”. Formica fallisce 2 conclusioni vicino al ferro. A Ruzickova replica Yacobou che va a segno 2 volte portando Schio sul +5 (9-4 a -6,14). Ancora a canestro dalla media il centro oro granata e ancora una volta Zandalasini e Anderson allungano (13-6 a- 3,44). Carangelo sembra un folletto nel pitturato avversario, cattura palloni importanti e va a referto con i suoi primi due punti. Entra Ress per la colored transalpina ma le lunghe veneziane non sfruttano l’occasione e Ruzickova sbaglia due canestri che sembravano fatti. Ultimi 120 secondi all’insegna di Anderson e Walker che portano le orange sul +8 (18,10 a -1,04) con tiri liberi in finale di quarto segnati da Dotto che consentono all’Umana di chiudere la prima frazione sul 18 a 12.

Il numero di gran classe di Macchi dopo il rimbalzo offensivo catturato vale da solo il prezzo del biglietto. Bagnara non è da meno e ricuce (20-16 a-7,32). La torre francese va a segno con 6 punti di fila giganteggiando sotto i cristalli ma le lagunari replicano colpo su colpo e grazie a Fontenette e Christmas non perdono contatto (24-21 a- 6,25). L’Umana piazza un “filotto” di 7 a 0 e si porta in parità (28-28 a-3,29). Le veneziane non sfruttano il possesso a favore per portarsi in vantaggio ma il sorpasso è rimandato di pochi secondi dato che Carangelo piazza la tripla del +3 (28-31 a -2,10). Schio non è solo una squadra di “nomi” e lo dimostra reagendo con immenso carattere e chiudendo con un rush rabbioso il secondo periodo sul 33 a 21.

Rientro dall’intervallo lungo favorevole all’Umana che firma un perentorio 5 a 0 con Pan e Fontenette. Gli arbitri sanzionano il coach scledense con un tecnico che non sortisce grandi effetti visto l’errore dalla lunetta di Fontenette. A Walker fanno eco Carangelo e Formica per il +5. Zandalasini, Anderson e Gatti riportano avanti i propri colori anche se dai 6,75 Formica impatta. Carangelo “maramaldeggia” ancora nel pitturato avversario e conquista preziosi palloni sfruttando la sua velocità. Gatti e Masciadri riallungano ma è Christmas con 4 punti in rapida successione a chiudere il quarto sul 48 a 47.

Gli ultimi 10 ‘ vedono subito in evidenza Walker ma Fontenette e Christmas rendono la pariglia. Macchi e Anderson scavano un parzialino a loro favore (54-53 a-6,24) ma le veneziane esprimono la loro voglia di crederci fino in fondo. L’Umana paga anche un po’ di sfortuna al tiro ed una tripla di Bagnara, viene (giustamente) annullata per un piede sulla linea laterale. Christmas si supera piazzando tre bombe consecutive che consentono alla Reyer di raggiungere quota +6 (56-62 a-3,40). Anderson, come peraltro in altre occasioni, si carica letteralmente sulle spalle le compagne ed esprime la sua classe cristallina infilando una serie di canestri (12 punti nel solo quarto quarto) che tengono a galla Schio.

L’altalena nel punteggio è da cardiopalma anche se Ruzickova e Christmas mantengono le oro granata avanti. A pochi secondi dalla fine le lagunari sono ancora sopra di 3 punti. Sottana va a bersaglio e Fontenette è precisa ai liberi (70-73 a 7 secondi dal buzzer conclusivo). Il fallo sul play della nazionale è letale. Sottana mette a segno il primo e sbaglia volutamente il secondo consentendo a Yacobou di catturare il rimbalzo offensivo, guadagnarsi un fallo e mettere a segno i tiri liberi del pareggio sul 73 a 73.
Si va al supplementare ma l’andamento della gara non cambia. Dopo 3 minuti punteggio ancora in assoluta parità (77-77). Walker e Sottana portano avanti ancora una volta la Famila ma a 12 secondi dalla fine Ruzickova e Christmas fermano il tabellone sull’80 pari. Il possesso è di Schio e la partita la chiude definitivamente il possente centro francese che a pochi decimi dalla sirena insacca il canestro della vittoria. Per l’Umana Reyer, l’amarezza per una vittoria solo sfiorata e la grande soddisfazione per una gara quasi perfetta che ha fatto tremare sul loro campo le campionesse d’Italia.

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy