A1 Femminile, Finale: Schio batte Taranto e conquista il quarto Scudetto!

A1 Femminile, Finale: Schio batte Taranto e conquista il quarto Scudetto!

Commenta per primo!

 

Gara 5 inizia sulle ali dell’entusiasmo: la partenza di Schio è roboante. Trascinata dal pubblico di casa, il Famila comanda 10-3 (2′). Taranto, giunto in Veneto sostenuta da un abbondante rappresentanza arrivata dalla Puglia, non vuole lasciarsi sfuggire questa occasione e vuole puntare al tris di scudetti consecutivi. E’ così che il Cras accorcia subito il distacco (14-12) grazie all’ingresso sul parquet di Wambe: la belga garantisce ordine in attacco ed una buona dose di aggressività nell’altra metà del campo. Cohen riallunga sul +7 ma Taranto non demorde ed al 10′ Schio è avanti 22-18.
Dopo la seconda tripla del play israeliano, il Cras rientra pericolosamente a -1 con le segnature di Giauro e Wambe (25-24). Montagnino impatta (27-27) al 14′. Taranto mette la freccia al 19′ con l’unica fiammata della serata di Greco: la guardia italo-americana, brava a stringere i denti, ha dovuto convivere tutta la serie con dei problemi fisici e non è riuscita a dare il contributo che Ricchini si aspettava. E’ Chicca Macchi a riportare avanti Schio con la tripla allo scadere che fa infiammare il PalaCampagnola: si va negli spogliatoi sul 36-34.
Si torna sul parquet e Schio mantiene il vantaggio: grazie alla solida McCarville (16+10) e alla determinazione di Masciadri, le arancioni si riportano sul +5 (43-38). Young si incarica delle maggiori responsabilità e riporta le sue sotto di sole tre lunghezze (45-42). Macchi fa ½ dalla lunetta, mentre Wambe è precisa e non perdona dalla linea della carità: al 30′ Schio 49-48 Taranto.
Ci si appresta a vivere gli ultimi 10′ di fuoco: è subito Mahoney a colpire dalla distanza per il vantaggio pugliese (49-51). Risposta immediata di Yacoubou con un gioco da 3 punti (52-51). Ancora Yacoubou mette il +3 (54-51 al 33′). Il Cras continua a sparacchiare da fuori: ne approfitta Cohen che con una conclusione frontale dai 7 metri infila la tripla del +6 (57-51). Time-out chiamato da Ricchini ma ormai i buoi sono scappati: Moro dall’angolo realizza la bomba del +8 (62-54) che fa esplodere il palazzetto. Taranto non ne ha più e Macchi, mvp della finale, in contripiede sigilla il +10 (64-54). Young dalla media mette il -8 (64-56) ma ormai il Famila ha la partita in pugno: Macchi, sempre lei, fissa il massimo vantaggio (71-56). Il PalaCampagnola è in tripudio e la partita termina con lo strepitoso alley-oop sull’asse Cohen-McCarville. Partita e Scudetto a Schio, premio di Mvp a Chicca Macchi, decimo trionfo in carriera per Masciadri e trofeo sollevato da Moro, all’ultima apparizione in carriera.

FAMILA WUBER SCHIO 75-59 CRAS TARANTO (22-18, 36-34, 49-48)

Famila Wuber Schio: Cohen 13, Masciadri 8, Macchi 20, Nadalin 4, McCarville 16; Moro 3, Pastore, Ramon ne, Erkic 2, Yacoubou 9. All. Orlando.
Cras Taranto: Gianolla, Greco 3, Mahoney 11, Young 23, Godin 2; Wambe 7, Siccardi 2, Montagnino 5, Giauro 6, Dacic. All. Ricchini.

Arbitri: Riosa di Trieste e Lestingi di Roma.

Note: 2600 spettatori.

MVP BASKETINSIDE: Laura Macchi (Famila Wuber Schio)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy