A1- Geas, k.o amaro. Torino vola con le sue americane

A1- Geas, k.o amaro. Torino vola con le sue americane

Commenta per primo!

È un ritorno a casa amaro per il Geas, che nel giorno del nuovo debutto in A1a Sesto San Giovanni cede il passo a Torino, avversaria di mille battaglie negli ultimi anni: 75-58 il finale in favore delle ospiti, che si sono dimostrate più complete sulla distanza dopo un primo tempo interamente condotto dalle ragazze di coach Zanotti. Festa rimandata quindi per il pubblico, molto numeroso, accorso al PalaNat. Per il Geas, spentosi completamente nel secondo tempo di gioco, bella prova di Barberis (19 per lei), per Torino dominanti le due americane Smith (24 punti e 16 rimbalzi) e Anderson (22 punti e 4 assist). Decisivi per la sconfitta i tanti, troppi rimbalzi offensivi concessi (ben 17 su un totale di 46 per Torino, contro i 33 del Geas) a una spietata Torino, che in diverse occasioni ha avuto due se non tre possessi consecutivi per bucare la difesa Geas. Rimbalzi offensivi e mancata esecuzione dei giochi le cause della sconfitta per coach Zanotti, soddisfatta del primo tempo ma non della ripresa: “Finchè siamo rimaste unite e abbiamo giocato la nostra pallacanestro siamo rimaste bene in partita, poi purtroppo non abbiamo più giocato come una swuadra e una volta aggredite ci siamo disunite troppo. I tanti rimbalzi concessi e qualche persa di troppo ci hanno poi tagliato le gambe; ci sono aspetti positivi, ma sicuramente dovremo lavorare su diversi aspetti per evitare di commettere gli stessi errori nelle prossime importanti partite”. Partono subito forte le geassine, che dopo il libero segnato da Anderson, piazzano un parziale di 7-0 propiziato dal runner a centro area di Brown e dai due canestri di Mandache, brava ad aggredire la difesa di Torino. Le ospitinon si scompongono e cominciano ad appoggiare il pallone in post a Smith, azione che porta dividendi vuoi coi canestri della stessa americana, vuoi con gli assist per Sotiriu e Anderson. Grazie all’intraprendente Barberis, che segna dal post, dalla lunetta e da oltre l’arco in meno di due minuti, le rossonere si ritrovano sul 14-10 prima  che, ancora Mandache poi Brown riescano ad arrotondare il parziale sul 18-10. Il Geas quando corre fa male, mentre Torino ha buon gioco nell’affrontare l’attacco a metà campo delle geassine. Così, grazie al post basso di Smith, le ospiti tornano sul -5 prima del nuovo centro di Mandache.

La tripla successiva di Anderson è ribattuta dal 4/4 dalla lunetta firmato Barberis e Mandache, con le padroni di casa che vanno al primo riposo lungo sul 25-19. Nel secondo periodo le geassine rientrano in campo decise ad allungare e nei primi minuti riescono nel loro intento: Mandache piazza dal semiangolo su assist di Arturi, la stessa capitana buca la difesa di Torino con una penetrazione centrale prima del gioco da tre punti concretizzato da Ercoli per il 7-0 Geas (32-19). Torino non si lascia sorprendere e rientra dal timeout con un 4-0 firmato Smith, cercatissima e molto efficace in post basso. I primi segnali di cedimento in casa Geas cominciano a palesarsi qui, come evidenzia il canestro dell’ex del vivaio rossonero Ntumba, che prende un rimbalzo offensivo su sua tripla sbagliata per il canestro del 32-25. Il canestro di Madonna ridà brio al Geas, che però deve subire le scorribande di Anderson, imprendibile in contropiede e capace di riavvicinare la sua squadra fino al -1 (34-33). Poi arriva la fiammata di Poston, che con 5 punti in fila riallontana le avversarie, brave però a chiudere il primo tempo sotto solo di 2 punti per effettodei canestri di Sotiriou e Smith. Al rientro in campo le due squadre perdono due palloni a testa in 15”, a rimettere ordine per prima è poi Torino che a partire dal 41-41, segnato da Smith, metterà la testa avanti senza più mollare il colpo. Il calo del Geas è vistoso: evidente soprattutto quello fisico, che consente a Torino di tirare più volte con almeno due metri di spazio, con pe geassine che faticano a rincorrere l’indemoniata Anderson. L’8-2 delle ospiti è rintuzzato da un bel canestro di Brown, mortificato subito dopo dalla tripla di Anderson (43-50). Il Geas prova l’ultima fiammata con la penetrazione centrale di Arturi e il canestro dopo recupero della velocissima Brown, ma Torino, con Sotiriou e con la tripla di Puliti, ricaccia indietro il Geas (49-55). Troppe per le ragazze di coach Zanotti anche le palle perse(22 alla fine), che lasciano alle avversarie facili contropiedi e tante occasioni per allungare fino al +12 alla fine del periodo (49-61). Nell’ultimo periodo la partita sembra già decisa: Torino amministra e sfrutta la stanchezza delle geassine, andando a segno con Puliti, Quarta e Ntumba, mentre in casa Geas l’ultima a mollare è Barberis, che sfiora il primo ventello in A1 (19 punti e 10 falli subiti) grazie a buone iniziative e a qualche giro in lunetta. Il centro di Smith che fissa il punteggio sul 51-71 segna di fatto la fine della gara, che negli ultimi minuti offre solo qualche fiammata della citata Barberis. Il finale è 58-75.  Prossimo impegno, ancora casalingo, con San Martino di Lipari, una sfida da vincere.

Geas Sesto San Giovanni – Fixi Piramis Torino 58 – 75 (25-19, 39-37, 49-61)

GEAS SESTO SAN GIOVANNI: Rossi G. NE , Arturi G. 4 (2/8, 0/2), Galli F. NE , Grassia V. NE , Brown A. 8 (4/10, 0/5), Madonna T. 4 (2/2, 0/3), Barberis B. 19 (4/10, 1/3), Bonomi B. NE , Mandache A. 13 (4/6, 1/3), Poston C. 7 (3/4), Ercoli E. 3 (1/1), All. Zanotti Cinzia
FIXI PIRAMIS TORINO: Puliti A. 6 (2/5), Montanaro P. NE , Quarta A. 4 (0/3, 1/3), Coen C. , Domizi D. NE , Anderson Y. 22 (7/14, 2/4), Smith J. 24 (11/17, 0/1), Cordola I. 2 (1/1), Salvini C. 4 (2/4, 0/1), Gallucci F. , Sotiriou K. 8 (3/6, 0/1), Mitongu Ntumba M. 5 (2/4, 0/2), All. Petrachi Emanuele

ARBITRI:Andrea Bongiorni, Chiara Maschietto, Alessandro Pilati
NOTE: Geas Sesto San Giovanni tiri da due 20/41 (48,8%), tiri da tre 2/16 (12,5%), tiri liberi 12/15 (80%), rimbalzi dif. 24, off 9, palle perse 22, rec. 22. Fixi Piramis Torino tiri da due 26/49 (53,1%), tiri da tre 5/17 (29,4%), tiri liberi 8/21 (38,1%), rimbalzi dif. 29, off 17, palle perse 20, rec. 24.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy