A1, Geas, le parole di Cinzia Zanotti: “A Ragusa per crescere”

A1, Geas, le parole di Cinzia Zanotti: “A Ragusa per crescere”

Commenta per primo!

La partita più difficile dell’anno, senza se e senza ma: la trasferta contro la Passalacqua Ragusa di domenica (palla a due alle ore 18, diretta live sul canale Youtube della Lega Basket Femminile) è certamente l’impegno più duro per il Geas, visto che tra le squadre favorite per la vittoria finale Ragusa è anche la più lontana geograficamente parlando. Dopo un volo aereo e un paio d’ore di pullman, le rossonere si troveranno di fronte una vera e propria corazzata, entrata ormai nell’elite del basket femminile grazie a una serie di risultati molto importanti. Solo lo strapotere di Schio ha impedito alla squadra di coach Molino di sollevare un trofeo nelle ultime stagione, ma Ragusa è stata senza dubbio la prima contendente delle arancioni nelle ultime edizioni di campionato e Coppa Italia. Vietato darsi per sconfitti in partenza, ma per il Geas domenica sarà davvero dura.
Le rossonere, oltre allo strapotere delle avversarie, dovranno fronteggiare anche l’assenza di Martina Kacerik, il cui responso dell’infortunio patito nell’Opening Day di Napoli dice lesione di 1° al collaterale del ginocchio. Per lei almeno 3 settimane di stop, con una nuova valutazione dell’infortunio da fare a breve. Una difficoltà in più per una squadra che comunque, da tradizione, non partirà sconfitta: “E’ più che scontato dire che la partita di domenica è molto difficile – commenta coach Zanotti – ma questo non vuol dire che non venderemo cara la pelle. Il divario tecnico e di esperienza tra le due squadre è innegabile, ma dovremo cercare di dare tutto e utilizzare la partita contro Ragusa per fare esperienza e per proseguire nel nostro processo di crescita. Sarà inoltre importante sfruttare l’occasione per inserire al meglio Poston, che si sta integrando ma che ha sicuro bisogno del campo per farlo ancor di più. L’assenza di Kacerik ci penalizza, dal punto di vista fisico e per la sua duttilità di cui non potremo disporre, ma proveremo a dare il 100% comunque”.

Innegabile, come ammesso da coach Zanotti, la forza e la completezza del roster della Passalacqua: coach Molino può contare su una rosa forte come quella dello scorso anno, se non di più. Partite, su tutte, Cinili, Walker e Pierson, protagonista della stagione scorsa, sono arrivate giocatrici di assoluto livello, come la guardia Consolini, prelevata da Umbertide, l’ala/pivot Camille Little, proveniente dalla WNBA (Connecticut Sun) e soprattutto la fortissima Rebekkah Brunson, 34enne americana dal ricchissimo palmares (2 titolo WNBA tra gli altri) che vanta anche due titolo italiani vinti con Taranto, squadra in cui militò dal 2007 al 2010. Oltre alle due americane e a Consolini, Ragusa ha arricchito il proprio roster con la tiratrice (ex Schio) Maja Erkic, con l’ala (ex Battipaglia) Ngo e con la solida Milica Micovic. Le play Gonzalez e Gorini e l’esperta Nadalin completano un roster che definire lungo e iper completo è forse dire poco, nonostante la probabile assenza di Brunson, ancora non scesa in campo con la maglia verde di Ragusa. “Ragusa – prosegue coach Zanotti – è un’ottima squadra, e questo lo sanno tutti, ma avendole studiate meglio per preparare la partita in più posso senz’altro dire che giocano una pallacanestro fantastica, molto intelligente e difficile da leggere. Il roster è molto completo, se non ci sarà Brunson certamente le altre sapranno sopperire alla sua mancanza, con una Little che ha già dimostrato all’esordio di essere una giocatrice top per il nostro campionato. L’avversaria è durissima, la trasferta molto lunga ma ripeto: mai partite sconfitte”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy