A1- Il Geas ci prova ma non basta, Lucca vince trascinata da Harmon

A1- Il Geas ci prova ma non basta, Lucca vince trascinata da Harmon

La capolista continua a volare, espugnando anche il parquet lombardo grazie ai 25 punti e 7 rimbalzi di una monumentale Harmon. Al Geas non bastano quattro elementi in doppia cifra.

Un Geas tutto cuore non basta per fermare la corsa della capolista, che espugna anche il parquet di Sesto S.Giovanni confermandosi prima indiscussa alla vigilia della pausa per la nazionale. La formazione di Zanotti sapeva che non era questa la gara da vincere, ma nonostante ciò le sensazioni non possono che esser molto buone nonostante il verdetto amaro. Le lombarde hanno infatti dimostrato per l’ennesima volta carattere, sfornando un’ottima prestazione grazie soprattutto ai 12 punti e 7 rimbalzi di Barberis, la migliore tra le padrone di casa che hanno portato in doppia cifra altre tre elementi (Brown con 16, Mandache con 15 e Correal con 14). Gli applausi finali come detto vanno però tutti a Lucca, che soprattutto nella prima metà di gara ha messo in campo una difesa incredibile in alcuni istanti, sfruttando poi al meglio la serata devastante di Harmon, autrice di 25 punti e alcune giocate d’alta classe. Con lei menzione speciale meritano anche Pedersen (14pt), autentica spina nel fianco da sotto, e Dotto, protagonista nelle battute finali.

Sesto S.Giovanni: Arturi-Brown-Kacerik-Mandache-Correal

Lucca: Dotto- Crippa-Harmon-Wojta-Pedersen

DEVASTANTE HARMON, MA IL GEAS E’ VIVO- Avvio equilibrato, con le due squadre a rispondersi colpo su colpo: sono Mandache da una parte e Pedersen dall’altra a scrivere il 6-7 iniziale.  Harmon sale in cattedra con tre canestri di fila, scatenando il tifo dei tanti e rumorosi tifosi biancorossi, siglando il 6-13 che obbliga al minuto di sospensione coach Zanotti. Al rientro in campo è ancora la difesa a tutto campo a far la differenza, costringendo il Geas alla palla persa che produce l’azione in cui nuovamente Pedersen deposita a canestro. E’ ancora la numero ventuno dalla linea della carità a scrivere il più otto, ma la replica di Correral è immediata riportando le padrone di casa a due possessi di distanza sull’11-17. Templari dalla lunga distanza trova il più dieci, Crippa l’entrata vincente e in un amen le lombarde si ritrovano sull’11-23. Crippa colpisce nuovamente dall’arco, ma il Geas è vivo e sull’asse Mandache-Barberis ricuce fino al 20-27 del primo quarto. Harmon per Lucca e Madonna per Sesto aprono la seconda frazione di gioco. Le ospiti tornano però a premere: prima è Wojta a convertire un recupero offensivo in due punti, poi è Templari a involarsi in contropiede realizzando nuovamente il più dieci. Il risveglio rossonero non tarda però ad arrivare: tripla di Madonna, bomba di Arturi e gioco da tre punti di Brown a firmare l’incredibile 36-37. Harmon interrompe il break locale mettendo fine ai diversi errori offensivi delle toscane, toccando quota quindici sul referto personale, ma Correal risponde con il piazzato che tiene incollate le rossonere. Harmon continua nel suo straordinario momento, ma il buzzer beater di Brown vale la parità a quota 41 dopo venti minuti.

IL GEAS SFIORA LA RIMONTA, MA LUCCA E’ CORSARA-Wojta e Dotto mettono i primi punti dopo l’intervallo, mentre servono oltre tre minuti di gioco per vedere i primi punti delle locali, con Kacerik autrice del 43-45. Harmon e Pedersen tornano a macinare punti, riportando la Gesam a più sette.  Le squadre però sprecano diversi possessi offensivi, serve così una magia di Barberis a sbloccare il punteggio dopo oltre due giri di lancette senza canestri. Harmon e Crippa rimettono otto punti di margine, ma ancora una super Barberis trova l’ennesimo canestro della sua serata per il 48-54.  Il finale è tuttto delle toscane: la solita Harmon apre un nuovo break in cui si esalta Dotto da tre punti, con due tiri dalla lunga distanza che propiziano il 52-63 dopo trenta minuti.  Correal dalla linea della carità apre l’ultima frazione di gioco, ma è il 2/2 di Barberis a riavvicinare sul meno sette la formazione di casa. Nel momento peggiore di Lucca, sono cinque punti di Templari a ridare ossigeno alle ospiti. Il venticinquesimo punto di Harmon vale il più dodici esterno: Zanotti ci prova con il timeout a caricare le sue ragazze, ma al rientro due punti di Dotto valgono il massimo vantaggio sul tabellone di gioco (58-72 al 36’).  Sembra chiusa, ma così non è: il Geas è come una formica dura a morire e pian piano inizia a rosicchiare punto su punto: Brown e Correal spingono fino al meno sei a 1’10’’ dal termine, ma Pedersen realizza il canestro del nuovo più otto che sa tanto di titoli di coda. L’ultima a morire è Barberis, che insacca il 2+1 del meno cinque a 35’’ secondi dal termine. Le lombarde decidono quindi di non spendere fallo, ma la difesa non produce il recupero necessario e l’ultimo acuto di Brown a fil di sirena, serve solo a rendere il passivo meno amaro. Finisce 71-74, con il pubblico di Lucca che può così iniziare la propria festa.

MVP BASKETINSIDE.COM: Harmon

GEAS SESTO SAN GIOVANNI  – GESAM GAS LUCCA 71 74

Geas: Arturi 3, Correal 14, Kacerik 2, Grassia ne, Brown 16, Madonna 9, Gambarini ne, Mazzoleni, Barberis 12, Bonomi, Mandache 15, Ercoli. All: Zanotti

Lucca: Viale ne, Templari 11, Dotto 11, Wojta 6, Reggiani, Harmon 25, Crippa 7, Laterza, Mandroni, Pedersen 14, Gatti. All:Diamanti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy