A1- Inizia con una sconfitta la pre-season di La Spezia. Bene Reke e Filippi

A1- Inizia con una sconfitta la pre-season di La Spezia. Bene Reke e Filippi

Commenta per primo!

VIRTUS CARISPEZIA – COLLEGE STANFORD 70-72
Parziali: 18-13, 33-30, 47-51

Virtus Carispezia: Filippi 11, Favento 9, Reke 12, Templari 6, Madonna 3, Contestabile 7, Malone 8, Manzotti 8, Mugliarisi 6, Piastri 3. Coach Loris Barbiero.

Stanford: Beebe, Camp, Greenfield, James, Ogwumike, Ruef, Samuelson, Picknell, Payne, Orrange.

La Spezia – Termina con una sconfitta l’esordio della Virtus Carispezia contro la prestigiosa squadra del college americano di Stanford. Alla fine del match rimane un po’ di rammarico perché la squadra di coach Barbiero è stata avanti per gran parte della partita e sul finire del tempo le squadre hanno giocato punto a punto, ma ad avere successo sono state appunto le avversarie, che hanno chiuso la gara in vantaggio, 70 a 72. Sono quindi solamente due i punti che non hanno permesso alla Virtus di avere la meglio in questo primo test in vista dell’inizio del campionato. Una sconfitta che però ha davvero poco valore perché non può rappresentare un vero e proprio riferimento. “Si è visto poco – interviene il patron della Virtus Lorenzo Brunetto – anzi, penso non si sia visto niente di quello che vedremo in campionato. Le ragazze erano stanche e hanno ancora tanto da fare. Secondo me la squadra, se lavorerà come deve lavorare, ci farà divertire. Questa partita conta poco, non rappresenta nessun tipo di segnale. Abbiamo fatto una squadra con dieci decimi di giocatrici e io ho delle grande aspettative; con dieci decimi ci si vede bene”, scherza e conclude il Presidente.

A mettere a segno il primo canestro sono le americane che si distaccano di sei punti; ma la squadra spezzina, sostenuta da un buon pubblico, cha ha incitato le ragazze sin dalle prime battute, in pochissimo tempo ribalta il provvisorio vantaggio delle americane e chiude il primo quarto sopra di 5 (18-13). L’avvio vede brillare particolarmente Filippi, Favento e Manzotti, i cui tiri da tre si rivelano fondamentali.
Equilibrato tutto sommato il secondo quarto, al termine del quale comunque le ragazze bianco blu riescono a chiudere in vantaggio. La seconda parte di gara è più Stanford che Virtus, la causa deriva probabilmente dalla stanchezza delle spezzine, che soffrono un po’ da un punto di vista fisico e non riescono a mantenere il punteggio a proprio favore. Il tabellone segna infatti 47 a 51 per le americane.
L’ultimo periodo è simile a quello precedente. Le squadre giocano punto a punto, ma sul finale le avversarie spingono di più e si portano in vantaggio anche se il risultato non è mai al sicuro. Più volte infatti si tocca il pareggio e quando manca il tempo giusto per un’azione il tabellone segna 70 a 70. La Virtus a questo punto ha a disposizione due tiri liberi che purtroppo sbaglia. A quasi 5 secondi dalla fine, le americane indovinano il canestro che assegna la vittoria. Al suono della sirena il punteggio è quindi quello di 70 a 72.
“Ci siamo mossi dopo solo una settimana di lavoro – commenta Loris Barbiero, il coach – è una partita che è servita principalmente a me per conoscere meglio la squadra, per vedere come le ragazze si muovono in campo e per capire in che direzione lavorare. Non mi aspettavo niente – continua – perché il lavoro svolto è davvero poco”.
L’impressione è comunque positiva e sale l’attesa in vista dell’inizio del campionato che vedrà la Virtus impegnata contro Priolo il 13 Ottobre alle 12 per il tradizionale opening day che si terrà a Cagliari.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy