A1- Le Lady Battipaglia superano un Cus Cagliari al limite del miracolo

A1- Le Lady Battipaglia superano un Cus Cagliari al limite del miracolo

Battipaglia – L’imperativo alla vigilia era vincere per agganciare a quota sei punti in classifica proprio il Cus Cagliari, non aveva usato mezze misure coach Massimo Riga, le ragazze in campo hanno eseguito alla lettera, anche se la partita è stata combattuta ed ha vissuto degli strappi che le lady hanno impresso nel terzo e nel quarto periodo, con un Cus al limite del miracolo con sei giocatrici sei che rendono la vita davvero difficile alle padrone di casa.

L’ombra di Inmaculada Zanoguera su Samantha Prahalis è il filo conduttore dei primi due periodi di gioco, coach Riga cerca di togliere la “mente” al Cus Cagliari costringendo coach Restivo a cercare in Arioli la regista in campo. Battipaglia è subito pimpante nel pitturato con Gray e la spagnola che fissano il 9-2 dopo due minuti di gioco. Miss cinquanta punti osservata speciale allora ci pensa Arioli dalla lunga e bel supportata da Nikolina Milic per il 9-9 dopo due brutte palle perse dalle campane, la tripla di Treffers a chiudere il parziale esterno. Nella seconda parte di periodo ancora l’olandese con quattro punti di fila a dare il vantaggio interno 17-11, vede la luce Prahalis che tra una palla persa riesce a mettere i suoi primi punti personali, Milic ben servita da Chesta a fissare il parziale sul 23-21 interno. Il Cus mette subito la testa avanti con la tripla di Chesta 23-24, ci pensa Rashanda Gray a muovere il punteggio per Battipaglia, ma Arioli prima e Milic poi riportano avanti Cagliari 31-31, non si segna fino agli ultimi due minuti che vedono Marida Orazzo on fire un piazzato ed una tripla per il più quattro per le padrone di casa 38-34. Battipaglia nel finale si complica la vita e regala cinque giri dalla lunetta alle isolane che impattano a quota trentotto prima della pausa lunga con Prahalis che nel frattempo arriva a quota dodici personali.

L’equilbrio regna sovrano Bonasia e Gray per Battipaglia e Prahalis per Cagliari 43-42, Tagliamento di forza su Bencic ed un gioco da tre punti di Milic impattano il punteggio a quota quarantecinque. E’ di marca campana la seconda parte di terzo periodo parziale terrificante di 14-0 per il 61-49 Battipaglia, con il Cus in chiaro debito di ossigeno ed idee. Periodo che si chiude sul 63-51 per le Lady. Scommette sulla zona fronte pari coach Antonello Restivo, e le scarse percentuali nel tiro dalla lunga delle Lady gli darebbero ragione, se nelle prime tre azioni da buoni frutti, nella successive arrivano la tripla di Orazo ed il canestro da sotto di Gray 68-51 a sette minuti e cinquantuno secondi dalla fine. Prahalis litiga con ferro dalla lunga, Chesta segna la sua seconda di serata 68-55. Battipaglia si specchia troppo nella sua bellezza facendo arrabbiare non poco coach Riga e permettendo al Cus di rientrare sul meno nove dopo due liberi di Bencic 70-61 a tre minuti e dieci secondi dalla fine. La tripla ancora di Chesta 72-64 interno, ma ci pensa l’asse Bonasia-Gray che funziona alla perfezione a rimettere in doppia cifra il vantaggio casalingo 74-64. L’ultimo minuto inizia con la magia di Zanoguera 79-69, il canestro dalla staffa è di Stefania Trimboli che concede la vittoria 82-69 alle Lady di Battipaglia.

MVP: RASHANDA GRAY 24 punti

Convergenze Battipaglia – CUS Cagliari 82-69 (23-11; 38-38; 63-51)

Battipaglia: Trimboli 3, Orazzo 10, Tagliamento 4, Bonasia 4, Treffers 14, Russo n.e., Diouf n.e., Ramò 2, Gray 24, Andrè 2, Zanoguera 19, Costa

Cagliari: Canalis n.e. Scano n.e., Faedda n.e., Bencic 3, Zucca n.e.,  Milic 21, Arioli 13, Chesta 9, Prahalis 23, Gombac,

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy