A1 – Le Mura contro Orvieto. Diamanti: “Umiltà e sacrificio”

A1 – Le Mura contro Orvieto. Diamanti: “Umiltà e sacrificio”

Commenta per primo!

C’è un altro ostacolo da saltare, ci si aspetta un ulteriore passo in avanti della squadra, soprattutto da parte delle giocatrici che partono dalla panchina. Il cui contributo deve crescere se davvero Gesam Gas Le Mura vuole essere protagonista di una grande stagione.

Le prime cinque vittorie consecutive hanno dato fiducia e autostima a tutto il gruppo, ma nessuno nell’ambiente biancorosso si illude. Domenica 8 novembre al Palatagliate arriva Orvieto, poi ci sarà un ciclo di partite difficile, comprensivo degli scontri con Venezia, Schio e Ragusa. E solo alla fine del girone di andata si faranno i primi conti.

Intanto per Gesam Gas c’è da affrontare l’ostacolo Orvieto. “Formazione insidiosa se non l’affronteremo con la giusta intensità – dice il vicecoach Giuseppe Piazza -. Rispetto allo scorso anno hanno cambiato le tre straniere, in campo tatticamente adottano varie soluzioni. Dovremo giocare al meglio per portare a casa i due punti”.

Serve l’approccio giusto, quello che non dovrebbe mancare, almeno a giudicare dalle parole di Francesca Dotto, la play tornata a vestire la maglia biancorossa dopo una stagione a Venezia: “Siamo partite nel migliore dei modi – dice la numero 8 del Basket Le Mura – ma nessuno pensa che sia tutto facile. Dobbiamo continuare a giocare la nostra pallacanestro indipendentemente dalle avversarie che affrontiamo, le vittorie ci stanno dando consapevolezza delle nostre possibilità”.

Dotto è la leader della squadra insieme a Jillian Harmon, una delle migliori realizzatrici del campionato: “Ma Jillian non è importante solo per i canestri – spiega Dotto – è una giocatrice intelligente che sa sempre quello che deve fare in campo”.

Ci sarà ancora una partenza forte della squadra, come Gesam ha abituato nelle prime cinque gare? Vedremo e vedremo anche quali ostacoli Orvieto (che dovrebbe recuperare la lunga Wicijowski) cercherà di mettere sulla strada biancorossa.

Ma sul fronte è proprio coach Mirco Diamanti a indicare l’atteggiamento giusto alla sua squadra: “Dobbiamo giocare con umiltà e sacrificio dando il massimo in tutte le partite; non farlo vorrebbe dire non essere un gruppo maturo e noi invece stiamo lavorando per diventarlo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy