A1 – Le Mura scrive a Petrucci: “Ingiusta la multa per quello striscione”

A1 – Le Mura scrive a Petrucci: “Ingiusta la multa per quello striscione”

Commenta per primo!

Finisce sul tavolo del presidente della Fip Gianni Petrucci il caso della multa (250 euro) comminata dal giudice sportivo al Basket Le Mura Lucca per uno striscione esposto dai tifosi “I balordi” durante la partita fra le biancorosse e il Geas Sesto San Giovanni del 22 dicembre. Gli arbitri infatti avevano ritenuto offensivo il contenuto dello striscione, con il quale di fatto i tifosi di Lucca dicevano alla giocatrice del Geas Brown di vergognarsi per il fallo commesso in una precedente partita su Laura Spreafico, ex giocatrice delle Mura rimasta nel cuore degli appassionati biancorossi.

Lo striscione venne rimosso quasi subito ma la multa è comunque arrivata provocando stupore non solo negli sportivi ma anche nella società lucchese, particolarmente attenta alla sua immagine, che è cara anche agli sponsor che sostengono il progetto biancorosso. Non è quindi tanto per l’entità della sanzione, ma perchè la stessa viene ritenuta assolutamente ingiusta, che il presidente del club lucchese Rodolfo Cavallo ha deciso di scrivere a Petrucci.

Dice Cavallo: “L’ultima partita dell’anno ha chiuso un percorso straordinario per il basket di Lucca e per la nostra società, coronata dal primato in classifica e impreziosita dalla Nazionale italiana che ha avviato a Lucca il proprio percorso verso gli europei. Peccato che proprio l’ultima gara del 2015 ci abbia riservato l’amarezza per una multa inerente uno striscione che consideriamo non solo inopportuna ma del tutto iniqua. In occasione della gara casalinga contro Geas è stato esposto solo per pochi istanti, prima del tempestivo ritiro, lo striscione che recita “Brown vergognati..giù le mani dalla nostra Sprea”. Come forse saprai in occasione della precedente gara tra Sesto e Parma un intervento irruento di Brown aveva portato all’infortunio di Laura Spreafico, ex giocatrice di Lucca molto amata dai tifosi”.

“L’erogazione di una sanzione economica per questo episodio – aggiunge Cavallo – sulla cui irrilevanza non credo servano altre parole e sulla cui offensività mi permetto di dubitare, ci ha rovinato le vacanze e ci ha creato più di un imbarazzo con i nostri sponsor che sostengono il nostro progetto anche per la sua pulizia e correttezza. Tu – dice il presidente del Bf Le Mura ancora rivolto a Petrucci – sei stato più volte tra gli spettatoridi gare a Lucca e sai bene quale sia il grado di civiltà sportiva e correttezza della nostra città”.

Quindi Cavallo conclude così: “Noi vogliamo credere a una cattiva interpretazione del messaggio da parte degli arbitri e con la massima serenità ti chiediamo, in veste di presidente Fip, di voler riesaminare la vicenda per restituire a Lucca e al Basket Le Mura quello che hanno di più prezioso: l’amore per lo sport e il rispetto per l’avversario”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy