A1 – Lucca doma San Martino ed è in vetta da sola

A1 – Lucca doma San Martino ed è in vetta da sola

Commenta per primo!

Nona vittoria consecutiva e primato solitario in classifica, davanti alla coppia Schio e Ragusa, che saranno le avversarie delle prossime due partite di campionato. Ma c’è molto di più dietro il cammino esaltante, almeno fino a oggi, di Gesam Gas Le Mura in questa stagione. C’è una squadra che non è soltanto un gruppo vero, composto da ragazze che – come dice la lunga americana Kayla Pedersen – prestano grande attenzione alle piccole cose e festeggiano ogni successo come se avessero vinto una medaglia d’oro. C’è una squadra che è cresciuta tanto rispetto alla scorsa stagione, che è più matura e consapevole e che ha delle certezze.

Se ne è accorto anche San Martino di Lupari, battuto 74-57 e assolutamente irretito nel secondo tempo, quando la difesa di Lucca è diventata pressochè impenetrabile, al punto che le venete, dopo aver segnato 40 punti all’intervallo, negli ultimi due quarti ne hanno messi 9 e 8, cioè 17 in 20 minuti. Lucca ha messo le mani su tutti i palloni, ha chiuso i corridoi per il canestro, ha recuperate palle ed è ripartita in contropiede, spinta ancora una volta dall’energia di Francesca Dotto (5 recuperi e 5 assist oltre a 14 punti), ben sostenuta anche da Erica Reggiani, un’altra di quelle ragazze che stanno crescendo e che hanno acquisito più fiducia nei propri mezzi.

Ma non si può sottolineare la prestazione collettiva di Lucca, con Harmon top scorer e in doppia doppia (19 punti e 10 rimbalzi) oltre a tanta energia in difesa, con Crippa devastante in attacco nel primo quarto, quello in cui San Martino ha trovato punti importanti da Bailey.

E’ stata una bella partita, intensa e combattuta, per le ragazze di Abignente non si sono mai arrese, nonostante non abbiano potuto schierare per problemi fisici Pascalau e l’altra americana Davis. Lucca chiude 27-19 il primo quarto e allunga fino al 30-19 nel secondo tempino. A quel punto entra in scena Favento, che vive un momento di trance agonistica che le consente di mettere 4 triple di fila per il primo e unico vantaggio ospite sul 37-38. Poi una tripla di Dotto ridà respiro a Lucca per il 43-40 all’intervallo lungo.

Nella ripresa la difesa delle Mura cambia registro, intensità elevatissima e San Martino non riesce più a colpire. Anche Lucca ci mette un po’ a trovare la via del canestro ma una volta sbloccatasi sciorina una serie di azioni spettacolari che strappano gli applausi convinti dei tifosi. Il Fila non può più fare niente, Le Mura chiude in bellezza e – complice la sconfitta interna di Schio ad opera di Ragusa – si ritrova per la prima volta nella sua storia capolista solitaria. Una sensazione che accompagnerà questa settimana di preparazione al match di Schio.

Logica, al termine dei 40′, la soddisfazione del coach di Lucca, Mirco Diamanti: “Questa squadra – dice – ha dato un’altra dimostrazione di grande maturità. Nel secondo tempo ha alzato al massimo il livello della difesa dimostrando di stare bene sul piano fisico. Ed è stato importante il contributo di chi è uscito dalla panchina e stavolta vorrei sottolineare la prestazione di Reggiani. Ci godiamo la prima posizione in classifica, consapevoli che altre squadre

hanno roster più importanti ma che noi possiamo giocarcela con tutti. Nel femminile non è facile mettere insieme 9 vittorie di fila. Lo abbiamo fatto e il nostro primato è meritato”.

Il tabellino:

Lucca-San Martino: 74-57 (27-19; 43-40; 60-49)

Gesam Gas&Luce: Viale ne, Diene , Templari 4, Dotto 14, Wojta 10, Reggiani 2, Harmon 19, Crippa 16, Gaeta ne, Mandroni ne, Pedersen 6, Gatti 3. All. Diamanti

Fila San Martino: Filippi 6, Favento 14, Tonello 5, Amabiglia ne, Fassina ne, Bailey 15, Pascalau ne, Gianolla 10, Sbrissa 1, Fabbri 6, Davis ne. All. Abignente.

Arbitri: Pepponi Giulio (PG), Padovano Michela (PE), Patti Simone (PE)

Note: uscita per 5 falli Sbrissa al minuto 34.

Fotogallery a cura di Roberto Liberi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy