A1 – Lucca domina Torino, ma Diamanti si arrabbia

A1 – Lucca domina Torino, ma Diamanti si arrabbia

Il coach delle Mura critico: “Ci alleniamo per giocare 40′, inammissibile fermarsi dopo 25 minuti”. In realtà Gesam ha sempre avuto il controllo della gara. Petrachi: “Condizionati dai fischi arbitrali”

Commenta per primo!

Non sbaglia l’approccio ai playoff il Basket Le Mura Lucca che supera 85-62 Torino in garauno con una prestazione convincente, al punto che coach Diamanti ha potuto dare largo spazio anche a chi è partito dalla panchina. Netta la superiorità non solo tecnica di Gesam Gas che tiene sempre il controllo della gara, domina ai rimbalzi, recupera più palloni e tira molto di più di Torino, che prova a resistere avvicinandosi tra la fine del primo quarto e l’inizio del secondo. Torna a -5 la Fixi, prima di un perentorio nuovo allungo della squadra di casa, che arriva a +30 e poi si limita a gestire il vantaggio, facendo arrabbiare il suo allenatore che a sorpresa alla fine riserva più critiche che elogi alle sue ragazze.

“Abbiamo giocato solo 23-24 minuti – dice Diamanti – e non è accettabile che si faccia questo ma è difficile capire cosa passa nella testa delle giocatrici. Se guardiamo il risultato niente da dire, ma la prestazione e l’atteggiamento non mi sono piaciuti. Ci alleniamo per giocare 40′ a partita e non è vero che smettendo di giocare ci si riposa per la partita di tre giorni dopo”.

Coach Petrachi invece pensa già a garadue: “Siamo stati condizionati dagli arbitri, dai falli che ci hanno fischiato, ma la differenza comunque ci sta, anche a livello fisico. Comunque non ci arrendiamo, domenica daremo tutto poi se loro saranno più brave stringeremo loro la mano”.

L’avvio è di marca biancorossa. Apre Crippa, quindi Dotto e 4 punti di Harmon, ma c’è soprattutto una Wojta tentacolare, che va su tutti i palloni. 8-0 e time out di Petrachi prima del primo canestro di Anderson dalla lunetta. La gara è in assoluto controllo di Lucca, che allunga con i canestri di Crippa e Wojta fino al 20-4. Ma Torino non demorde, trova due triple con Sotiriu e Quarta, cui si aggiungono i canestri di Anderson e Smith per un parziale di 10-2 per la Fixi, che va al primo riposo sotto 22-14.

In avvio di secondo quarto Mitongu e Sotiriu provano ad avvicinare ulteriormente Torino, ma il terzo fallo e la conseguente uscita di Smith dopo 12’23” tolgono un riferimento importante alla squadra di Petrachi. Le Mura ci mette poco a riallungare nonostante un antisportivo di Gatti su Anderson e le rotazioni di Diamanti (in campo un quintetto con una sola straniera). Le palle recuperate (16 a metà gara) consentono a Gesam di volare in contropiede e nel finale di quarto arrivano 8 punti di Pedersen, mvp del match. All’intervallo lungo il tabellone segna 46-27 per Lucca, in virtù di un inusuale 61% da due, oltre che di un evidente predominio ai rimbalzi (18-10).

Al rientro Gesam non molla di un centimetro. Nella prima azione Torino non riesce a tirare, poi Crippa (tripla) e Harmon ampliano il divario che diventa di 30 punti al 25’42” dopo il canestro di Wojta. Dominante ai rimbalzi, Lucca controlla la gara, Torino in attacco si affida a Anderson, che colpisce a ripetizione ma non basta. 67-43 dopo 30′.

Nell”ultimo quarto cala l’intensità difensiva delle Mura e Anderson ne approfitta per infilare i canestri che portano il suo bottino personale a 25 prima che coach Petrachi, a risultato ormai certo, la richiami in panchina. Così come fa Diamanti, che continua a ruotare soprattutto le straniere. Finisce senza sussulti, domenica a Torino la rivincita.

Lucca-Torino 85-62 (22-14, 46-27, 67-43).

GESAM GAS LE MURA: Viale , Templari 5, Dotto 14, Wojta 16, Reggiani, Harmon 15, Crippa 16, Gaeta ne, Laterza, Mandroni ne, Pedersen 17, Gatti 2. Coach Diamanti.

FIXI PIRAMIS TORINO: Rosso ne, Puliti 2, Quarta 7, Coen 8, Domizi 2, Penz ne, Anderson 25, Smith 6, Cordola, Sotiriu 8, Mitongu 4. Coach Petrachi.

ARBITRI: Marziali di Roma, Lestingi di Roma, Bandinelli di Siena.

NOTE: antisportivo a Gatti al 14’27. Tecnico a Petrachi al 24’05”.

Fotogallery a cura di Roberto Liberi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy