A1- Parma la vince nel finale, Reyer al tappeto

A1- Parma la vince nel finale, Reyer al tappeto

Commenta per primo!

Lavezzini Parma – Umana Reyer Venezia 58 – 56
(Parziali: 19-18; 32-31; 48-46)

Lavezzini Parma: Lucca n.e., Zara 2, Giorgi 3, Spreafico 6, De Pretto 5, Trevisan n.e., Ugoka 18, Marangoni 3, Clark 13, Brezinova 8
Umana Reyer Venezia: Carangelo 3, Christmas 15, Pan, Bagnara, Sandri, Formica 6, Ruzickova 14, Dotto 7, Cubaj 2, Fontenette 9

Totali di squadra: Lavezzini Parma: tiri da 2 18/35, tiri da 3 3/15, t.l. 13/15, rimb. dif. 26, rimb. off. 7, p.p. 14, p.r. 9, assist 4/ Umana Reyer Venezia: tiri da 2 17/40, tiri da 3 4/17, t.l. 10/15, rimb. dif. 23, rimb. off. 13, p.p. 9, p.r. 13, assist 6

Il parquet del Palacity arreca ancora una volta un dispiacere all’Umana Reyer che, al termine di un incontro vibrante e nonostante il grande impegno profuso, è costretta ad alzare bandiera bianca. Non inizia bene la serata per le oro granata, con Formica che durante il riscaldamento accusa un leggero malore e dovrà attendere il terzo quarto per entrare in campo.

Partenza a razzo della Lavezzini con l’ala nigeriana Ugoka immediatamente a referto grazie a due tiri liberi. Show di Maya Ruzickova che in meno di due minuti straccia tre volte la retina emiliana portando le veneziane sul 2 a 6 a -8,10. Clark e Fontenette si annullano a vicenda mentre il tandem Ugoka/Clark fa il proprio dovere e non perde contatto. Il piccolo break a favore delle veneziane è merito di Carangelo, che infila una tripla e di Christmas, efficace da sotto (6-13 a-5,45). La partita in questa fase è particolarmente piacevole, con le formazioni che si affrontano a viso aperto e offrono uno spettacolo apprezzato dal folto pubblico presente. Contro-break delle parmensi in grado di piazzare a loro volta un 6 a 0 firmato da Brezinova e Ugoka portandosi ad un solo possesso (14-16 a -3,43). Coach Liberalotto non è soddisfatto della difesa e lo esprime eloquentemente. Dalla linea della carità Christmas tiene a distanza le emiliane che hanno però un ulteriore sussulto e terminano il quarto in crescendo, stabilendo il primo vantaggio proprio sul filo della sirena con Spreafico che ferma il tabellone sul 19 a 18.

Parma inizia la seconda frazione in modo “imperioso” e allunga con la bomba di Marangoni ed il canestro di Ugoka (24-18 a-8,50). L’Umana mantiene i nervi saldi e pazientemente continua a “macinare” il proprio gioco. Il centro ceco della Reyer capitalizza quattro punti consecutivi e spiana la strada a Christmas che impatta (24-24 a-5,45) costringendo Mauro Procaccini al time out. Ancora Ruzickova per il nuovo vantaggio veneziano ma la guardia gialloblu Clark ha un’impennata d’orgoglio e incrementa il suo bottino con sei punti di fila che entusiasmano gli spalti e lo stesso speaker che grida al microfono: “I love this game…”. Minimo vantaggio per la Lavezzini con Ugoka che replica a Ruzickova. Dotto sul buzzer regala il 32 a 31 con cui si conclude il secondo periodo.

Quindici minuti di riposo per le squadre e rientro sul parquet favorevole alle padrone di casa. Ugoka fa valere la sua fisicità esplosiva sotto i cristalli e Clark sfrutta un’ingenuità della difesa veneziana. Dai 6,75 Fontenette riavvicina le compagne e coach Liberalotto rischia la carta Formica che esordisce andando immediatamente a segno. Fontenette dalla lunetta effettua un nuovo sorpasso e ancora Formica sigla il +4. Alla tripla di Giorgi fa eco il canestro di Cubaj. Continua incessante il botta e risposta tra le due formazioni che non riescono a distaccarsi nel punteggio. Doppio errore dalla lunetta per Christmas che vola però a catturare il rimbalzo, subisce un nuovo fallo e “mette” un importante 2 su 2. Sempre Ugoka in evidenza e Parma, con De Pretto che finalizza un’azione da 3 punti, si riprende il vantaggio di un possesso (46-44 a-2,13). Fontenette “impatta” per l’ennesima volta dopo la stoppata messa a segno da Cubaj, ma la Lavezzini deve “amare” i finali testa a testa in quanto, questa volta in modo rocambolesco, Zara che stava perdendo palla allo scadere del tempo, insacca un gancio dai 6 metri che vale il 48 a 46 finale di quarto.

E’ di Christmas il pari momentaneo che apre gli ultimi 10’. Il tecnico fischiato all’effervescente Procaccini comporta il vantaggio di un’incollatura per le lagunari anche se Brezinova aggiusta la mira e rimette ancora la testa avanti. Due tentativi a vuoto dalla lunga distanza da parte di Christmas e Fontenette e punteggio “inchiodato” sul 52 a 51. L’agonismo sembra oramai prevalere sulla tecnica e l’Umana mostra qualche difficoltà in attacco. Alla bomba di Dotto a -3,23, che riporta in vantaggio le oro granata, seguono quattro punti pesantissimi di Spreafico e Ugoka. Ancora pareggio assoluto grazie a Formica ma Clark elude i tentacoli di Ruzickova e deposita a canestro quelli che si riveleranno i punti decisivi per le parmensi. L’Umana Reyer non riesce infatti a sfruttare gli ultimi secondi per rimettere in discussione la gara e la Lavezzini, con il grande merito di aver ostinatamente creduto sino all’ultimo nella vittoria, si aggiudica due punti d’oro per il suo prosieguo in campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy